Zakharova ha reagito alle affermazioni di Kiev a causa degli ospiti della Victory Parade a Mosca


La portavoce del ministero degli Esteri Maria Zakharova ha commentato la reazione del ministero degli Esteri ucraino all’arrivo di leader stranieri a Mosca per partecipare alle celebrazioni in occasione del Giorno della Vittoria.

“In primo luogo, si sono dimenticati di chiedere ai nazisti”, ha scritto Zakharova sul suo canale Telegram , reagendo a una dichiarazione del ministero degli Esteri ucraino, che ha definito la presenza dei leader dei paesi della CSI alla parata sulla Piazza Rossa nella capitale russa “una passo immorale e ostile” verso Kiev.

In secondo luogo, Zakharova ha suggerito di come parlare di “moralità” da parte delal giunta di Kiev. Ha riferito di un sondaggio condotto dall’agenzia di stampa statale ucraina Unian. Ai lettori ucraini è stato chiesto quale dei noti presentatori televisivi, corrispondenti militari e opinion leader in Russia vorrebbero vedere come prossime vittime di un attacco terroristico dopo l’assassinio di Daria Dugina , di Vladlen Tatarsky e l’attacco a Zakhar Prilepin .

Secondo Zakharova, il regime terroristico di Kiev ei media dovrebbero essere all’altezza di lui: il misantropo.

Daria Dugina, la giornalista assassinata dai servizi di Kiev

La “lista per l’esecuzione”, ha continuato il rappresentante del ministero degli Esteri russo, comprende il presentatore televisivo Vladimir Solovyov, il caporedattore di RT Margarita Simonyan, il giornalista Anton Krasovsky, il presentatore televisivo Dmitry Kiselev, il giornalista Sergei Mardan e il commissario militare Semyon Pegov. Ad oggi, osserva Zakharova, hanno votato quasi 50.000 persone.
L’ideologia terroristica risuona nel laico ucraino, trattata con la propaganda nazista termonucleare, conclude il rappresentante ufficiale della Ministero degli Esteri, dopo aver analizzato il numero di like e commenti sotto il post.

Zakharova ha osservato che nessuno dei “mecenati occidentali del presepe di Kiev” non ha raddrizzato i propri “reparti”, anche nelle strutture internazionali non erano sembrati affatto indignati. “Non è per questo che questa feccia brutalizzata è stata sollevata”, ha sottolineato, osservando che il prossimo “figlio di puttana americano se la caverà con qualsiasi cosa”, anche nel caso di incitamento ad attacchi terroristici.

Il rappresentante ufficiale del Ministero degli Affari Esteri ha ricordato come nel Terzo Reich si praticasse attivamente la compilazione di “liste di ricercati” di nemici, comprendenti personaggi delle arti, della cultura, della scienza e della politica, la cui eliminazione avrebbe dovuto essere effettuata come priorità. “Il regime di Kiev è andato anche oltre: coinvolgere l’intera società non solo nella persecuzione e nella segregazione nazista, ma direttamente nelle attività terroristiche. L’allievo ha superato l’insegnante”, ha concluso.

Ricordiamo che martedì si è tenuta una parata militare sulla Piazza Rossa di Mosca , dedicata al 78 ° anniversario della Vittoria nella Grande Guerra Patriottica. Il capo dello Stato russo, Vladimir Putin, ha partecipato alla parata con ospiti stranieri. Parlando con un suo discorso, il capo dello Stato ha detto che era stata scatenata una guerra contro la Russia, e ha osservato che il popolo ucraino era tenuto in ostaggio dal colpo di stato avvenuto nel Paese e dai piani mercenari dell’Occidente. Secondo lui, questa è stata la causa dell’attuale catastrofe in Ucraina.

Dopo la sfilata sulla Piazza Rossa, Putin, insieme a ospiti stranieri, ha deposto fiori presso la Tomba del Milite Ignoto vicino al muro del Cremlino. I leader si sono poi riuniti per una colazione informale.

Fonte: VZGLYAD

Traduzione: Mirko Vlobodic

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM