"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

Yemen. Quando i crimini si accumulano, diventano invisibili”

Quando i crimini si accumulano, diventano invisibili”: la complicità occidentale nella sporca guerra in Arabia Saudita nello Yemen

di  John Wight

La complicità dei governi occidentali nell’oceano della sofferenza provocata nello Yemen li espone come agenti della brutalità saudita.
Dopo tre anni di conflitto inarrestabile, è stato stimato che su una popolazione di 27,4 milioni, 22,2 milioni di persone nello Yemen hanno bisogno di assistenza umanitaria, 17 milioni sono insicure, 14,8 milioni mancano di assistenza sanitaria di base, 4,5 milioni di bambini soffrono di malnutrizione , mentre 2,9 milioni di persone sono sfollate internamente. Per quanto riguarda morti e feriti, il pedaggio è pari a circa 14.000 e 50.000 rispettivamente.

Come risultato del conflitto, il paese sta affrontando anche la “più grande epidemia di colera documentata dei tempi moderni”. E questa epidemia non può che essere intensificata dal bombardamento saudita avvenuto di un centro per il trattamento del colera nell’ovest del paese, che ha costretto l’ONG francese Médecins Sans Frontières a interrompere il loro lavoro nella struttura.

Eppure, nonostante questa enorme portata nella sofferenza umana, la guerra della coalizione sunnita guidata dai sauditi non solo continua, si è intensificata con lo scatenarsi di un’enorme offensiva aerea, terrestre e marittima contro la città portuale di Hodeidah, controllata dal Mar Rosso, controllata da Houthi. degli ultimi punti rimanenti di ingresso di cibo, medicine e altri aiuti umanitari essenziali nel paese assediato.

Bombardamenti nello Yemen

Foto  sinistra -Le persone ispezionano il danno in un impianto di MSF dopo che è stato colpito da un attacco aereo La coalizione guidata dai sauditi colpisce la struttura di Medici senza frontiere appena costruita nello Yemen
Secondo Amnesty International , “il porto di Hodeidah è cruciale per un paese che dipende dall’80% delle importazioni per soddisfare le necessità di base: tagliare questa linea di rifornimento cruciale aggraverà ulteriormente quella che è già la peggiore crisi umanitaria del mondo”. Quindi “l’assalto a Hodeidah potrebbe avere un impatto devastante per centinaia di migliaia di civili – non solo in città ma in tutto lo Yemen”.

Lo Yemen, sulla punta meridionale della penisola arabica, è il paese più povero del Medio Oriente, con un PIL pro capite prima del conflitto di soli $ 1.400 .

Il presidente Abd Rabbuh Mansur Hadi dirige il governo riconosciuto a livello internazionale del paese. Nel modo abituale dei leader legittimi, tuttavia, Hadi vive attualmente in esilio.

Il presidente Hadi è stato eletto come candidato unico per la carica di presidente nel 2011 dopo che il suo predecessore, Ali Abdullah Saleh , ha ceduto il potere di fronte alle crescenti e sostenute proteste durante la primavera araba. Saleh aveva guidato la parte settentrionale dello Yemen dal 1978 prima di assumere la presidenza della Repubblica dello Yemen nel 1990, dopo la riunificazione delle metà nord e sud del paese.

L’ex presidente, il cui regno era impantanato in accuse di corruzione e cattiva gestione delle risorse del paese, si è allineato con la stessa minoranza Houthi che ha avuto un ruolo nel cacciarlo durante le summenzionate proteste della primavera araba, quando la loro ribellione contro il governo di Hadi è iniziata nel 2015.

Il casus belli della ribellione di Houthi fu il rifiuto del presidente Hadi di dare più autonomia alla minoranza sciita dopo aver assunto la carica. Per quanto riguarda Saleh, gli Houthi l’hanno ucciso alla fine del 2017, dopo aver rotto con la ribellione e dichiarato la sua volontà di entrare in dialogo con i sauditi sul futuro del paese.Ciò che abbiamo nello Yemen, come possiamo vedere, è una crisi complessa anche per gli standard arabi.

Lo Yemen è stato a lungo colpito dalla soffocante dominazione della penisola arabica dall’Arabia Saudita. Questa dominazione, al servizio della puritana ideologia settaria wahabita di Riyad, alimenta in parte la ribellione degli Houthi del paese, per i quali il presidente Hadi è un burattino saudita.

Ciò detto, che l’insurrezione gode della simpatia se il sostegno non aperto della più ampia popolazione yemenita si misura nel suo successo nel prendere il controllo della capitale del paese, Sanaa, insieme ad altri centri urbani come la città portuale di Hodeidah.

Assumendo una visione più ampia, il conflitto è considerato parte di una guerra per procura regionale in corso tra Iran e Arabia Saudita. Sin dall’inizio della ribellione nel 2015, Riyadh ha affermato che gli Houthi sono una fazione che opera per conto dell’ Iran, giustificando così il suo coinvolgimento nella guerra di aggressione. Tuttavia, nel 2015, il corrispondente veterano del Medio Oriente Patrick Cockburn stava scrivendo che questa affermazione era “ampiamente vista come propaganda o esagerazione”.

Tre anni dopo e gli iraniani sono ora sicuramente coinvolti , fornendo gli Houthi con armi e, secondo alcune fonti, anche consulenti militari. Pertanto, l’intervento dell’Arabia Saudita nel 2015 sulla pretesa spuria del coinvolgimento iraniano è diventato una profezia che si autoavvera.

Tornando alla complicità occidentale nella carneficina e alle sofferenze che vengono inflitte al popolo yemenita, non c’è mai stato un esempio più nudo di ipocrisia mascherata da democrazia. In effetti, l’alleanza di vecchia data tra Stati Uniti, Regno Unito e Arabia Saudita assume un vantaggio rispetto alle affermazioni spesso ripetute di Washington e Londra, quando si tratta del loro ruolo auto-nominato come difensori e guardiani dei diritti umani e della democrazia.

A partire dall’amministrazione Obama, e cresciuto sotto Trump, il coinvolgimento degli Stati Uniti in questo brutale conflitto è consistito in attacchi aerei militari diretti (condotti contro Al-Qaeda e obiettivi dello Stato islamico, secondo Washington), insieme a logistica, intelligence e altre forme -il supporto di armamenti fornito alla coalizione anti-Houthi guidata dai sauditi. Questo, naturalmente, non sta dimenticando le vendite di armi degli Stati Uniti al Regno, costituiscono oltre il 50% di tutte le esportazioni di armi statunitensi.

Nel frattempo, nel 2017, il Pentagono ha confermato che anche le truppe di terra statunitensi erano presenti nello Yemen, nuovamente giustificate sulla base del coinvolgimento in operazioni contro Al-Qaeda e lo Stato islamico (IS, ex ISIS).

Per quanto riguarda il ruolo di Londra nel sostenere lo sforzo bellico saudita nello Yemen, le vendite di armi del Regno Unito sono state anche la chiave per la capacità dello stato wahhabita di proiettare il duro potere nella regione, pari a 4,6 miliardi di sterline (6 miliardi di dollari) solo dal 2015. Come negli Stati Uniti, l’Arabia Saudita è il più grande mercato per le vendite di armi per il Regno Unito e lo è stato per un certo numero di anni.

Nel 2017, gli attivisti hanno intentato una causa legale contro il governo britannico per la vendita di armi ai sauditi, sostenendo che alcune di queste sono stati usati per uccidere i civili yemeniti.

Nel 2017, è stato anche rivelato che il ruolo della Gran Bretagna nel conflitto è stato superiore alle vendite di armi. Nel Daily Mail apparve una storia che illustrava dettagli di un’operazione militare finora segreta, nota come Operation Crossways, che coinvolgeva fino a 50 militari britannici che addestravano truppe saudite destinate a schierarsi per prendere parte al conflitto.

In risposta a questa rivelazione, il deputato britannico Tory e l’ex Segretario per lo Sviluppo Andrew Mitchell lo hanno criticato come una prova della “vergognosa complicità” del Regno Unito nella sofferenza del popolo yemenita. Data la portata di questa sofferenza, sarebbe sicuro presumere che tutte le persone giuste che pensano con propria testa condividano i sentimenti del signor Mitchell.

La guerra nello Yemen è una guerra sporca, condotta da una cleptocrazia saudita sostenuta dall’Occidente nel nome del fascismo clericale. Bertolt Brecht aveva ragione: “Quando i crimini si accumulano, diventano invisibili”.

Fonte: RT News

Traduzione: Alejandro Sanchez

*

code