Washington ha resuscitato lo spettro dell’Armageddon nucleare

di Paul Craig Roberts (*)

Gli Stati Uniti e Israele si sono isolati come i due governi più malvagi della terra. Aderendo alla politica estera di Washington, i governi fantoccio europei si ritrovano disprezzati dai loro stessi cittadini.

Undici mesi fa il presidente russo Vladimir Putin descrisse l’Occidente all’Assemblea Federale Russa:

“Si sono comportati in modo altrettanto spudorato e ambiguo quando hanno distrutto la Jugoslavia, l’Iraq, la Libia e la Siria. Non potranno mai lavare via questa vergogna. I concetti di onore, fiducia e decenza non fanno per loro. Nel corso dei lunghi secoli di colonialismo, diktat ed egemonia, si sono abituati a vedersi concesso tutto. Si abituarono a sputare sul mondo intero.

“Si è scoperto che trattano le persone che vivono nei loro paesi con lo stesso disprezzo, come un cattivo maestro. Hanno cinicamente ingannato anche i loro cittadini, ingannandoli con storie fantastiche sulla ricerca della pace, sull’adesione alle risoluzioni del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, in particolare sulla questione del Donbass. Le élite occidentali sono diventate un simbolo di menzogne ​​totali e senza principi”.

I politici e i giornalisti russi hanno impiegato molto tempo per riprendersi dall’illusione che, con la fine del comunismo, il mondo fosse una comunità governata da regole concordate. Molti intellettuali e giornalisti russi avevano un’immagine idealizzata degli Stati Uniti che mantenevano il governo russo sbilanciato nel comprendere le vere intenzioni di Washington nei confronti della Russia. Come spiegare altrimenti la mancanza di preparazione della Russia quando Washington rovesciò il governo eletto dell’Ucraina e quando la Georgia invase l’Ossezia del Sud?

Come Putin ora comprende, le conseguenze dell’errata aspettativa del governo russo di relazioni giuste e onorevoli con l’Occidente sono state gravi. A meno che il degrado dell’Occidente non si traduca in un collasso, la guerra sarà inevitabile. I popoli americani ed europei non hanno alcun impatto sui loro governi che servono le agende dei potentati finanziari.
Ora che l’Occidente ha dimostrato davanti a tutti che non prova vergogna per la partecipazione al genocidio, anche i russi più occidentalizzati probabilmente manterranno una distanza di sicurezza dalle trappole di Washington.

Putin parla alla Duma Russa

Ora che l’Occidente ha completamente distrutto la fiducia costruita durante l’era sovietica, la minaccia di un Armageddon nucleare domina nuovamente la Terra. Di fronte a questa minaccia, tutte le altre minacce recedono nel nulla.

*Paul Craig Roberts (nella foto), Georgia Tech ’61, è un economista, editorialista, blogger ed ex funzionario pubblico americano. Ha prestato servizio durante l’amministrazione Reagan (1981) come assistente del segretario al Tesoro per la politica economica degli Stati Uniti. Dal 1975 al 1978, Roberts fece parte dello staff del Congresso. In qualità di consigliere economico del deputato Jack Kemp, ha redatto il disegno di legge Kemp-Roth.
Ha scritto per il WSJ fino al 1980. Era un ricercatore senior in economia politica presso il Center for Strategic and International Studies, allora parte della Georgetown University. Dopo il suo periodo al governo si è dedicato al giornalismo, ricoprendo incarichi di redattore e editorialista per il Wall Street Journal, editorialista per Business Week, Scripps Howard News Service e redattore collaboratore di Harper’s Magazine.

Fonte: Paul Craig Roberts

Traduzione: Luciano Lago

2 commenti su “Washington ha resuscitato lo spettro dell’Armageddon nucleare

  1. Basti vedere chi è il nuovo premier francese un certo Gabriel Attal ( un gay) si è unito civilmente all’europarlamentare Stéphane Séjourné oggi i due dopo essersi giurati amore eterno, si sono separati … adesso mi chiedo è possibile in Europa essere governati da gente così? Questi non solo sono gay, ma addirittura non tengono nemmeno fede agli impegni assunti tra loro due , ora come possono rispettare gli impegni presi con i cittadini europei ? … sinceramente mi viene sempre più voglia di passare cittadino russo o di qualche nazione islamica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM