Zelensky spazza via la guerra di Biden alla Russia


di MK Bhadrakumar

Che bisogno c’era di tutto quello che è successo nel periodo da metà dicembre in cui la Russia ha trasmesso a Washington le sue richieste di garanzia di sicurezza? Questa domanda perseguiterà il presidente degli Stati Uniti Joe Biden molto tempo dopo il suo ritiro dalla vita pubblica. L’eredità di politica estera della sua presidenza e la reputazione di questo tanto decantato politico di 80 anni con un record di mezzo secolo nella vita pubblica, gran parte di esso presumibilmente nel dominio della politica estera americana sono a brandelli – irreparabili.

È apparsa la notizia che il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha ammesso di essere disposto a cedere alla richiesta russa che il suo paese non cercherà di diventare un membro dell’Organizzazione del Trattato del Nord Atlantico! L’annuncio è arrivato in un’intervista con ABC News in cui ha rivelato che non sta più premendo per l’adesione dell’Ucraina alla Nato!

In effetti, Zelensky fa uscire il gatto dalla borsa aggiungendo casualmente: “Mi sono raffreddato su questa domanda molto tempo fa, dopo aver capito che… la Nato non è disposta ad accettare l’Ucraina”.

Zelensky spiega perché: “L’alleanza ha paura delle cose controverse e del confronto con la Russia”.

Ciò avviene dopo la sua precedente rivelazione di essere “aperto al compromesso” sulla sovranità delle due repubbliche separatiste di Lugansk e Donetsk nella regione orientale del Donbass e sullo status della Crimea.

Secondo quanto riferito, l’ABC News ha trasmesso l’intervista lunedì sera, nella Eastern Time. Da allora, il duo del team Biden che ha pilotato la strategia dell’Ucraina, quelle apocalittiche “sanzioni dall’inferno” e la demonizzazione di Vladimir Putin negli ultimi mesi – il Segretario di Stato Antony Blinken e il Sottosegretario di Stato Victoria Nuland – non si sono più visti .

Nuland, Blinken, Biden, il trio che dirige la guerra in Ucraina

Biden afferma che c’è “spazio per lavorare” con la Russia sulle questioni dell’Ucraina
Quel duo di discendenza dell’Europa dell’Est al posto di guida – Blinken alla guida e Nuland al suo fianco che lo orienta – dovrebbe offrire una spiegazione per tutta questa farsa che sta andando in scena, che sta praticamente demolendo il prestigio americano come superpotenza.

Le domande sono in abbondanza. Principalmente, se è così facile trovare un compromesso sulle legittime richieste di sicurezza della Russia, in particolare per quanto riguarda l’adesione dell’Ucraina alla Nato e l’ulteriore espansione dell’alleanza, perché Biden è stato così testardo nel suo rifiuto persino di discuterne, data l’urgenza della questione?

Può essere che Biden abbia agito in modo intelligente per creare un fatto compiuto per Mosca formalizzando l’adesione dell’Ucraina al prossimo vertice della Nato del 29-30 giugno a Madrid?

Qual è la necessità di destabilizzare le economie europee e scuotere il mercato petrolifero mondiale in un momento in cui la maggior parte delle economie sta entrando in un percorso di ripresa economica post-pandemia?

Cosa spiega questa innaturale ossessione di Biden per il regime ucraino?

Perché un tale odio viscerale da parte di Biden verso la Russia, qualcosa di indegno di uno statista mondiale di 80 anni?

Perché la guerra economica contro la Russia è diventata un affare così personale per Biden, come mostra il suo discorso alla Casa Bianca di martedì ?

Ma una fine così vergognosa per l’intero episodio sull’adesione dell’Ucraina alla Nato era del tutto prevedibile. Fondamentalmente, questa è una questione esistenziale per la Russia. Mentre Biden, Blinken e Nuland sono dilettanti seduti a 10000 km di distanza che si abbandonano ai vecchi passatempi neocon di interferire negli affari interni di altri paesi, minacciandoli, disciplinandoli o punendoli per aver sfidato i diktat americani.

Anche dopo che Zelensky ha parlato, qual è stata la reazione di Biden? Ha programmato un discorso per annunciare che gli Stati Uniti non importeranno più petrolio dalla Russia. Non avrebbe dovuto tirare un sospiro di sollievo per il fatto che questa guerra in Ucraina si sta esaurendo?

Invece, ha fatto ricorso a questa strana misura sdentata per impressionare il pubblico americano che ha ancora una serie di vittorie che promuove la democrazia in terre lontane. Non è un tale espediente un insulto al pubblico americano credulone?

Biden ha compiuto questo nuovo passo dopo che gli europei gli hanno detto chiaramente che non sono interessati a una mossa del genere contro la Russia, data la loro forte dipendenza dal petrolio russo.

In secondo luogo, Biden sembra non sapere o ha finto il contrario che l’America sta effettivamente sparando sui suoi stessi piedi. Perché i prezzi russi sono altamente competitivi e le aziende americane ora dovranno pagare molto di più per procurarsi petrolio di qualità pesante adatto alle loro raffinerie.

Biden ha già ingoiato il suo orgoglio e ha inviato una squadra di funzionari in Venezuela, un paese sotto le pesanti sanzioni statunitensi, per chiedere petrolio al presidente Nicolas Maduro (che era sulla lista dei risultati della CIA non molto tempo fa per essere un socialista) per sostituire il petrolio russo.

Maduro li ha rimandati indietro suggerendo una relazione più ampia e reciprocamente vantaggiosa tra Venezuela e America. Tutto questo dramma ha avuto luogo in pieno giorno, testimoniato dall’intero emisfero occidentale. Non riderebbero oggi della figura del presidente americano che si è dimostrato un uomo di paglia?

Biden afferma che si sta assicurando che Putin non avrà soldi per la sua “macchina da guerra” se l’America smetterà di acquistare petrolio dalla Russia. Questo è ridicolo, al limite della menzogna.

Gli Stati Uniti stavano acquistando circa il 12% delle esportazioni totali di petrolio della Russia. Va bene, è una cifra decente. Ma non è come se la Russia non avesse altri acquirenti in un mercato mondiale in cui il prezzo del petrolio è salito a 130 dollari al barile (grazie alle “sanzioni infernali” di Biden contro la Russia)?

Sicuramente, un numero qualsiasi di potenziali acquirenti farebbe la fila se la Russia offrisse prezzi competitivi (come aveva fatto per le società statunitensi) per deviare le azioni extra a causa del boicottaggio di Biden.

Settore petrolifero prezzi alle stelle

Ad ogni modo, Biden non può non sapere che l’attuale bilancio della Russia è in pareggio sulla convinzione che i prezzi del petrolio si aggirerebbero intorno ai 40-45 dollari al barile. Con l’attuale livello del prezzo del petrolio, la Russia sta effettivamente facendo una fortuna! E la parte divertente è che è un regalo delle sanzioni di Biden!

Fondamentalmente, il problema oggi è che l’élite americana è delusa. Mentre il resto del mondo sa che in un mondo multipolare, la capacità degli Stati Uniti di imporre la propria volontà su altri paesi è inesorabilmente in declino, l’élite americana chiude gli occhi su questa realtà. L’attuale situazione ridicola si è verificata solo a causa di questa arroganza e autoinganno.

La sconfitta strategica che Washington ha subito intaccherà il prestigio degli Stati Uniti nel mondo, indebolirà la sua leadership transatlantica, svelerà la sua strategia indo-pacifica e accelererà il drenaggio dell’influenza americana nel 21° secolo. La presidenza Biden porterà questa croce pesante.

*La fonte originale di questo articolo è Indian Punchline

Traduzione: Luciano Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM