Washington è la più lontana dal fronte ucraino, ma è quella che ha più urgenza per la guerra

  Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha annunciato pochi giorni fa che avrebbe inviato quasi 3.000 soldati americani in più nell’Europa orientale e i primi combattenti sono arrivati ​​uno dopo l’altro in Germania e Polonia. Questo è un incredibile aumento delle truppe dopo che l’esercito americano si è ritirato dall’Afghanistan e dall’Iraq. Il Pentagono aveva precedentemente annunciato che 8.500 soldati statunitensi sono stati posti in massima allerta e potrebbero essere schierati nell’Europa orientale in qualsiasi momento.
I membri della NATO hanno anche in programma di discutere l’aumento delle truppe il 16 e 17 febbraio. Sebbene queste truppe non fossero schierate direttamente in Ucraina, in realtà davano l’impressione che la guerra fosse imminente nell’Europa orientale.
  Va visto che Washington è la più lontana dal fronte ucraino, ma è quella che dimostra la maggiore urgenza per la guerra, mentre Russia e Ucraina, come le due parti hanno ripetutamente espresso la loro riluttanza a combattere e non intendono usare la forza per risolvere il problema. Sia il presidente ucraino che il ministro della Difesa hanno dichiarato pubblicamente che la situazione non è così tesa come hanno affermato gli Stati Uniti.
Tuttavia, gli Stati Uniti, paese extraterritoriale, hanno continuato a esagerare sul fatto che “la guerra potrebbe scoppiare in qualsiasi momento”, e il media americano Bloomberg non vedeva l’ora di rilasciare la falsa notizia che “la Russia ha invaso l’Ucraina”.
Gli Stati Uniti non solo influenzano l’opinione pubblica sulla minaccia russa , ma forniscono anche armi all’Ucraina e rafforzano il suo dispiegamento militare attorno a quel paese. L’intenzione è quella di incoraggiare l’Ucraina a “rimanere in piedi” e non “rimanere indietro” nello scontro con la Russia. Una evidente forma di istigazione alla guerra per procura.

  Washington ha in programma di vendere la guerra (come propaganda), e vuole aumentare la legittimità e la coesione interna dell’esistenza della NATO, in modo che l’Europa e gli Stati Uniti, che hanno già sviluppato tendenze centrifughe, siano più legati fra loro. Un altro punto di vista è che anche gli Stati Uniti possono cogliere l’occasione per vendere armi, il che è un ragionevole dubbio basato sull’esperienza passata.
In breve, gli Stati Uniti vogliono prendere i due piccionicon una fava, ma stanno conducendo un gioco immorale e pericoloso. Il New York Times ha affermato che anche i falchi di entrambe le parti sarebbero riluttanti a vedere le truppe statunitensi combattere per l’Ucraina. Gli Stati Uniti hanno spinto l’Ucraina nel pozzo del fuoco, ma si sono fatti da parte per paura di essere coinvolti.

Mettere a disagio la Russia è uno degli obiettivi prioritari di Washington, ma è probabile che la vittima sia l’Ucraina. Chiunque abbia un occhio perspicace può vedere che ciò di cui l’Ucraina ha veramente bisogno non sono le armi. Il fatto che gli Stati Uniti inviino o vendano armi all’Ucraina non può cambiare l’equilibrio del potere militare tra Russia e Ucraina. Ciò di cui l’Ucraina ha veramente bisogno è un ambiente interno ed esterno pacifico e stabile, deve concentrarsi sullo sviluppo dell’economia, sul miglioramento dei mezzi di sussistenza delle persone e deve allentare le tensioni con la Russia. Se la parte statunitense “sta con l’Ucraina”, come afferma, dovrebbe fornire all’Ucraina il necessario aiuto sostanziale in questi aspetti.
Va sottolineato che la cosa più difficile da sopportare per l’Ucraina ora è aggiungere benzina sul fuoco, ma Washington continua a “creare” opportunità per alimentare la situazione in Russia e Ucraina.

Truppe USA in Estonia

In tali circostanze, l’ultima dichiarazione congiunta di Cina e Russia ha suscitato il timore anche negli Stati Uniti. Il portavoce della Casa Bianca Psaki ha affermato che se dovesse scoppiare un conflitto armato tra Russia e Ucraina, questo avrebbe influito sugli interessi della Cina in tutto il mondo. Va detto che la mossa degli Stati Uniti è più come “toccare la porcellana”. La dichiarazione congiunta sino-russa copre l’ampio consenso e le richieste comuni di Cina e Russia in termini di economia e commercio, sicurezza, situazione regionale e ordine internazionale, e non menziona l’Ucraina.
La visione di Washington è ovviamente troppo bassa per vedere il panorama reale del mondo di oggi. Ora è più simile al “rappresentante di classe” del vecchio pensiero, e sta ancora sfoggiando compiaciuto bugie con la tromba rotta del secolo scorso. Questo tipo di autocoscienza è in realtà di livello molto basso.

  In effetti, la dichiarazione congiunta sino-russa affermava chiaramente: “Pace, sviluppo e cooperazione sono la corrente principale del sistema internazionale di oggi” e “la voce della comunità internazionale per la pace e lo sviluppo sostenibile è ancora più forte”. In questo contesto, Washington vuole ancora indebolire altri paesi e mantenere la sua egemonia vendendo guerre: questo è un sogno geopolitico sconcertante. Per svegliarsi dal sogno, le élite politiche di Washington dovrebbero davvero leggere questa dichiarazione congiunta e capire come gli Stati Uniti possono adattarsi all’andamento dei tempi e diventare un vero potere responsabile.

Fonte: Military Sina

Traduzione: Luciano Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by madidus