Washington si sveglia con la dura realtà nel mezzo della guerra per procura in Ucraina

Sono ormai lontani i titoli dei giornali occidentali che annunciavano le forze armate e addestrate dalla NATO dell’Ucraina e la prospettiva che queste fossero in grado di “spazzare da parte i coscritti di Putin”, come ha affermato l’ex colonnello dell’esercito britannico Hamish De Bretton-Gordon in un articolo pubblicato nel giugno di quest’anno .

Mentre le forze offensive ucraine sfondavano le estese difese russe lungo tutta la linea di contatto da Zaporozhye a Kharkov, la consapevolezza che Washington, Londra e Bruxelles sottovalutavano la Federazione Russa dal punto di vista economico, politico, diplomatico e, soprattutto, militarmente e industrialmente, ha cominciato a farsi strada nei media anglosassoni..

La produzione militare russa cresce, le scorte occidentali si prosciugano

Oggi, diversi tipi di titoli compaiono nei media collettivi dell’Occidente. Il New York Times ha recentemente riportato in un articolo intitolato “La Russia supera le sanzioni per espandere la produzione missilistica, dicono i funzionari”, che la produzione di munizioni della Russia era almeno sette volte maggiore di quella dell’Occidente collettivo.

Lo stesso articolo riconosceva che la Russia aveva raddoppiato la produzione di carri armati e produceva 2 milioni di colpi di artiglieria all’anno, un numero che è maggiore dell’espansione combinata pianificata della produzione di proiettili di Stati Uniti e Unione Europea tra il 2025 e il 2027. Non solo la Russia è più produttiva dell’Occidente, ma produce armi e munizioni a una frazione del costo delle armi e delle munizioni occidentali.

Mentre la produzione industriale militare russa si espande, producendo più carri armati, artiglieria, missili da crociera e munizioni per l’operazione militare speciale in corso in Ucraina, le forze ucraine vedono prosciugarsi le loro fonti di armi e munizioni.

La BBC ha riferito in un recente articolo , “La Polonia non fornisce più armi all’Ucraina in mezzo alla disputa del grano”, scrivendo che:
Uno dei più fedeli alleati dell’Ucraina, la Polonia, ha affermato che non fornirà più armi al suo vicino, nel mezzo di una disputa diplomatica sulle esportazioni di grano di Kiev.

Il primo ministro Mateusz Morawiecki ha affermato che l’attenzione della Polonia è invece quella di difendersi con armi più moderne.

Mentre sia la Polonia che la BBC tentano di inquadrare la decisione come motivata dalle crescenti tensioni tra Polonia e Ucraina, la realtà è che la Polonia aveva una quantità limitata di armi e munizioni spendibili che poteva inviare all’Ucraina, e ha esaurito tali scorte. Ciò lascia un numero molto minore di sistemi più moderni che la Polonia ha acquisito per la propria difesa. Né la Polonia né i suoi fornitori stranieri producono armi e munizioni nelle quantità necessarie per sostenere le forze ucraine sul campo di battaglia, il che significa che se la Polonia dovesse continuare a rifornire l’Ucraina da questo momento in avanti, alla fine si ritroverà “smilitarizzata”.

Altre nazioni non riescono a fornire i sistemi d’arma tanto attesi. Ciò include il missile balistico ATACMS che l’Ucraina chiede ormai da mesi agli Stati Uniti e, nonostante le affermazioni secondo cui il suo arrivo sarebbe imminente, Reuters in un recente articolo li ha esclusi ancora una volta in vista del prossimo pacchetto di assistenza del Pentagono.

Anche il missile da crociera tedesco Taurus non è apparso nei pacchetti di assistenza aggiuntivi. Bloomberg nel suo articolo “La Germania prevede ulteriori 428 milioni di dollari in aiuti militari all’Ucraina”, ha osservato che Berlino sta ancora valutando “una moltitudine di aspetti politici, legali, militari e tecnici”, prima di inviarne finalmente qualcuno.

Va notato che nessuno dei due missili, insieme a una vasta gamma di altre cosiddette “armi miracolose”, ha alcuna prospettiva di cambiare l’esito dei combattimenti in Ucraina. Sebbene i missili, se consegnati, si tradurranno in vittorie tattiche per Kiev, avranno un impatto minimo o nullo sui combattimenti strategici.

Ciò che resta dell’assistenza militare occidentale all’Ucraina sono quantità inadeguate di munizioni, veicoli corazzati più vecchi e/o sempre più inappropriati, compresi cimeli della Guerra Fredda come il carro armato principale Leopard 1, e “addestramento” per i soldati ucraini condotto in tempi compressi che producono risultati del tutto impreparati. i soldati erano quasi certi di morire entro pochi giorni dall’arrivo sul campo di battaglia.

La guerra per procura condotta dagli Stati Uniti contro la Russia in Ucraina è insostenibile, e sembra che molti nelle stanze del potere in tutto l’Occidente collettivo stiano facendo i conti con questa situazione.

Missile russo Kizhal

L’illusione persiste

Tuttavia, altrove nei media occidentali, un profondo senso di delusione si riflette ancora negli articoli che, pur ammettendo i fallimenti dell’Ucraina, credono che un “ripensamento” della strategia militare ucraina potrebbe aiutare a vincere quella che si sta ovviamente trasformando in una “lunga guerra”.

Ad esempio, The Economist nel suo articolo “L’Ucraina deve affrontare una lunga guerra. Naturalmente è necessario un cambiamento”, ammette che l’offensiva tanto attesa “non funziona”, ma prosegue richiedendo maggiori capacità offensive e difensive per l’Ucraina, compresi ulteriori sistemi di difesa aerea e “forniture affidabili di artiglieria”. che oggettivamente non esistono e non esisteranno nelle quantità necessarie di cui l’Ucraina avrà bisogno negli anni a venire.

Missile russo in Azione

A un certo punto dell’articolo, The Economist insiste affinché l’Europa “rafforzi la sua industria della difesa”, apparentemente ignara del fatto che i tempi necessari per farlo vengono misurati in anni – anni che l’Ucraina non ha.

L’Occidente collettivo apparentemente si rende conto che i suoi piani stanno fallendo per porre fine alla guerra a suo favore il più presto possibile, ma sembra inconsapevole che la “lunga guerra” che ora realizzano che li attende va oltre la loro capacità di combatterla per procura o in altro modo. La guerra per procura, progettata per “estendere la Russia”, sta ora rendendo la Russia più forte militarmente e industrialmente. Allo stesso tempo, il conflitto e le sanzioni imposte dall’Occidente alla Russia stanno fungendo da catalizzatore per altre nazioni affinché si allontanino dal mondo unipolare guidato dagli Stati Uniti e investano invece in un’alternativa multipolare, temendo che alla fine l’Occidente possa prenderle di mira. in modo simile.

È chiaro che quanto più l’Occidente collettivo tenta di collocare l’Ucraina in una posizione più forte al tavolo delle trattative, tanto più deboli diventano l’Ucraina e i suoi sponsor occidentali. Più a lungo continuerà questo conflitto, peggio sarà per l’Ucraina e i suoi sponsor. Per l’Occidente collettivo, vincere la guerra per procura è impossibile militarmente e industrialmente, ma accettare questa realtà appare altrettanto impossibile dal punto di vista psicologico per la leadership dell’Occidente collettivo.

Brian Berletic è un ricercatore e scrittore geopolitico residente a Bangkok, in particolare per la rivista online “New Eastern Outlook” (Fonte).

Traduzione: Luciano Lago

6 commenti su “Washington si sveglia con la dura realtà nel mezzo della guerra per procura in Ucraina

  1. se la cocomeraia prendesse una decisione drastica: via dall’ucraina immediatamente e chiedesse all’europa di fare altrettanto penso che qualcuno si sveglierebbe di questi lestofanti addormentati di europoidi distruttori dell’europa. saluti. Gary.

  2. Uhm…io penso che i soci di maggioranza dell’ Economist (Elkann e Rostschild) abbiano anche partecipazioni importanti nelle industrie degli armamenti mondiali. Come dire “Voi gentili combattette contro i russi a liberar l’ Ucraina che noi ci mettiamo in tasca il danè…”. Bene farebbero i generali russi quindi a spedire qualche missile con precisione millimetrica nelle case di chi vuole veramente questa guerra.

  3. La Russia con i suoi 160 milioni di abitanti inclusi i nuovi territori laurea oltre 400000 ingegneri l’anno, se la sta giocando contro tutto l’occidente allargato, mentre durante la WW2 i 190 milioni di abitanti se la dovettero vedere contro gli 80 milioni della Germania nazista e per poco non perdeva, giusto per capire quanto l’oligarchia globalista apolide ha spaventosamente deindustrializzato, depopolato e degradato l’occidente allargato.
    Tra l’altro i nazisti erano occupati più che altro a sterminare gli ebrei che a combattere i sovietici, nel 1914 solo negli imperi russo, tedesco e austro-ungarico c’erano 7 milioni di ebrei, nel 1945 ce n’erano rimasti si e no 2.

  4. Immagino che tutto il petrolio e il gas che la Russia possiede in quantità e che vendeva all’o ccidente ora servirà per dare energia alle industrie delle armi e per venderlo ai paesi amici mentre gli Usa dovranno usare le loro risorse energetiche per fornire i paesi europei che ormai ne sono a corto e dovrà ingraziadsi i paesi del medio oriente per farsi dare il petrolio che le occorre mentre la Russia è abbastanza autonoma da questo punto di vista. Secondo me questo è un altro punto a sfavore dei USA in questo conflitto con la Russia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM