Xi supera Biden a San Francisco

di Pepe Escobar

Da un lato del tavolo, un leader del Sud del mondo al top della sua carriera. Dall’altro lato, una mummia che vende l’illusione di essere il “leader del mondo libero”.

Ciò potrebbe solo portare alla suspense – prima, durante o dopo il cruciale incontro bilaterale tra le due principali potenze mondiali. Fin dal discorso introduttivo, il segretario di Stato americano Tony Blinken, seduto sul lato destro della Mummia, era terrorizzato quanto James Stewart aveva paura dell’altezza nel film di Hitchcock “Sudore freddo” – intuendo che la sfortuna stava per colpire . il prossimo.

Questo è quello che è successo nella conferenza stampa finale. Joe Biden, l’attore che interpreta La Mummia, dopo un proverbiale sorrisetto, ha dichiarato che il presidente cinese Xi Jinping è “un dittatore”. Perché è il leader di un paese comunista.

Tutti quei piani elaborati sono crollati in un batter d’occhio. Uno scenario momentaneamente roseo si è trasformato in un film noir. La risposta del Ministero degli Esteri è stata tagliente quanto quella di Dashiell Hammett – e contestualizzata: non si è trattato solo di un “ errore estremo ”, ma anche di una “ manipolazione politica irresponsabile ”.

Tutto ciò ovviamente presupponeva che la Mummia sapesse dove si trovava e di cosa stava parlando, “spontaneamente”, e non sotto la dettatura del suo onnipresente auricolare.

La Casa Bianca svela il complotto
Il dramma di Xi-Biden, durato poco più di due ore, non era esattamente un remake di ” Sudore freddo “. Washington e Pechino si sono mostrate molto a proprio agio, promettendo congiuntamente la proverbiale promozione e rafforzamento del “ dialogo e della cooperazione in vari campi ”, il dialogo intergovernativo sull’intelligenza artificiale, la cooperazione antidroga, il ritorno alle discussioni militari ad alto livello, un “ meccanismo di consultazione sulla sicurezza marittima ”, un aumento significativo dei voli entro l’inizio del 2024 e “ scambi in espansione ” nei settori dell’istruzione, degli studenti internazionali, della cultura, dello sport e degli affari.

L’egemone era ben lungi dall’avere un inestimabile falco maltese (“della materia di cui sono fatti i sogni”) da offrire a Pechino. La Cina si è già affermata come la più grande economia commerciale del mondo in termini di PPP. La Cina sta avanzando a una velocità vertiginosa nella corsa tecnologica, anche sotto l’influenza delle sanzioni statunitensi. Il soft power della Cina nel Sud del mondo e nella maggioranza globale cresce di giorno in giorno. La Cina sta co-organizzando con la Russia il movimento concertato verso il multipolarismo.

Il comunicato stampa della Casa Bianca , per quanto blando possa sembrare, in realtà rivela la parte essenziale del complotto.

Biden – di fatto il suo portavoce – ha sottolineato “ il sostegno per un Indo-Pacifico libero e aperto ”, la difesa dei “ nostri alleati indo-pacifici ”, “ l’impegno per la libertà di navigazione e di sorvolo ”, “ il rispetto del diritto internazionale ”, “ il mantenimento della pace e stabilità nel Mar Cinese Meridionale e Orientale ”, “ sostenere la difesa dell’Ucraina contro l’aggressione russa ” e “ sostenere la legge di Israele per difendersi dal terrorismo” .

Pechino comprende in dettaglio il contesto e le connotazioni geopolitiche di ciascuno di questi impegni.

Quello che la documentazione non dice è che gli aiutanti di Biden hanno anche cercato di convincere i cinesi a smettere di acquistare petrolio dal loro partner strategico, l’Iran.
Non succederà. La Cina ha importato in media 1,05 milioni di barili di petrolio al giorno dall’Iran nei primi dieci mesi del 2023 – e questa cifra continua ad aumentare.

Il Think Tankland americano, che eccelle sempre nella disinformazione, credeva nella propria infantile proiezione di Xi che gioca duro contro gli Stati Uniti in Asia, sapendo che Washington non può permettersi una terza storia d’amore, scusate, un fronte di guerra oltre a Ucraina e Israele/Palestina.

Il fatto è che Xi sa tutto quello che c’è da sapere sui fronti di guerra imperiali, ibridi e rotanti, così come su altri fronti che possono essere attivati ​​con il semplice tocco di un interruttore. L’egemone continua a provocare disordini non solo a Taiwan, ma anche nelle Filippine, in Giappone, in Corea del Sud, in India e continua a flirtare con possibili rivoluzioni colorate in Asia centrale.

Forze militari cinesi

Non c’è stato ancora uno scontro diretto tra Stati Uniti e Cina grazie alla secolare esperienza diplomatica e alla visione a lungo termine della Cina. Pechino sa nel dettaglio come Washington sia contemporaneamente in piena modalità di guerra ibrida contro la BRI (la Belt and Road Initiative) e i BRICS – che presto diventeranno i BRICS 11.

Solo due opzioni per Cina e Stati Uniti
Un giornalista cino-americano, dopo il discorso introduttivo, ha chiesto a Xi, in mandarino, se si fidasse di Biden. Il presidente cinese ha capito perfettamente la domanda, l’ha guardata e non ha risposto.

Questo è un elemento chiave della trama. Dopotutto, Xi sapeva fin dall’inizio che stava parlando con dei manipolatori che controllavano un auricolare. Inoltre, era pienamente consapevole che Biden, e in realtà i suoi manipolatori, definivano Pechino una minaccia all’“ordine internazionale basato sulle regole”, per non parlare delle incessanti accuse di “genocidio dello Xinjiang” e dello tsunami di contenimento.

Non è un caso che lo scorso marzo, in un discorso ai notabili del Partito Comunista, Xi abbia dichiarato esplicitamente che gli Stati Uniti erano impegnati in “una politica globale di contenimento, accerchiamento e repressione contro di noi ”.

Chen Dongxiao, un accademico con sede a Shanghai, suggerisce che Cina e Stati Uniti si impegnino in un “ pragmatismo ambizioso ”. Sembra che questo sia esattamente il tono del messaggio chiave di Xi a San Francisco:
“ Ci sono due opzioni per la Cina e gli Stati Uniti nell’era delle trasformazioni globali senza precedenti in un secolo: la prima è rafforzare la solidarietà e la cooperazione e unire le forze per affrontare le sfide globali e promuovere la sicurezza e la prosperità globali; l’altro è aggrapparsi alla mentalità della somma zero, provocando rivalità e scontri e portando il mondo verso il tumulto e la divisione. Queste due scelte indicano due direzioni diverse che decideranno il futuro dell’umanità e del pianeta Terra ”.

La cosa è quanto di più grave si possa immaginare. Xi ha aggiunto il contesto. La Cina non è impegnata nel saccheggio coloniale; non è interessata al confronto ideologico; non esporta ideologia; e non ha alcuna intenzione di superare o sostituire gli Stati Uniti. Gli Stati Uniti non dovrebbero quindi tentare di sopprimere o contenere la Cina.

I responsabili di Biden potrebbero aver detto a Xi che Washington sta ancora seguendo la politica della Cina unica, anche se gli Stati Uniti continuano ad armare Taiwan secondo la logica distorta secondo cui Pechino potrebbe “invaderla”. Xi, ancora una volta, ha fornito la concisa conclusione: “ La Cina, alla fine, sarà inevitabilmente riunificata ” con Taiwan.

$ 40.000 per una cena con Xi
In mezzo a tutta la tensione appena nascosta, il sollievo a San Francisco arrivò sotto forma di affari. Tutti, compresi i loro vicini aziendali – Microsoft, Citigroup, ExxonMobil, Apple – morivano dalla voglia di incontrare i leader di diversi paesi APEC. E soprattutto dalla Cina.

Dopotutto, l’APEC rappresenta quasi il 40% della popolazione mondiale e quasi il 50% del commercio mondiale. Questa è l’Asia-Pacifico, non l'”Indo-Pacifico”, un concetto vuoto di “ordine internazionale basato su regole” di cui nessuno sa nulla e che nessuno usa nella pratica. L’Asia-Pacifico rappresenterà almeno i due terzi della crescita globale nel 2023 – e aumenterà.

Da qui il clamoroso successo di una cena di lavoro all’Hyatt Regency, i cui posti costano tra i 2.000 e i 40.000 dollari, organizzata dal National Committee on United States-China Relations (NCUSCR) e dal Council of United States-China Affairs (USCBC). Xi, inevitabilmente, era la star dello spettacolo.

I leader aziendali sapevano con largo anticipo che gli Stati Uniti si erano ritirati dall’Accordo Globale e Progressivo di Partenariato Trans-Pacifico (CPTPP) e che il nuovo progetto commerciale, l’Indo-Pacific Economic Framework (IPEF), era sostanzialmente poco interessante.

Xi era quindi lì per “vendere” agli investitori non solo la Cina, ma anche gran parte dell’Asia-Pacifico.

Tecnologia cinese

Il giorno dopo San Francisco, il cuore dell’azione si è spostato a Shanghai e ad una conferenza Russia-Cina di alto livello ; questo è il tipo di incontro in cui il partenariato strategico formula i percorsi da seguire nella lunga marcia verso la multipolarità.

A San Francisco, Xi ha tenuto a sottolineare che la Cina rispetta la “ posizione storica, culturale e geografica ” degli Stati Uniti, sperando che questi ultimi rispettino la “ via del socialismo con caratteristiche cinesi ”.

Ed è qui che la trama del film noir si avvicina alla sparatoria finale. Ciò che Xi spera non accadrà mai con i neocon Straussiani al timone della politica estera americana. E questo è stato clamorosamente confermato da La Mummia, alias Joe “Dittatore” Biden.

Questo per quanto riguarda il praticante della realpolitik Joseph “soft power” Nye, uno dei pochi realisti che credono che la Cina e gli Stati Uniti, come James Stewart e Kim Novak in “Cold Sweat”, abbiano bisogno l’uno dell’altro e non dovrebbero essere separati .
Sfortunatamente, in “ Sudori freddi ”, l’eroina precipita nel vuoto e muore.

Pepe Escobar

Fonte: Sputnik Globe

Traduzione: Luciano Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM