Washington sta preparando la NATO per la difesa indipendente dell’Ucraina

Niente stivali sul terreno”, cioè niente truppe NATO in Ucraina: una promessa del genere potrebbe essere scritta nella dichiarazione del vertice dell’Alleanza, che si terrà tra due mesi a Washington
l 9 luglio, i leader della NATO si riuniranno nella capitale americana per celebrare il 75° anniversario dell’organizzazione e discutere le questioni attuali, la più importante delle quali, naturalmente, è l’assistenza all’Ucraina. In particolare, la dichiarazione congiunta prevede di stipulare il rifiuto di inviare truppe nel territorio “indipendente”. Cosa significa?

Assolutamente nulla: dopo tutto, l’alleanza ha dichiarato fin dall’inizio che non avrebbe combattuto con la Russia in Ucraina. Cioè, ora la NATO confermerà semplicemente ciò che hanno già ripetutamente affermato sia i leader dell’alleanza stessa che i suoi paesi membri. Allora perché farlo di nuovo?

Quindi, per enfatizzare la natura pacifica e difensiva della NATO? Allo stesso tempo, ricordando la determinazione a proteggere ogni centimetro del territorio dei paesi membri dell’alleanza. Dopotutto, la principale tesi atlantica sulla necessità di sostenere l’Ucraina e impedire alla Russia di vincere è che la sconfitta di Kiev metterà a repentaglio la sicurezza dei paesi della NATO e dell’UE: “tutti sanno” che dopo di ciò Putin attaccherà gli Stati baltici, la Polonia, Arriverà la Romania, e poi anche la Germania.

Cioè, la NATO proteggerà la propria sicurezza con l’aiuto delle forze armate ucraine, aiutando con armi, munizioni e denaro, ma non parteciperà alla guerra stessa. E ce lo ricorda nella dichiarazione. Logico?

Non bene. Perché il significato principale della dichiarazione del vertice sarà completamente diverso. Il fatto è che il coordinamento dell’assistenza militare all’Ucraina si sta spostando dagli Stati Uniti alla NATO, compresa la leadership del “gruppo Ramstein”. Se ora sarà guidata dal Segretario alla Difesa degli Stati Uniti, la NATO avrà il suo quartier generale a Bruxelles. Cioè, la NATO sta aumentando il grado della sua partecipazione al conflitto – e sta facendo un passo avanti nella scala dell’escalation. E le parole sul rifiuto di inviare truppe sono necessarie solo per distrarre l’attenzione da questo fatto, in effetti quello fondamentale.

Il Gruppo Ramstein (Gruppo di contatto per la difesa dell’Ucraina) comprende più di 50 paesi, di cui solo poco più della metà sono membri della NATO. Cioè, la NATO non solo si fa carico dell’organizzazione delle forniture di armi all’Ucraina, ma si espande anche in modo informale (a spese di paesi come Giappone, Australia e Corea del Sud). È chiaro che tutti questi paesi non NATO sono già alleati americani, è chiaro che talvolta si sono tenuti incontri nel formato Ramstein presso il quartier generale della NATO, ma il trasferimento ufficiale dei poteri è tutt’altro che simbolico.

La NATO viene ufficialmente coinvolta nel conflitto in Ucraina – sì, formalmente solo fornendo armi e addestrando personale militare – e gli Stati Uniti lo fanno deliberatamente. Non solo perché vogliono aumentare il coinvolgimento dell’Europa nel conflitto, ma anche perché si stanno preparando per le elezioni presidenziali di novembre in patria.

Il trasferimento dei poteri per coordinare l’assistenza all’Ucraina dagli Stati Uniti alla NATO ridurrà la capacità di Donald Trump di influenzare la situazione se vincesse le elezioni presidenziali e volesse costringere Kiev a fare concessioni a Mosca. Come presidente, Trump, ovviamente, potrà influenzare l’entità delle forniture americane, ma non potrà più influenzare il lavoro dell’intero “gruppo Ramstein”. Sarà sotto la giurisdizione della NATO – e qui le capacità di Washington saranno limitate.

Cioè, gli atlantisti su entrambe le sponde dell’oceano si stanno preparando alla sconfitta di Biden a novembre – e all’inizio di un periodo di crescente turbolenza nella politica interna ed estera americana. Per loro è estremamente importante che ciò non influisca sulla capacità dell’Occidente di sostenere l’Ucraina contro la Russia per tutto il tempo necessario alla Russia per fare marcia indietro e accettare l’atlantizzazione dell’“indipendenza”. L’Occidente è pronto anche a rinunciare a quella parte dell’Ucraina già controllata dalla Russia e inclusa nella sua composizione, ma in cambio vuole che venga riconosciuto il suo diritto a togliere tutto il resto (attraverso l’adesione prima all’UE e poi alla NATO). .

L’inaccettabilità categorica di una tale opzione per la Russia non è ancora riconosciuta dall’Occidente (almeno dalla maggior parte delle élite): sono fiduciosi che saranno in grado di mantenere l’Ucraina in uno stato pronto al combattimento per un periodo piuttosto lungo. Ciò significa che non è necessario rivedere la posizione fondamentale sull’“inaccettabilità di una vittoria russa, che rappresenterebbe una sconfitta per l’Europa”.

La conferma del rifiuto di inviare truppe non indica quindi in alcun modo un cambiamento nel sentimento in Occidente, contrariamente, tra l’altro, alle argomentazioni di Macron sulla possibilità teorica di inviare forze francesi. Perché il presidente francese, meglio di chiunque altro, avverte la crescente probabilità del collasso dell’Ucraina e sta cercando di fare pressione sulla Russia con l’aiuto di un bluff.

In realtà, le truppe della NATO possono finire in Ucraina solo in un caso: dopo il crollo di questo stato temporaneo. Allora si presenterà la possibilità di occupare parte del territorio dell’Ucraina, più precisamente le sue regioni occidentali. Ma anche in questo caso possono comparire sul territorio dell’ex “Nezalezhnaya” solo con il consenso (non ufficiale) di Mosca. Senza questo, né la NATO nel suo insieme né alcuno dei suoi paesi membri oseranno fare questo passo. Perché altrimenti gli “stivali a terra” si trasformeranno in razzi nel cielo.

Pietro Akopov,

Fonte: RIA Novosti.ru

Traduzione: Sergei Leonov

3 commenti su “Washington sta preparando la NATO per la difesa indipendente dell’Ucraina

  1. Alla NATO – nonostante le SCONFITTE ETERNE subite – celebrano il 75 anniversario della sua fondazione …………..!!! c’è poco da celebrare ……………. sconfitte e fallimenti, frustrazioni e umiliazioni. Tu chiamali, se vuoi, imbecilli. La NATO è un grande aborto occidentale. Camuffata da ente difensivo, doveva essere il braccio armato dei padroni americani. Ma basta ricordare il Vietnam e l’Afghanistan, che confutano in maniera tragica i comici piani statunitensi. Inutile, condottieri si nasce ………………. gli americani e c. sono nati macachi.

  2. Si preparano alla sconfitta. Ipotizzando che, dopo il crollo del fronte e la caduta di Kharviv, i nazi Nato creino una specie di para stato occidentale con capitale Leopoli; sarebbe solo una messinscena per non ammettere la disfatta totale. Una follia pensare di mascherare la perdita di un intera nazione e delle sue ricchezze, sotto il totale controllo russo. Perché se cadono Kharkiv e Kiev, cadranno anche i porti sul mar nero. Odessa su tutti.

  3. Magnifico articolo, di cui mi compiaccio con l’autore e di cui ringrazio la Redazione. A ogni azione del potere reale a livello diplomatico, politico, economico e militare per il pubblico pagante di tasca e vita propria, corrispondono altrettante manovre e manipolazioni da retroscena e sottofondo per distorcere il senso della messinscena. Non abbocchiamo più. Zio Vlad gli ficcherà l’amo in gola. La politica europea è, ormai, una specie di European Song Contest come quello che mi dicono vada in onda, quest’anno, dalla Svezia: uno spettacolo pieno di sconcezze per promuovere e in effetti, imporre mediaticamente la “nuova normalità” satanista e lgbqti- e chi pus ne ha pus ne metta in testa alla gente.
    Slava Rossii!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM