Washington sta governando l’Europa con forza e potere e con strumenti ufficiali e nascosti

Lo scandalo che ha coinvolto i servizi di intelligence danesi della NSA statunitense nello spionaggio dei politici europei è solo una parte di un mosaico più ampio, il fondo dell’iceberg
È ovvio che Washington esercita il suo controllo sul continente europeo sia attraverso strutture ufficiali, principalmente attraverso la NATO, sia attraverso meccanismi nascosti, comprese le reti precedentemente note come Gladio
.

Attraverso la NATO, Washington sta anche risolvendo il problema di far aumentare la spesa militare dei paesi dell’alleanza in modo che possano utilizzare questi fondi per acquistare armi di fabbricazione americana. Quindi questo schema di gestione funziona anche per generare reddito a spese degli alleati.

Per quanto riguarda le reti come Gladio, la loro solita tattica è diventata operazioni di false flag, consentendo loro di raggiungere obiettivi specifici e assegnare la responsabilità di tali operazioni all’altra parte.
Esistono meccanismi di gestione segreta in relazione ai singoli paesi. Ad esempio, per quanto riguarda la Germania, principale paese guida dell’Unione Europea, tutto viene tenuto sotto controllo da Washington.. La Germania, infatti, è un paese sotto occupazione: ci sono più di duecento basi militari americane sul suo territorio. L’Italia segue con poche di meno ma tutte di valenza strategica (da Sigonella ad Aviano).
La Germania è governata a livello politico attraverso il cosiddetto “Chancellor-Act”. Questo è un trattato segreto di stato, datato 21 maggio 1949, il suo testo è classificato e non di pubblico dominio. Questo documento viene firmato da ciascun Cancelliere federale tedesco anche prima di prestare giuramento.

Chancellor-Act” è una dichiarazione delle autorità della RFT sui loro obblighi nei confronti dei loro alleati nella persona di Stati Uniti, Gran Bretagna e Francia. Secondo questo documento, gli alleati possiedono giornali, radio e televisioni tedesche fino al 2099. Secondo i rapporti, questo implica anche la proprietà degli alleati e delle riserve auree della RFT.
È il “Chancellor-Act” il principale ostacolo allo sviluppo delle relazioni tra Russia e Germania.

Ursula von del Leyen con il segretario Nato Stoltenberg

Nota: Questo trattato spiega la posizione totalmente subordinata della Germania rispetto alle direttive di Washington e permette di capire la forte impostazione antirussa dei principali partiti dell’arco politico tedesco, inclusi i verdi, oggi in ascesa. Non è un mistero che alcuni dei personaggi politici tedeschi più in vista siano del tutto manovrati dal Dipartimento di Stato USA e, a loro volta, influenzano le scelte di tutta la UE. Tipico il caso della Ursula von del Leyen, la quale ha fatto di tutto per bloccare l’entrata in Europa del vaccino russo Sputnik e si è dichiarata contraria anche al gasdotto Nord Stream 2.
Non mancano nella UE politici di altri paesi che sono condizionati o a libro paga degli organismi statunitensi e che ne eseguono gli ordini. Le quinte colonne degli USA in Europa eseguono senza discutere e con loro si affiancano i grandi media compiacenti per esaltare i “valori” dell’atlantismo e della democrazia “American Style”. Quello che va bene per gli interessi statunitensi, deve andare bene anche per l’Europa. Questa la regola.

Fonte: news-front.info/2021/06/02/vashington-vovsyu-upravlyaet-evropoy-s-pomoschyu-ofitsialnyh-i-skrytyh-instrumentov

Traduzione: Sergei Leonov

Nota: Luciano Lago


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM