Zelensky, il Pentagono riconosce che la controffensiva doveva essere “messa in pausa” a causa delle perdite

placeholder


DI TYLER DURDEN
Il New York Times in un articolo del fine settimana ha ammesso che le cose sembrano cupe per le possibilità di una controffensiva dell’Ucraina, riconoscendo che il presidente Zelensky era stato costretto a metterla in “pausa” a un certo punto.

La storia, intitolata “Dopo aver subito pesanti perdite, gli ucraini si sono fermati per ripensare la strategia”, cercava ancora di dare una svolta positiva alla terribile situazione di Kiev :

Parte del miglioramento è arrivato perché l’Ucraina ha cambiato tattica, concentrandosi maggiormente sull’usura delle forze russe con artiglieria e missili a lungo raggio piuttosto che sulla carica nei campi minati nemici e sul fuoco.

Ma quella buona notizia oscura alcune tristi realtà. Le perdite sono rallentate anche perché la stessa controffensiva è rallentata – e in alcuni punti si è persino fermata – mentre i soldati ucraini lottano contro le formidabili difese della Russia. E nonostante le perdite, gli ucraini finora hanno preso solo cinque delle 60 miglia che sperano di percorrere per raggiungere il mare a sud e dividere in due le forze russe.

Questo dopo aver ammesso che solo nelle prime due settimane della controffensiva le forze ucraine hanno perso circa il 20% delle armi appena fornite dall’Occidente, compresi carri armati e veicoli corazzati. La tanto decantata offensiva era iniziata a maggio, ma non si è tradotta in grandi guadagni.

“Questa settimana, il presidente dell’Ucraina, Volodymyr Zelensky, ha riconosciuto che c’era stata una breve pausa nelle operazioni alcune settimane fa, ma ha attribuito la colpa alla mancanza di attrezzature e munizioni e ha invitato gli alleati occidentali ad accelerare il ritmo delle consegne”, ha scritto il Times . .

Il rapporto sottolineava che il Pentagono da allora ha riconosciuto pubblicamente la “pausa” , ma poi ha aggiunto: “I funzionari americani hanno riconosciuto la pausa e hanno detto che gli ucraini avevano ricominciato a muoversi, ma più deliberatamente, più abili a navigare nei campi minati e consapevoli dei rischi di vittime”.

Per quanto riguarda Zelensky, venerdì ha detto alla nazione che “Dobbiamo tutti capire molto chiaramente, il più chiaramente possibile, che le forze russe nelle nostre terre meridionali e orientali stanno facendo tutto il possibile per fermare i nostri soldati”. Ha aggiunto: “E ogni mille metri che avanziamo, ogni successo di ogni brigata da combattimento merita la nostra gratitudine”.

Molto rapidamente dopo l’inizio della controffensiva il mese scorso, ha ammesso un ritmo “più lento del previsto”, lamentando anche che sono assolutamente necessarie più armi e artiglieria occidentali.
L’inizio della controffensiva circa due mesi fa era stata accompagnata da entusiastici resoconti dei media mainstream occidentali sui rapidi successi che sarebbero stati ottenuti. Anche prima, la maggior parte dei resoconti della situazione sul campo di battaglia erano pesantemente distorti per adattarsi a una narrativa filo-Kiev e filo-occidentale, ma la realtà si è dimostrata molto più confusa e in definitiva illusoria .

Fonte: Zero Hedge

Traduzione: Luciano Lago

2 commenti su “Zelensky, il Pentagono riconosce che la controffensiva doveva essere “messa in pausa” a causa delle perdite

    1. Esatto. Lei ha colto nel segno, visti i protagonisti di questa triste vicenda. È lo stesso problema degli italiani e degli altri europei, che si ostinano a stare dalla parte sbagliata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM