Xi Jinping legge un atto di rivolta multilaterale al Davos virtuale


di Pepe Escobar.

Xi Jinping il premier delal Cina, ha saputo mostrare il contrasto tra la relativa serenità dell’Asia e il caos che regna nei principali centri di potere occidentali.
L’agenda virtuale di Davos è finalmente iniziata, dal lunedì al venerdì di questa settimana, promossa dal World Economic Forum (WEF).

No, non è questo il grande ripristino. Almeno non ancora. The Agenda è l’aperitivo prima del culmine del Great Reset allo speciale meeting annuale del GEF, che si terrà la prossima primavera a Singapore.
Il tema dell’Agenda per il 2021 è “Un anno cruciale per ricostruire la fiducia”.

Ops!. Davos, abbiamo un problema: la fiducia si guadagna, non si costruisce mai.

In ogni caso, nel gergo di Davos, la fiducia deve sempre portare a – qualche cos’altro – al grande Reset, presentato qui in una clip di TikTok piena di slogan accattivanti come “una nuova dashboard per la nuova economia” o “Le persone giuste, nel giusto posto, al momento giusto ”.
Il messaggio è “vai d’accordo, diventa attivo, fatti coinvolgere”, preso in prestito sfacciatamente da Timothy Leary degli anni ’60.
Ai produttori della clip è chiaramente sfuggito che la loro campagna di pubbliche relazioni ammette indirettamente elezioni truccate e censura diffusa sui social media.
Il blitz di Agenda PR deve lottare per respingere la percezione prevalente che tutto ruota attorno all’Uomo – e alla Donna – di Davos che perde il sonno per la disuguaglianza della ricchezza globale, mentre viene applaudito con entusiasmo da un gruppo di sociopatici dell’alta società dei miliardari dell’Elite.
Le sessioni stanno continuando.

Summkit di Davos

Ecco il tuo nuovo contratto sociale (stabilito a Davos).

Il primo giorno, uno “Steering Group” ha discusso su come ripristinare la crescita , consigliando i settori pubblico e privato su come costruire una “nuova agenda economica”. Le banalità soporifere erano la normalità.

Le sessioni dell’Agenda GEF non possono affrontare l’imperativo di ferro: l’implosione del vecchio ordine economico liberal sotto una stuoia mimetica verde, guidata da saggi autoproclamatisi e subplatonici che sono tra i più ricchi del mondo, trasformazione che andrà solo a vantaggio di questo 0,0001% dell’umanità.

Il Big Reset non è un movimento di base organico coordinato a vantaggio di oltre il 99%. Condurrà inevitabilmente al tecno-feudalesimo , come ho già detto. Herr Klauss Schwab, l’Oracolo di Ravensburg e la suprema guida di Davos, insiste nei suoi scritti che “non possederai nulla”.

Un grafico del GEF – “The Ten Most Likely Fallout For The World” – dovrebbe in realtà essere interpretato come gli obiettivi finali del Great Reset. Questo non è un avvertimento: è la roadmap che ci attende.
Una sessione sull’avanzamento del nuovo contratto sociale si è mescolata a una discussione sul ” capitalismo degli azionisti “. Questo è un annuncio di pubbliche relazioni intelligente – che altro – per il nuovo libro di Schwab: ” Capitalismo degli azionisti “ , che promuove un’economia globale “più sostenibile, resiliente e più inclusiva” e sostiene – cosa d ‘altro – un “contratto sociale chiaramente definito” che consentirà a “governi, imprese e individui di produrre i risultati più ottimali”.

Quindi ecco come funziona. Non acquisiamo fiducia: la ricostruiamo (il corsivo è mio). Questa fiducia si metastatizza nel contratto sociale, che è assolutamente necessario per il grande Reset. Per vendere al pubblico questo nuovo “contratto sociale”, si tratta di dare al turbocapitalismo una nuova immagine globale, quella di un “capitalismo con la posta in gioco”, o quella di un capitalismo dal volto umano.

World Economic Forum

Non una parola sul Grande Reset come meccanismo per l’espansione sfrenata del potere delle mega-corporations, assicurando / servendo ermeticamente lo 0,0001% della popolazione, che non soffrirà e non patirà mai igli effetti della Grande Depressione.

Ridotto all’osso, è anche uno dei temi chiave della Quarta Rivoluzione Industriale: consolidare, schiacciare e guidare le masse della classe lavoratrice nell’economia instabile del gigantismo, governata da leader “emotivamente intelligenti”.
Chi la guiderà, è un tizio che lo hanno sequestrato mezzo secolo fa: ecco il nuovo capo, lo stesso del vecchio (vi presento il nuovo capo, lo stesso del vecchio capo).
Una realpolitik sbalorditiva

Non è ancora chiaro cosa la Cina, la Russia e l’Iran – i veri Tre Sovrani di questo “Brave New World” e i nodi chiave della graduale integrazione dell’Eurasia – controfferta di fronte al Grande Reset.
In questa miscela tossica, troviamo nientemeno che il presidente Xi Jinping, il leader della superpotenza globale emergente. Invece di banalità su Reset, il suo discorso sull’agenda di Davos è stato un colpo di scena realpolitik (non se lo aspettavano, n.d.r.)

Xi ha sottolineato che “costruire piccoli circuiti di nazioni o iniziare una nuova Guerra Fredda, rifiutare, minacciare o intimidire gli altri, imporre deliberatamente disaccoppiamento, interruzioni o sanzioni dell’approvvigionamento e creare isolamento o allontanamento non farà altro che spingere il mondo nella divisione e persino nel confronto (…). non possiamo affrontare le sfide comuni in un mondo diviso e il confronto ci porterà a un vicolo cieco ”.
Xi potrebbe essere visto come allineato con Herr Schwab. Non proprio. Xi ha sottolineato che le soluzioni alla nostra situazione attuale devono essere multilaterali; ma la chiave è come implementarli geopoliticamente.
Non è chiaro come la nuova amministrazione statunitense – imperialisti umanitari, oligarchi democratici, Big Tech, Big Pharma, Big Media – reagirà all’appello di Xi: “L’approccio fuorviante all’antagonismo e al confronto, sia sotto forma di guerra fredda, sia la guerra, una guerra commerciale o una guerra tecnologica, finirà per nuocere agli interessi di tutti i paesi (…) La differenza di per sé non è allarmante. Quello che è allarmante è l’arroganza, il pregiudizio e l’odio ”.

Eliute dei Banchieri centrali

Xi ha sottolineato una definizione semplice di multilateralismo:

“Affrontare gli affari internazionali attraverso la consultazione e decidere il futuro del mondo da tutti assieme (…) Supplica il tuo prossimo, di andare da solo e scivolare in un arrogante isolamento sarà sempre un fallimento”.

Ciò che Xi ha evidenziato, ancora una volta, è il netto contrasto tra la relativa serenità (confuciana) e stabilità dell’Asia e il caos vulcanico che sta travolgendo i principali centri di potere dell’Occidente. Il modo in cui questo si adatta – in termini di realpolitik – al meglio dei mondi di Schwab sarà un “work in progress”. Per ora, Xi ha appena letto il Davos Multilateral Riot Act.
Tutto il Sud del mondo sta prestando attenzione ed ha buone orecchie per intendere.

Pepe Escobar

fonte: https://asiatimes.com

Traduzione. Luciano Lago

Inserisci un Commento