"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

Zarif in risposta a Tillerson: Combattenti anti-Daesh non aspettano l’ordine di nessuno

PRETORIA- Il ministro degli Esteri iraniano Mohammad Javad Zarif ha dichiarato ieri che le forze che combattono contro i terroristi di Daesh non hanno mai aspettato l’ordine di nessuno di difendere la loro patria.

Parlando ai giornalisti alla fine della 13a riunione della commissione Iran-Sudafrica a Pretoria, Zarif ha queste osservazioni in risposta ai commenti precedenti del Segretario di Stato americano, Rex Tillerson, nella capitale saudita, Riyadh. Domenica scorsa Tillerson stava parlando a una conferenza stampa congiunta con il ministro degli Esteri Saudita Adel al-Jubeir, aveva ribadito che le “milizie iraniane” in Iraq dovrebbero lasciare il paese ora che la lotta contro Daesh si stava avvicinando. “Le milizie iraniane che sono in Iraq, ora che la lotta contro Daesh e ISIS sta avvicinando, devono tornare a casa. I combattenti stranieri in Iraq devono tornare a casa e permettere al popolo iracheno di riacquistare il controllo “, ha detto il segretario statale degli Stati Uniti.

In risposta a Tillerson, Zarif ha osservato che i combattenti anti-Daesh “sono già nelle loro case e non hanno aspettato e non aspetteranno l’ordine di nessuno”, aggiungendo: “Se avessero aspettato gli ordini di Tillerson e del governo degli Stati Uniti, ora avremmo avuto Daesh a Baghdad e Erbil ».

Così ha detto Zarif sottolineando che i combattenti anti-Daesh hanno agito solo in linea con gli ordini delle autorità religiose e hanno difeso la propria patria. “A differenza degli Stati Uniti che vede i suoi interessi in divisione e discordia, la Repubblica islamica dell’Iran vede i suoi interessi in cooperazione e collaborazione con i paesi regionali”, ha detto Zarif.

Fonte: Pars Today

*

code

  1. Mardunolbo 3 settimane fa

    “A differenza degli Stati Uniti che vede i suoi interessi in divisione e discordia, la Repubblica islamica dell’Iran vede i suoi interessi in cooperazione e collaborazione con i paesi regionali”,
    Mai analisi fu più “spietata” e perfetta di questa !
    ma in Europa, qualcuno riesce a leggere queste dichiarazioni di verità ?

    Rispondi Mi piace Non mi piace