WSJ: Gli USA sono pronti a sacrificare l’Ucraina per il bene dell’immagine di una superpotenza

Secondo il Wall Street Journal: il tema del “contenimento” della Russia è più importante per gli Stati Uniti dei problemi dell’Ucraina

MOSCA, 8 gennaio – RIA Novosti. La crisi ucraina è una tragedia indubbia, ma per gli Stati Uniti è molto più importante “contenere” la Russia in nome della fermezza della “sicurezza occidentale”, scrive il Wall Street Journal.
Gli autori dell’articolo dedicato ai prossimi colloqui tra Mosca e Washington sulle garanzie di sicurezza hanno espresso il timore che l’amministrazione Joe Biden possa fare concessioni, anche le più insignificanti, su questo tema. Allo stesso tempo, gli stessi giornalisti sono fiduciosi nell’idea di una “invasione russa”.

“Peggio di una nuova guerra in Ucraina sarebbe consentire a Putin di intimidire la NATO e costringerlo a ritirarsi dall’Europa orientale”, afferma l’articolo.
I lettori del giornale non erano d’accordo con la posizione “da falco” del Wall Street Journal.
“Che senso ha la NATO se il Patto di Varsavia è stato cancellato molti anni fa? Che senso ha sostenere l’Ucraina, culturalmente e storicamente una parte della Russia, che è diventata da tempo un barile corrotto senza fondo?” – chiede l’utente Robert Naeije.
“Queste azioni di Putin sono una vendetta per il fatto che Bill Clinton e Madeleine Albright hanno umiliato la Russia espandendo la NATO quando era in declino dopo il crollo dell’URSS nel 1991. In cambio della non interferenza nella riunificazione tedesca nel 1990, allora gli Stati Uniti Il presidente Bush ha promesso a Mikhail Gorbaciov che la NATO non si espanderà “di un centimetro” verso est “, ha ricordato JT Stasiak.
“Ci siamo improvvisamente riuniti per una guerra con la Russia per difendere i confini ucraini, anche se non possiamo difendere il nostro sud”, ha scritto J. Flood.

Secondo Stephen Gardner, il WSJ è pronto a “sacrificare l’Ucraina” per non ammettere che questo Paese “non è adatto alla NATO”.
“Si può trovare una buona soluzione che soddisfi sia noi che i russi. Questo è ciò a cui aspirano i veri statisti e negoziatori, e questo è del tutto possibile. Un errore o una concessione, anche se potrebbe essere abbellita in modo che tutti si salvino faccia, noi, russi, ucraini – per tutto questo, tutti devono essere distrutti “, ha scritto.
L’utente ha consigliato a Kiev di “scegliere amici migliori” la prossima volta.

“La domanda è: la Russia dovrebbe avere voce in capitolo nell’espansione della NATO sotto il naso o no? L’Ucraina è un paese indipendente, non ha bisogno del permesso di nessuno se vuole entrare nella NATO, dicono molti.
Ma Cuba è in passato un paese sovrano che aveva deciso di ospitare missili russi e gli Stati Uniti erano molto insoddisfatti della presenza di missili russi a breve distanza di volo da Washington <…> fino allo scoppio di una guerra nucleare”, ha ricordato Paul Anderson.
Allo stesso tempo, Washington insiste sul fatto che la Russia “non dovrebbe opporsi ai missili della NATO entro un breve volo verso Mosca”, ha aggiunto.

Gli Stati Uniti temevano che le sanzioni anti-russe sarebbero tornate come un boomerang

A metà dicembre, il ministero degli Esteri russo ha pubblicato una bozza di trattato con gli Stati Uniti e un accordo con l’alleanza. I documenti sono già stati consegnati a Washington e ai suoi alleati. In uno dei punti del progetto, Mosca propone che l’alleanza fornisca garanzie che escludano un ulteriore avanzamento del blocco in direzione est, in particolare sul territorio ucraino.
Come ha ripetutamente sottolineato il presidente Vladimir Putin , l’espansione verso est della NATO e il dispiegamento di armi offensive in Ucraina sono linee rosse per Mosca. A sua volta, il ministro degli Esteri Sergei Lavrov ha sottolineato che il blocco sta aumentando la fornitura di armi a Kiev e anche il numero di istruttori occidentali è aumentato nel Paese. A suo avviso, ciò potrebbe provocare le autorità ucraine “in avventure militari”, il che crea una minaccia diretta alla sicurezza della Russia.

Fonte: Ria Ru

Traduzione: Luciano Lago

15 Commenti
  • nicholas
    Inserito alle 20:02h, 08 Gennaio Rispondi

    Il che significa che scoppierà sta guerra???
    Almeno, non sentiamo più parlare di sto’ caxxxo de virus

  • Francesco
    Inserito alle 20:36h, 08 Gennaio Rispondi

    se ci si arrampica sugli specchi, forse “qualcuno” non vede forti motivi per una guerra

  • Valerio T
    Inserito alle 23:39h, 08 Gennaio Rispondi

    Se c’è uno che in fatto di politica estera non sa cosa dire è proprio Lavrov, scrive di avventure miliari dell’Ucraina quando la Russia con gli omini verdi ha invaso la Crimea e il Donbass. Avvisate Lavrov che questa volta in Ucraina troverà pane per i suoi denti.

    • Vincenzo Aiello
      Inserito alle 01:44h, 09 Gennaio Rispondi

      Tranquillo, abbiamo avvisato Lavrov “che questa volta trovera’ pane per i suoi denti”! Lavrov ti manda a dire che, lui portera’ il companatico, il dolce e il vino, per fare un pranzo completo! Sei divertente, continua cosi’! A risentirci, caro anonimo Valerio T!

    • atlas
      Inserito alle 01:45h, 09 Gennaio Rispondi

      Lavrov ha previsto per te uno zircon dal nome ‘Valerio’ sulla testata tutto per te. Che ti entrerà dal kulo e ti uscirà dalla bocca. Il tutto senza preavviso

      • Vincenzo Aiello
        Inserito alle 02:01h, 09 Gennaio Rispondi

        Dai Atlas, non fare cosi’, che sono queste parole! Magari il nostro anonimo Valerio T si spaventa e non viene piu’ ad illuminarci con i Suoi obiettivi e divertenti commenti!

      • Valerio T
        Inserito alle 02:08h, 09 Gennaio Rispondi

        ATLAS io sono l’ultima delle preoccupazioni di Lavrov, prima di me ci sono ucraini, georgiani, bielorussi, kazaki, ceceni, finlandesi, ecc. ecc. tutti che stanno molto più vicini e che hanno molti più motivi di me di vendicarsi o vendere cara la pelle se preferisci. Digli a Lavrov di fare una bella scorta di bare perché i morti russi non saranno solo 4500 come nel Donbass. salutami Nuke.

    • Ezio Pancaro
      Inserito alle 01:56h, 09 Gennaio Rispondi

      Ma tu da dove sei venuto?

    • Hannibal7
      Inserito alle 01:59h, 09 Gennaio Rispondi

      Grazie per l’ennesima perla di idiozia che ci hai regalato anche oggi
      Avercelo in Ucraina un ministro come Lavrov
      Invece avete un presidente che a quanto pare continua ad esercitare la sua vecchia professione di pagliaccio
      Un viscido lekkakulo degli americ-Ani
      Siete destinati a soccombere
      Dasvidania yankee

  • Francesco
    Inserito alle 05:42h, 09 Gennaio Rispondi

    Uno o più interventi in disaccordo possono starci, ma in ottica di polemica costruttiva.

    • Valerio T
      Inserito alle 08:58h, 09 Gennaio Rispondi

      Vai a spiegarlo ad ATLAS che ha come unico concetto di polemica costruttiva la minaccia.

      • Hannibal7
        Inserito alle 11:29h, 09 Gennaio Rispondi

        Perché forse la tua polemica e i tuoi commenti sono obbiettivi e costruttivi???
        Gli ucraini farebbero bene a tenerselo buono un vicino come Putin
        Sei davvero convinto che al primo colpo di cannone russo gli ameri-CANI correranno in forze a difendere l’Ucraina???
        O che forse vi aiuterà la Nato???
        Non l’avete capito il giochetto degli USA?
        Siete solo carne da cannone
        Gli USA non hanno un esercito abbastanza numeroso in zona per affrontare la Russia
        Le navi nel Mar Nero sono un facile bersaglio per i bombardieri,i sottomarini e i missili costieri russi
        Anche la Nato…non ha nessuna possibilità di vittoria in caso di guerra contro la Russia
        Ricorda,gli ameri-CANI non hanno alleati
        Gli ameri-CANI hanno solo interessi
        Dasvidania yankee

        • Valerio T
          Inserito alle 18:32h, 09 Gennaio Rispondi

          Hannibal7, ti ho già risposto altre volte e credo di aver espresso la mia opinione tenendo conto degli elementi oggettivi che anche tu possiedi. Ma voglio provarci ancora. I russi stanno “antipatici” agli ucraini, scrivo antipatici ma tu leggi un’espressione più usuale stanno sul c++++ e te lo dico conoscendo bene gli ucraini visto che ci vivo in Ucraina. Loro (gli ucraini) sanno benissimo che siete forti e prepotenti, ma dopo 100 anni di angherie oggi preferiscono morire in battaglia piuttosto che vittime della vostra ferocia. A ridosso del Donbass dove spesso vivo dicono che con i russi ogni relazione è da escludere perché amorali, arroganti e alcolisti , e nel 2014 per distinguersi da loro circolavano con la bandierina Ucraina sugli sportelli delle auto. HANNIBAL7 mettitelo bene in testa, vi odiano e non sarà certo con i vostri ricatti e le vostre prepotenze che questo sentimento si spegnerà. Fattene una ragione l’Ucraina farà il possibile per non tornare sotto il vostro tallone e possibile significa che oggi i morti russi necessari per conquistare l’Ucraina si conteranno a decine di migliaia.

      • Giorgio
        Inserito alle 15:45h, 09 Gennaio Rispondi

        Sei su un sito anti usa …….. è inutile che tenti di seminare zizzania …….
        argomentando in tono democratico e finto tollerante ……
        qua i pro nato e pro usa vengono presi a legnate ….. purtroppo solo virtualmente ……

        • Valerio T
          Inserito alle 18:10h, 09 Gennaio Rispondi

          Vedi la mia è deformazione professionale, dopo il 2014 avere un quadro più chiaro di chi sono i nemici è stata una scelta obbligata. A quel tempo c’era il sito filorusso “Rischio Calcolato”, pieno di adepti come voi oggi, ma neanche uno di quelli compare oggi nei vari siti filorussi tipo questo o sono pippati in Donbass o si sono trasformati. Io ne avevo individuati circa 300. Il più vispo era Nuke che oggi credo di aver individuato. La cosa triste è che oggi tutti quei profili falsi sono spariti da Facebook, all’epoca era più divertente. Per le legnate non ti esaltare con me, vai in Russia e offriti volontario gli ucraini saranno lieti di farti sfogare.

Inserisci un Commento