Washington Si Prepara A Fallire In Ucraina


Questo capitolo non finirà bene per il presidente Biden o per la classe politica di Washington.

di Douglas Macgregor
È un fatto indiscutibile: Washington guida il mondo nell’autoillusione.

La classe politica di Washington è pronta a marciare verso un uragano di sua creazione in Ucraina, una tempesta perfetta di errori di politica estera e di difesa che potrebbero far precipitare il popolo americano in crisi e conflitti futuri. Avendo rifiutato di riconoscere l’interesse strategico vitale della Russia in Ucraina, Washington ora vuole sottoporre l’Ucraina e l’alleanza della NATO a un test pericoloso e non necessario confrontandosi con la potenza militare convenzionale russa.

A loro volta, Washington e i suoi alleati devono ora affrontare una prova, una prova che avrebbero potuto evitare, ma che ora rischiano di fallire . In primo luogo, i fatti.

L’ amministrazione Biden sta spendendo 768,2 miliardi di dollari per la difesa nazionale. La Russia spende solo 42,1 miliardi di dollari, meno dei 48 miliardi di dollari spesi dalla Repubblica di Corea. Eppure le forze di terra russe sono superiori in capacità e potenza d’attacco all’esercito e ai marines statunitensi, anche se le forze di terra di entrambi i paesi sono state in grado di dispiegarsi in Ucraina.

La superiorità delle forze di terra convenzionali della Russia deriva, in parte, dal vantaggio strategico di combattere vicino alla Russia. La sua potenza è anche un riflesso dell’insistenza del presidente Vladimir Putin sulla fondamentale riforma e riorganizzazione della difesa . Il processo di riforma ha comportato anni di lotta per espellere i vecchi generali che hanno resistito al cambiamento e installare nuove forze combattenti risolute, composte da giovani uomini single con un profondo senso di patriottismo e durezza russi. La politica ha portato a un raggruppamento operativamente flessibile di formazioni di combattimento russe più piccole basate sulle capacità, progettate per sfruttare spietatamente la potenza d’urto dell’artiglieria missilistica russa, dei missili balistici tattici e delle munizioni vaganti.

Lontano a ovest e dietro il confine polacco si trova un’imbarazzante raccolta di forze di terra dell’esercito americano e della NATO che, nonostante decenni di cooperazione, sono ancora sfidate a combattere efficacemente come un’unica forza. Negli ultimi 20 anni di operazioni in Afghanistan e Iraq, la maggior parte degli alleati dell’America raramente ha avuto qualcosa per contribuire ai nostri sforzi, tranne una bandiera e truppe inesperte che sono state costrette ad operare sotto restrizioni politiche. Così, come l’esercito degli Stati Uniti che li guida, le forze di terra alleate si aggrappano all’illusione che la NATO possa combattere i futuri conflitti sulla terraferma come fecero gli alleati anglo-americani durante la seconda guerra mondiale, con divisioni, corpi ed eserciti grandi e densamente ammassati . Questi sono obiettivi redditizi per le formazioni d’attacco russe.

Inoltre, le politiche istituzionali per imporre diversità e inclusione alle forze armate statunitensi a scapito del carattere, della competenza e dell’intelligenza dimostrati, demoralizza le nostre truppe. Di conseguenza, la dedizione, la coesione e l’orgoglio dei risultati richiesti per sostenere la forza combattente professionale americana sono stati gravemente danneggiati.

Frontiera Ucraina

Le implicazioni sono chiare: uno scontro tra Stati Uniti e Russia nell’Ucraina orientale potrebbe facilmente assomigliare all’esperienza anglo-francese del 1940, con la Wehrmacht che provoca un grave contraccolpo in patria. I colli di bottiglia della catena di approvvigionamento , l’inflazione dei beni di consumo e l’ impennata dei costi energetici potrebbero peggiorare se gli eventi in Ucraina andassero fuori controllo. Mentre sempre più americani si svegliano con il calo degli standard di vita, come reagiranno all’ennesima guerra per obiettivi sospetti che non hanno assolutamente nulla a che fare con i loro interessi strategici vitali e renderanno la loro vita quotidiana ancora più difficile?

La realtà si trova sul confine orientale dell’Ucraina, non nel Mar Cinese Meridionale o nello stretto di Taiwan, e apparentemente Washington non può farci nulla. Le domande che dovrebbero interessare la classe politica di Washington sono: la NATO sopravviverà alla sua ignominiosa ritirata di fronte alla superiore potenza militare russa? E perché Washington conduce la politica non per forza, ma per debolezza, una debolezza finora mascherata dall’esibizione esteriore di potenza militare contro avversari deboli senza eserciti, difese aeree o forze aeree?

Nietzsche diceva: “La guerra rende stupido il vincitore”. Dopo il 1991, gli alti leader militari e politici americani hanno trovato molte ragioni per spendere enormi somme in difesa, ma nessuna ragione per cambiare il modo in cui combattono le forze statunitensi, o per escogitare una strategia militare nazionale legata a interessi tangibili e concreti e alla conservazione del potere nazionale americano. .

Come ha avvertito John Kenneth Galbraith, “Le persone privilegiate rischieranno sempre la loro completa distruzione piuttosto che rinunciare a qualsiasi parte materiale del loro vantaggio. La miopia intellettuale, spesso chiamata stupidità, è senza dubbio una ragione. Ma i privilegiati sentono anche che i loro privilegi, per quanto eclatanti possano sembrare agli altri, sono un diritto solenne, fondamentale, dato da Dio”.

I leader corrotti e moralmente in bancarotta di Washington stanno entrando in un campo minato. Se coinvolgeranno le forze statunitensi e alleate in Ucraina, li attende uno straordinario malcontento in patria e all’estero. Tuttavia, come tante classi privilegiate prima di loro, l’amministrazione Biden potrebbe preferire la “distruzione completa” piuttosto che riconoscere che le sue convinzioni più care sono delusioni assolute. È sicuro dire che qualunque cosa accada in Ucraina, questo capitolo non finirà bene per il presidente Biden o per la classe politica di Washington.

Douglas Macgregor , colonnello (in pensione) è un membro anziano di The American Conservative , ex consigliere del Segretario della Difesa nell’amministrazione Trump, veterano di guerra decorato e autore di cinque libri.

Fonte: The American Conservative

Traduzione Luciano Lago

4 Commenti
  • Manente
    Inserito alle 19:12h, 24 Dicembre Rispondi

    Un discorso più che lineare, ma forse la volontà di Dio è proprio che la corrotta e criminale classe politica che ha occupato il potere negli Usa, in Europa ed in Italia, venga spazzata via una volta per tutte con la forza delle armi del “principe dell’est” !!!

  • La soluzione
    Inserito alle 21:22h, 24 Dicembre Rispondi

    Mi meraviglia il fatto che gli stati uniti esistano ancora. Sono alla frutta.

  • atlas
    Inserito alle 10:45h, 25 Dicembre Rispondi

    però l’arabia saudita giudeo wahhabita costruisce missili balistici (con l’aiuto della Cina)

    • Giorgio
      Inserito alle 12:29h, 25 Dicembre Rispondi

      Ho letto …… è necessario approfondire questa notizia per capire cosa si muove dietro le quinte ……
      Riallineamento dei sauditi (ottimo) o tradimento cinese (pessimo) ………

Inserisci un Commento