Washington minaccia la Cina: Le aziende cinesi che aiutano la Russia potrebbero essere sanzionate


Washington [Stati Uniti], 9 marzo (ANI): le aziende cinesi che sfidano le sanzioni occidentali su Russia e Bielorussia possono essere soggette ad azioni “devastanti”, ha affermato martedì il segretario al Commercio americano Gina Raimondo.

Il 24 febbraio, la Russia ha iniziato l’invasione dell’Ucraina. Da allora, dozzine di paesi, tra cui Giappone, Corea del Sud e Australia, hanno imposto sanzioni finanziarie e divieti di viaggio alla Russia.

“Potremmo essenzialmente chiudere i prodotti SMIC [Semiconducto Manufacturing International Corporation] perché così impediamo loro di utilizzare le nostre apparecchiature e il nostro software”, ha detto Raimondo al New York Times (NYT) in un’intervista sulle aziende cinesi che continuano a lavorare con la Russia.
Il segretario al Commercio degli Stati Uniti ha aggiunto che le SMIC o qualsiasi società cinese che viola le misure di controllo delle esportazioni statunitensi possono essere sanzionate se consegnano chip e altri articoli high-tech ai paesi sanzionati.

Il rapporto del NYT afferma che i controlli sulle esportazioni vietano la vendita di alcuni prodotti high-tech, compresi i semiconduttori avanzati, a Russia e Bielorussia.

Secondo il rapporto, i controlli sulle esportazioni si applicano non solo alle aziende statunitensi, ma anche alle aziende che utilizzano software o tecnologia americana per fabbricare i loro prodotti.

Le osservazioni di Raimondo arrivano il giorno dopo che gli Stati Uniti avevano emesso un avvertimento dicendo che Washington ha i mezzi per “prendere provvedimenti” contro la Cina se Pechino non si atterrà alle sanzioni contro la Russia nel conflitto in Ucraina. “Abbiamo anche visto la Cina rispettare le sanzioni che sono state messe in atto. Si sono ovviamente astenuti, anche dal voto del Consiglio di Sicurezza dell’Onu, e hanno espresso alcuni commenti sulla sovranità e l’integrità territoriale dell’Ucraina. Se non rispettano le sanzioni che abbiamo emesso, sapete, noi abbiamo chiaramente i mezzi per prendere provvedimenti, ma è quello che abbiamo visto oggi”, ha detto il portavoce della Casa Bianca Jen Psaki durante una conferenza stampa. (ANI).

Secretary of Commerce Gina Raimondo speaks to the media during a press briefing

La Cina condanna le sanzioni “unilaterali”.
Lunedì, il ministro degli Esteri cinese Wang Yi ha affermato che l’amicizia tra Cina e Russia è “solida come una roccia. ″

Ha indicato specificamente una dichiarazione congiunta tra il presidente cinese Xi Jinping e il presidente russo Vladimir Putin il mese scorso, in cui Cina e Russia hanno descritto “le relazioni internazionali che entrano in una nuova era” e “nessun limite” alla cooperazione dei loro paesi.

Pechino ha rifiutato di definire un’invasione l’attacco della Russia all’Ucraina . La Cina si è concentrata sulla promozione dei negoziati tra Russia e Ucraina e si oppone alle misure economiche adottate contro la Russia.
Alla domanda su una “alleanza delle nazioni occidentali” che spinge la Russia fuori dalla rete bancaria SWIFT, il portavoce del ministero degli Esteri Wang Wenbin ha affermato la scorsa settimana che “la Cina non è d’accordo nel risolvere i problemi con le sanzioni, ancor meno le sanzioni unilaterali prive della base del diritto internazionale ”, secondo la trascrizione di una conferenza stampa in lingua inglese.

Più avanti nella settimana, il portavoce Wang ha ribadito quella posizione in risposta alla domanda se le sanzioni occidentali al commercio con la Russia avrebbero colpito la Cina.

Fonte: https://www.cnbc.com/2022/03/09/china-watches-as-ukraine-war-makes-us-eu-and-japan-show-unity.html

Nota: Si aspetta una dichiarazione ufficiale da parte del portavoce del Ministero degli Esteri della RPC.

raduzione e nota: Luciano Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by madidus