ZELENSKY DEVE SCEGLIERE TRA COLLOQUI O PERDITA DI PIÙ TERRITORIO – EX CAPO DELL’ESERCITO AMERICANO

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky dovrà scegliere tra colloqui di pace con Mosca o la continuazione del conflitto e la perdita di più territorio, ha scritto in un articolo l’ex tenente colonnello dell’esercito americano Daniel Davis.

“Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky è riluttante ad accettare qualsiasi accordo che lasci il territorio ucraino nelle mani dei russi. La realtà, tuttavia, è che non ha quello che serve per cacciare completamente Mosca dal suo territorio. La scelta più realistica che deve affrontare è tra negoziare la fine dei combattimenti che consenta all’Ucraina di mantenere ciò che ha, o continuare a combattere e perdere ancora più terreno. Questa decisione spetta solo a Zelensky, ma anche l’America ha un’agenzia di intelligence e deve badare ai propri interessi “, ha scritto Davis in 19FortyFive .

Secondo lui, è improbabile che la controffensiva delle forze armate ucraine abbia successo poiché non hanno abbastanza truppe per far fronte all’esercito russo data la superiorità nel numero di soldati, armi ed equipaggiamento.

L’ex tenente colonnello ha riflettuto anche sulla politica del proprio Paese in merito al conflitto armato, biasimando la promessa di continuare a dare all’Ucraina ciò di cui ha bisogno “per tutto il tempo necessario” perché non è una strategia sostenibile e quasi certamente non produrrà un risultato positivo per gli Stati Uniti o l’Ucraina. “È quindi necessaria una correzione di rotta”, ha sottolineato.

Davis ha aggiunto che molti in Europa riconoscono già che l’Ucraina non può vincere in un lasso di tempo pratico a un costo ragionevole.

Infine, l’autore afferma che, “per quanto orribile sarebbe per noi accettare di porre fine alla guerra a condizioni indesiderabili, sarebbe ancora peggio ignorare la realtà e continuare a perseguire un obiettivo militare irraggiungibile. Il costo per il primo è sgradevole. Il costo per quest’ultimo potrebbe essere infinitamente peggiore.

All’inizio di aprile, il segretario di Stato americano Antony Blinken ha lasciato intendere che le forze armate ucraine potrebbero condurre un’offensiva nelle prossime settimane. Da parte sua, il ministro della Difesa ucraino, Oleksii Reznikov, ha lanciato un appello ad attendere la fine della stagione del fango, nota come Rasputitsa, affinché le strade siano percorribili.

Il portavoce della presidenza russa, Dmitry Peskov, ha osservato che qualsiasi dichiarazione sull’offensiva pianificata da parte dell’esercito ucraino viene attentamente monitorata e considerata nella pianificazione dell’operazione militare speciale. In questo modo, la Russia ha avuto tutto il tempo per prepararsi a questa offensiva ucraina e, sebbene inizialmente si possano ottenere dei guadagni, si prevede che si esaurirà e sarà seguita da un importante contrattacco russo.

Il New York Times ha osservato che, se l’esercito ucraino non riuscirà a respingere le forze russe, il sostegno occidentale all’Ucraina potrebbe indebolirsi. Ciò è particolarmente vero poiché la stanchezza della guerra e le crisi economiche stanno attanagliando l’UE e gli Stati Uniti.

Tuttavia, il 3 maggio la Commissione europea ha adottato la legge a sostegno della produzione di munizioni (ASAP) “per fornire urgentemente munizioni e missili all’Ucraina e per aiutare gli Stati membri a rifornire le loro scorte”.

“Introducendo misure mirate, compreso il finanziamento, la legge mira ad aumentare la capacità produttiva dell’UE e ad affrontare l’attuale carenza di munizioni e missili, nonché dei loro componenti. Sosterrà la riduzione delle scorte dagli Stati membri e l’approvvigionamento congiunto di munizioni”, ha aggiunto l’annuncio.

Da parte sua, la presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, ha dichiarato: “Manteniamo la nostra promessa di sostenere l’Ucraina e il suo popolo, per tutto il tempo necessario. Ma i coraggiosi soldati ucraini hanno bisogno di un equipaggiamento militare sufficiente per difendere il loro paese”.

Tuttavia, nonostante tutti i discorsi sul sostegno all’Ucraina “per tutto il tempo necessario”, è dubbio che gli Stati membri dell’UE continueranno a prosciugare le loro economie e risorse a lungo termine perché Kiev si rifiuta di negoziare. Ciò diventerà particolarmente evidente quando le elezioni inizieranno a insinuarsi negli Stati membri e la furia della gente per la terribile situazione economica verrà espressa.

Nella stessa luce di Ursula von der Leyen, il 3 maggio il portavoce della Casa Bianca John Kirby ha rivelato che gli Stati Uniti hanno già consegnato quasi il 100% degli aiuti militari richiesti da Kiev per la sua offensiva, ma ciò non impedirà loro di effettuare ulteriori consegne.

C’è evidentemente una netta divisione tra i governanti occidentali e gli esperti, soprattutto quando si ricorda che l’ex tenente colonnello dell’esercito americano Daniel Davis è ben lungi dall’essere l’unico esperto a sollecitare negoziati poiché l’Ucraina non ha alcuna possibilità di vincere la guerra nonostante tutti i discorsi coraggiosi e la propaganda .

Il pompaggio di risorse per l’esercito ucraino deriva dal fatto che se l’offensiva di Kiev non avesse successo, l’Occidente avrebbe fallito nel suo compito di preservare i confini prebellici dell’Ucraina e fermare l’avanzata della Russia, oltre a sprecare miliardi e miliardi di dollari a proprio immenso danno . Ma come detto, per ora, sono solo gli esperti occidentali, e non i governanti, a voler affrontare questa realtà.

Scritto da Ahmed Adel , ricercatore di geopolitica ed economia politica al Cairo

Fonte; South Front

Traduzione: Luciano Lago

:

6 thoughts on “ZELENSKY DEVE SCEGLIERE TRA COLLOQUI O PERDITA DI PIÙ TERRITORIO – EX CAPO DELL’ESERCITO AMERICANO

  1. Nulla è scontato, basti pensare all’offensiva tedesca nel 1940 in Francia. Ma in questo caso, se i russi non commettono macroscopici errori di schieramento, specie delle riserve, è molto probabile che la controffensiva ucraina conseguirà limitati risultati: al massimo la riconquista della centrale di Zaporisza, che comunque sarebbe un risultato importante, visto che produce tantissima energia. Il problema più grosso sarà resistere al contrattacco russo, che sarà adeguatamente supportato dall’aria. credo che gli ucraini cercheranno in tutti i modi di ottenere un cessate il fuoco, grazie ai loro potenti e/o servili alleati, per cristallizzare la situazione. Mi auguro che non ci riescano, e che i russi continuino a perseguire gli obiettivi dell’operazione speciale…viva la pace!

  2. Con gente come Von der Leyen l’Unione Europea è scomparsa, esiste solo la NATO ; Bruxelles e Strasburgo restano come centri di malaffare. Se i popoli europei non si rivoltano, siamo finiti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2023 · controinformazione.info · site by madidus