Zelensky Non Ha Il Controllo Dell’esercito Ucraino” – Capo Del DPR Pushilin

di Joaquin Flores

DONETSK – Commentando la situazione di maggiore violenza a cui si assiste con l’Ucraina, il premier della DPR (Repubblica di Donetsk) Denis Pushilin ha spiegato che, da quando il nuovo presidente eletto dell’Ucraina, Zelensky, è salito al potere, il numero delle violazioni del cessate il fuoco nel Donbass è effettivamente aumentato più volte – Zelensky ha fallito per stabilire il controllo sulle “operazioni punitive” condotte dall’esercito ucraino. Pushilin ha spiegato oggi in una importante rivelazione che mentre Zelensky è nominalmente il capo costituzionale dello stato ucraino, lui di fatto non dispone dell’effettiva autorità militare che normalmente si assocerebbe al “comandante in capo” delle forze armate.

“Perché Zelensky non dà l’ordine per un cessate il fuoco? A mio parere, poiché ha una debole autorità tra i militanti ucraini, quindi, a questo proposito, ha scarso effetto su questi “, ha detto.

Secondo Pushilin, in questo contesto, Zelensky deve sempre giustificarsi.

“Abbiamo anche ascoltato le sue scuse poco tempo fa – stanno nuovamente trasformando tutto sottosopra, di nuovo, presumibilmente, dicono che sarebbe la Russia ad aver perso il controllo sulle forze armate. La Russia non c’entra nulla in questo caso. Questo è un tentativo impotente di giustificare i crimini delle forze armate dell’Ucraina. Il richiamo alla violenza nell’Ucraina, ricordo, è aumentato dall’arrivo del nuovo presidente di Zelensky “, ha riassunto il capo del DPR.

Lo stato maggiore della DPR

In precedenza, il segretario stampa di Zelensky ha ammesso che le forze armate ucraine stanno sparando sugli edifici residenziali nel Donbas , tuttavia, secondo lui, “lo fanno in risposta alle provocazioni”. Ricordiamo che l’ esercito ucraino ha sparato il giorno precedente sul DPR più di 200 proiettili e missili sulle abitazioni reidenziali del distretto di Donetsk.


Nota: Gli osservatori internazionali dicono che, l’arrivo di forze NATO, da parte di USA, Canada e Regno Unito, quali istruttori e contractors, assieme alle forniture di altre armi all’Esercito dell’Ucraina, hanno fatto sentire più forte quest’ultimo e di conseguenza sono aumentate le provocazioni e gli attacchi lungo la linea di demarcazione. Non si può escludere (e sembra anzi molto probabile) che gli ambienti della NATO stiano cercando di sobillare la riapertura del conflitto nel Donbass.

Fonte: FRN

Traduzione: Sergei Leonov

1 commento

  • namelda
    10 Giugno 2019

    E’ quella chiavica costosissima di NATO la causa di tutta questa sofferenza delle popolazioni russe;
    gli ukronazi son buoni solo a massacrare e bruciare a tradimento vecchiette e impiegati;ma quando vedono un vero soldato che difende la sua terra si kagano sotto e scappano a gambe levate a nascondersi dietro ai loro “consigliori”NATO;
    poveri koglioni servi mentali del Kapitalismo,
    e servi reali del fondo monetario,non bastano più le rimesse delle vostre “badanti e altro”
    pagheranno anche i vostri figli e nipoti.
    intanto,pensate a far legna per quest’inverno o userete il riscaldamento a fiato.

Rispondi a namelda cancella risposta

*

code