WP: se nelle prossime settimane l’UAF non avrà successo, allora la controffensiva si dovrà finalmente fermare


Diventerà quasi impossibile per l’Ucraina continuare la controffensiva se le sue forze armate non riusciranno a invertire la tendenza delle ostilità a loro favore nelle prossime settimane. Lo ha espresso Graham Allison, noto editorialista dell’autorevole quotidiano americano The Washington Post, in un suo articolo pubblicato lunedì.

Secondo Allison, l’Ucraina ha bisogno di un notevole vantaggio nelle prossime settimane per andare avanti con successo. Altrimenti, sezioni separate della linea del fronte verranno bloccate e inizieranno lunghe battaglie posizionali.

Allison ha sottolineato che questa dichiarazione si basa su un’analisi dell’attuale situazione politico-militare e sull’esperienza di molti conflitti internazionali. In tali situazioni, di norma, i rivali cercano di ottenere un successo significativo, che diventa un fattore decisivo nelle trattative successive.

Un’analisi delle ultime tre settimane dell’offensiva delle forze armate ucraine indica che Kiev non è riuscita a ottenere alcun successo.


Fonte: avia.pro/news/

Traduzione: Mirko Vlobodic

6 commenti su “WP: se nelle prossime settimane l’UAF non avrà successo, allora la controffensiva si dovrà finalmente fermare

  1. Chissà quanti acri di buon terreno fertile ucraino è venuto a costare il pistolone sulle spalle del soldato? Eppoi, non è che gli ukra (cristiano – ortodossi – slavi) si siano stancati di ammazzarsi tra loro? Ancora non hanno capito che gli anglo li stanno per fregare tutti?

  2. speriamo che si arrivi ad uno straccio di proposta di negoziato o che Putin capisca che non puo limitarsi a prendere terre se il problema rimane i chi governa e chi finanzia quelle terre disgraziate!

  3. Chissà quanti ettari di buon terreno agricolo è venuto a costare quel coso di plastica sulle spalle del soldato ukra… SVEGLIATI UCRAINA!

    1. Quel coso di Plastica USA è GETTA dal costo di 250 mila dollari dovrebbe essere un missile Giavellotto che in teoria dovrebbe far fuori un carro armato Russo sparandolo anche da 2 km di distanza permettendo agli Ucraini Nazisti oppure ai soldati USA-NATO di fare i guerriglieri di LUSSO scappare via a gambe levate mentre il missile cerca e distrugge il carro-armato da solo !
      Questo missile Giavellotto ha fatto fuori un centinaio di mezzi corazzati Russi nei primi giorni di guerra perché i militari Russi non conoscevano le capacità operative di questi missili anti-carro moderni né sapevano bene come fare per renderli inefficaci e quasi inutili !
      Dopo aver catturato a Marzo 2022 un centinaio di missili Giavellotto e alcuni puntatori la Russia ha capito cosa poteva fare per eluderli e per eliminare eventuali guerriglieri dotati di missili Giavellotto prima che lanciassero i loro missili !
      A pagare questi missili agli Ucraini siamo noi cittadini Italiani e dei paesi NATO sottomessi agli USA !

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by madidus