Xi Jinping ha ricordato a Biden il pericolo di giocare con il fuoco


Il presidente cinese Xi Jinping in una conversazione telefonica con il leader statunitense Joe Biden, parlando della questione di Taiwan, ha ricordato la saggezza cinese secondo cui “chi gioca con il fuoco si brucerà sicuramente”.

Ci opponiamo fermamente al separatismo e all'”indipendenza di Taiwan”, nonché all’interferenza di forze esterne”, ha affermato Xi Jinping in un’intervista con il presidente degli Stati Uniti, riferisce RIA Novosti riferendosi alla China Central Television.

Secondo lui, la volontà del popolo cinese con un numero totale di oltre 1,4 miliardi di persone sulla questione della protezione della sovranità statale e dell’integrità territoriale del Paese è “incrollabile”.

“Non puoi andare contro la volontà del popolo, chi vuole giocare con il fuoco si brucerà sicuramente”, ha aggiunto.

I media in precedenza hanno riferito che Taiwan avrebbe potuto essere visitata dal presidente della Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti Nancy Pelosi.

Successivamente si è saputo che la portaerei nucleare americana “Ronald Reagan” diretta verso il Mar Cinese Meridionale, avrebbe potuto procedere verso lo Stretto di Taiwan tra le tensioni per la visita di Pelosi.

Il ministero degli Esteri cinese ha affermato che gli Stati Uniti non dovrebbero sottovalutare la determinazione e la capacità di Pechino di proteggere la sovranità e l’integrità territoriale. Inoltre, la Cina non permetterà a nessun Paese di interferire nei suoi affari interni, inclusa la questione di Taiwan, ha affermato il ministero.

Yang Jiechi, capo dell’ufficio della Commissione Affari Esteri del Comitato Centrale del Pcc , ha affermato che se gli Stati Uniti interverranno negli affari interni della Cina, il Paese adotterà misure decisive per proteggere la sovranità e gli interessi nazionali.

Il quotidiano VZGLYAD ha scritto del motivo per cui l’82enne Pelosi sta cercando di portare due potenze nucleari sull’orlo della guerra.
La possibilità di un conflitto aperto fra gli USA e la Cina per la questione di Taiwan viene apertamente discussa in questi giorni fra i vari analisti e da alcuni di questi viene data per probabile.
Un tale scenario pre-apocalittico è stato discusso dai media mondiali almeno da marzo, vedendo l’intenzione di Pechino di condurre la propria operazione speciale sotto le spoglie di quella russa. Ma questo scenario è già andato oltre i titoli appariscenti e le speculazioni sui giornali. Ad esempio, in un rapporto di luglio del Ministero della Difesa giapponese, la probabilità di un attacco dell’EPL a Taiwan è valutata “estremamente alta”.

Chi è la Pelosi

La speaker Pelosi si sta assumendo un rischio così importante perché è Pelosi. Una donna di 82 anni dura, testarda, assertiva, carismatica e narcisista pensa, prima di tutto, a come apparirà alle imminenti elezioni autunnali. E più la Casa Bianca la prende in giro, meglio è per Pelosi. Il presidente Biden è così impopolare che la solidarietà con lui è tossica e un conflitto pubblico in cui puoi assumere la posa di una donna senza paura è ciò che lo stratega politico ha ordinato.

Nancy Pelosi


Allo stesso modo, Pelosi è in conflitto con la Casa Bianca e il Dipartimento di Stato sulla questione russa: chiede che la Federazione Russa sia inclusa nell’elenco dei paesi che sponsorizzano il terrorismo. Questa sarà sicuramente l’ultima frontiera nelle relazioni diplomatiche tra Russia e Stati Uniti: la loro rottura è quasi inevitabile, poiché l’inclusione nell’elenco sarà seguita dalla privazione dell’immunità dei diplomatici russi da perseguire sulle affermazioni delle “vittime del terrorismo”. Non è mai successo prima, e nei rapporti tra potenze nucleari non dovrebbe succedere affatto, ma alla Pelosi se ne frega: si atteggia a tale leader che manca agli Stati Uniti per sconfiggere la Federazione Russa e salvare il presidente dell’Ucraina (non pronuncia sempre il cognome “Zelensky” la prima volta).
In altre parole, c’è qualche beneficio per Pelosi dagli attacchi da falco e dagli eventi di Taiwan. E non è più disponibile per nessuno, compresi i taiwanesi. Tutto il resto rischia solo uno shock macroeconomico e un conflitto militare tra le due potenze nucleari.

E anche se il conflitto non diventa militare e non emerge dalle sponde economiche, una guerra per procura su due fronti – contro la Russia per mano dell’Ucraina e contro la Cina per mano dei taiwanesi – l’economia statunitense non tirerà , non è in quello stato ora.

Pertanto, se qualcuno cercava una risposta alla domanda se ci sono persone peggiori nella leadership degli Stati Uniti rispetto all’incapace Biden e al capo del Dipartimento di Stato istericamente ideologizzato Blinken, allora questa è solo la Pelosi.
Per aggressività e cinismo duro, la presidente dell Camera è stata talvolta rimproverata anche dai media fedeli ai Democratici, ma per la maggior parte, Pelosi è una figura inviolabile per i liberali – come donna e difensore di lunga data di tutte e varie minoranze con la stessa impudente tattica.
Probabilmente lei pensa di avere il controllo della situazione, ma in realtà è controllata da una persona completamente diversa: il compagno presidente Xi Jinping. Nessuno può entrare nella sua testa e dirgli quale decisione prenderà. Più precisamente, quanto tempo è pronto ad aspettare, perché, dopo essersi nominato terzo tra i grandi leader della Rifondazione (Mao e Deng Xiaoping) e aver deciso di candidarsi per un terzo mandato nonostante i 40 anni di tradizione alla guida del Paese, vuole assolutamente unificare finalmente questo paese: questa è una delle sue vie verso la storia.
Come andrà a finire alla fine, lo scopriremo presto – La visita di Pelosi è prevista per i primi di agosto. E gli Stati Uniti, per così dire, si stanno preparando a qualsiasi scenario, incluso il peggiore: per il tempo rimanente, il Pentagono (a proposito, si è espresso anche contro la visita di Pelosi) promette di aumentare drasticamente la sua presenza militare nel sud Regione del Mar Cinese – un esercito a tutti gli effetti proteggerà la speaker della Camera .

Puoi fare affidamento sulla saggezza dei cinesi, ma non sulla sanità mentale degli americani. Il fatto che siano pronti a prendere in mano il pianeta, fintanto che il loro stesso orgoglio non ne risente, la Russia lo sa per esperienza.

Fonte: VZGLYAD

Traduzione: Sergei Leonov

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM