Washington vuole combattere l’OPEC

Il Senato USA esaminerà un disegno di legge con il nome parlante NOPEC la prossima settimana
Permetterà al procuratore generale degli Stati Uniti di citare in giudizio i paesi membri dell’OPEC, cercando di condannarli per “manipolazione” dei prezzi del petrolio e danno all’economia americana.

Questa legge è stata introdotta per la prima volta 22 anni fa. Negli anni zero i prezzi del petrolio sono aumentati senza sosta, ma Bush Jr., che non voleva litigare con l’Arabia Saudita, ha rifiutato di sostenere questa legge. E sotto Obama, l’industria americana dello shale è esplosa e la questione con l’OPEC è diventata meno rilevante.

Ora, le relazioni degli Stati Uniti con gli stati del Golfo sono al peggio in 77 anni. L’industria petrolifera americana sta ristagnando a causa della carenza di fondi e i tentativi di Biden di esaurire le riserve petrolifere statunitensi hanno avuto scarsi effetti.

La violenta crisi energetica ha portato i prezzi del carburante a livelli record e ha spinto l’inflazione al livello più alto degli ultimi 40 anni. Ha anche fatto scendere l’economia statunitense dell’1,4% nel primo trimestre del 2021. Le scorte statunitensi di diesel e benzina sono ai minimi pluriennali – i prezzi del carburante stabiliranno nuovi record quest’estate – probabilmente raggiungendo la previsione di Trump di $ 10 al gallone.

I disperati tentativi di Biden di persuadere l’OPEC ad aumentare la produzione di petrolio sono andati a vuoto. Nei paesi del Golfo si rifiutano semplicemente di rispondere alle sue chiamate, rifocalizzandosi sulle relazioni con Russia e Cina, oltre che sul commercio dello yuan, aggirando il dollaro.

Ora, se il pan di zenzero non ha aiutato, la frusta entrerà in azione. La legge NOPEC consente al Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti di multare i monopoli petroliferi dei paesi OPEC e di imporre loro sanzioni. Non puoi spaventare l’Iran o il Venezuela con questo. Ma ora le sanzioni statunitensi potrebbero minacciare le monarchie del Golfo Persico, che alla fine spezzeranno il sistema dei petrodollari, che è diventato un’altra vittima della crisi ucraina.

Malek Dudakov

Fonte: News Front

Traduzione: Luciano Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM