APPELLO RACCOLTA FONDI! MANTIENI IN VITA UNA VOCE LIBERA!

Washington, nella sua più totale confusione, supplica la Turchia di fermarsi in Siria

La portavoce del Dipartimento di Stato USA, Heather Nauert, ha fatto un appello urgente alla Turchia a non intraprendere operazioni militari sulla città siriana di Afrin, attualmente controllata dalle milizie curdo-siriane YPG appoggiate da Washington.
” Ci appelliamo ai turchi perchè non facciano passi di questo tipo (…). Non vogliamo che partecipino alla violenza e desideriamo che vogliano dedicare la loro attenzione al gruppo terrorista dell’ISIS (Daesh in arabo)”, ha dichiarato la portavoce Nauert nel corso di una conferenza stampa, secondo quanto riferito dall’agenzia Reuters.

Questa dichiarazione è stata fatta dalla funzionaria USA con riferimento al duro pronunciamento del cancelliere turco, Mevlut Cavusoglu, il quale lo stesso giovedì aveva dichiarato che Ankara interverrà quanto prima con le sue forze militari nelle zone di Afrin e Manbiy dove si sono installate le forze curdo-arabe appoggiate da Washington.
Cavusoglu aveva annunciato la decisione del governo turco, dopo che la denominata coalizione contro l’ISIS, comandata dagli USA, aveva confermato che stava addestrando un nuovo esercito composto da 30.000 unità di miliziani curdo-arabi in Siria; una misura che aveva provocato l’ira delle autorità turche.

La Turchia intanto ha schierato le sue truppe corazzate ed anche batterie di missili Tomahawk lungo la frontiera che divide con la Siria e punta verso la città di Afrin, dove si trovano le milizie curdo-siriane filo USA a cui ha richiesto di abbandonare la zona o di affrontare altrimenti le conseguenze.

Il segretario di Stato Rex Tillerson aveva però cercato di rettificare queste informazioni ma i turchi hanno rilevato che gli USA hanno fornito qualche migliaia di veicoli blindati ed artiglierie ai miliziani curdi che saranno utilizzate contro l’esercito turco (alleato degli USA nella NATO),in caso di conflitto, come già avvenuto nei primi scontri.
“Questa è una prova della confusione che esiste nella mente degli statunitensi. (…) Quello che abbiamo molto chiaro è che noi difenderemo comunque la sicurezza della Turchia e non tollereremo che un esercito di terroristi prenda posizione lungo le nostre frontiere. Non esiteremo a prendere immediatamwnbte tutte le misure necessarie sulla base del diritto internazionale per garantire la sicurezza delle nostre frontiere e la vita e il patrimonio dei nostri cittadini”, ha risposto il cancelliere turco.

In effetti alla frontiere turco-siriane Ankara ha già schierato migliaia di carri armati e veicoli blindati in attesa di iniziare l’attacco. Le artiglierie turche hanno già aperto il fuoco di spianamento sulle posizioni curde e si apprestano a sferrare l’attacco contro le YPG curde e le formazioni FDS (Forze Democratiche Siriane), entrambe appoggiate ed armate dagli USA.

US Special forces in Siria

Nota: L’eventuale successo dell’operazione militare della Turchia contro i curdi, che dispone di uno dei più grandi eserciti della NATO, avrà l’effetto di sotterrare l’ambizione curda ed il piano USA di creare una entità curda a nord della Siria per smembrare la Siria e tenere sotto pressione il Governo di Damasco, appoggiato dalla Russia e dall’Iran.
Forse il “suggerimento” fornito a Trump da Netanyahu e dal genero Jared Kushner non è stato la mossa più opportuna per la politica degli USA in Medio Oriente visto che Washington rischia di trovarsi del tutto isolato e di perdere il suo più importante alleato della NATO nella zona. Si sapeva che gli immobiliaristi come Kushner non hanno molta competenza nella politica mediorientale e Trump sembra essersi fidato troppo dei consigli delle persone sbagliate.

Fonte: Hispan Tv

Traduzione, sintesi e nota: Luciano Lago

*

code

  1. claudio 9 mesi fa

    Se i turchi entrano in siria assad gli spara e quindi si va al tutti contro tutti, quello che era tuo nemico che è diventato ( quasi ) amico ora non lo è più.. mica male come casino, no?? E intanto si scannano gli altri e israele sta a guardare… la mia prima regola di vita dice che NULLA È MAI PER CASO.. quindi…thrcome risolvere la questione mediorientale?? Semplicissimo!! Incenerire israele e tutti ma proprio tutti i giudei.. avremo almeno 300 anni di pace e prosperità, ognuno a casa sua..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. max tuanton 9 mesi fa

    Ostia ! Claudio questo e’ parlar chiaro e’ un programma COI fiocchi semplice ma convincente !mi trova talmente d’accordo che LA seguiro come un gesuita che segue il suo superiore come un cadavere non fiato ! Digiti:” israele grande stato democratico” video che ritrae le buone maniere di quel popolo che Savoir -faire !

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. claudio 9 mesi fa

      Leggo Celine da circa 40 anni caro max tuanton e so che pure LEI è un estimatore, o sbaglio?? Accetto la sua burla con spirito ma non ci sono più cose che mi possano sorprendere o aggiungere qualcosa di nuovo a quanto ormai assodato e mi scuso se non seguirò il suo consiglio, ho appena cenato e non voglio che mi rimanga sullo stomaco. Le auguro di trovare un piano migliore ma siccome l’ebraismo internazionale è il cancro del mondo e il cancro va estirpato alla radice capirà bene, visto che non è uno sciocco, che non esiste altro sistema..

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Kim 9 mesi fa

        Impossibile non concordare con Claudio… Esprime la pura spaventosa realtà

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Mardunolbo 9 mesi fa

      le esternazioni che sanno di bestemmia indicano il livello culturale a base di noce di betel…Esempio da seguire, certamente !

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. claudio 9 mesi fa

        A proposito di bestemmie voglio ricordarLe caro herzog che se la Bibbia dice che il popolo di israele è il popolo eletto ricorda anche che solo 144mila ebrei saliranno al regno dei cieli. Ora, la mia opinione è che in oltre 5700 anni della loro storia ( demmerda ) probabilmente hanno esaurito tutti i posti disponibili e che gli altri, avendo ormai ben capito questa cosa, stanno cercando una sistemazione ottimale all’inferno, una specie di kapò post litteram.. Lei cerca, impropriamente ed inutilmente, di utilizzare l’ironia per sminuire la realtà che è ormai sotto gli occhi di tutti, per cui vorrei davvero vedere chi dei 2 fa uso di noci di betel o similari..

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. HERZOG 9 mesi fa

    LA noce di betel LA masticano insistentemente gli anziani Thai ,dicono che faccia molto bene ai denti e allo stomaco ,tralasciando l’acredine di alcuni commentatori verso tuanton ribadisco che gia’ informare chi vi STA vicino su questi temi e’ qualcosa di specials visto che I vostri nonni padri bisnonni ecc se lo son presi in quel posto per centinaia di anni senza saper chi era che li mandava al macello e Chi si riempiva le tasche con guerre create ad hoc mentre lasciava il popolino languire NELLA miseria.Ora sapete xche il buon Adolfo e Benito hanno agito cosi’ !

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Mardunolbo 9 mesi fa

      la noce di betel e’ masticata in tutta l’Asia essendo l’analogo della coca in Sud America ! “rinforza, rinforza…”
      Certo,certo !

      Rispondi Mi piace Non mi piace