WASHINGTON DÀ ALL’UCRAINA LA FALSA SPERANZA DI POTER RICONQUISTARE LA CRIMEA

Affermando che gli Stati Uniti sosterranno gli attacchi ucraini alla Crimea, il sottosegretario di Stato Victoria Nuland conferma senza ombra di dubbio che Washington incoraggia l’aggressione e l’escalation della guerra di Kiev. Tuttavia, un possibile attacco alla Crimea non solo fallirà perché la penisola è ben protetta, ma porterà a una rappresaglia più devastante da parte della Russia contro il regime al potere a Kiev.

Non ho intenzione di pregiudicare dove gli ucraini scelgono di combattere o come scelgono di affrontare la Crimea a breve, medio o lungo termine. Riconosciamo la Crimea come Ucraina”, ha dichiarato Nuland durante una discussione online organizzata da Carnegie Endowment il 16 febbraio.

“Quelle [installazioni militari russe in Crimea] sono obiettivi legittimi, l’Ucraina li sta colpendo e noi lo sosteniamo”, ha continuato, aggiungendo che l’Ucraina non sarà al sicuro a meno che la Crimea non sia smilitarizzata come minimo.

Nuland sta effettivamente incitando Kiev a una nuova escalation del conflitto anche se porterà più sofferenza ai comuni ucraini. Tuttavia, essendo l’Ucraina in guerra con la Russia, questo ha portato grandi benefici agli Stati Uniti poiché il loro obiettivo finale è quello di indebolire il gigante eurasiatico.
Dando a Kiev la falsa convinzione di poter conquistare la Crimea, Washington sta effettivamente incoraggiando l’esercito ucraino a continuare il loro futile sforzo bellico.

Gli Stati Uniti trascurano che la Crimea è diventata parte della Federazione Russa in conformità alle norme e agli standard internazionali. I cittadini della Crimea hanno votato in modo schiacciante per lasciare l’Ucraina e unirsi alla Russia, e questa è una dura realtà che l’Occidente si rifiuta di riconoscere.

La negazione di questa realtà si vede dal fatto che Nuland sta incoraggiando l’Ucraina a portare il terrore in Crimea. In effetti, non solo sta sostenendo la violazione del territorio sovrano della Russia, ma data la sua posizione e il fatto che non ci sia negazione o rifiuto da parte dei suoi superiori, sta esprimendo l’opinione ufficiale dell’amministrazione Biden.

Tuttavia, Washington non fornisce solo incoraggiamenti retorici all’Ucraina. Gli Stati Uniti hanno consegnato armi per miliardi di dollari all’esercito ucraino e istruttori americani stanno addestrando nuovi soldati e sono attivi sul campo di battaglia. Mosca ha ripetutamente avvertito che gli aiuti militari all’Ucraina non faranno che intensificare ulteriormente il conflitto.

Nuland è pienamente consapevole che se ci fosse un attacco alla Crimea, ci sarebbero potenti attacchi alle strutture ucraine. Oltre a questo fatto, la Crimea è ben protetta ed è effettivamente una fortezza con un’abbondanza di sistemi di difesa antiaerea, sistemi navali, aerei da combattimento e molte truppe. In effetti, il grosso delle forze militari russe nella regione del Mar Nero è concentrato nella penisola di Crimea.

Crimea

Va notato che anche l’ambasciata russa negli Stati Uniti ha risposto alla dichiarazione di Nuland. L’ambasciata ha sottolineato che la dichiarazione di Nuland conferma solo il coinvolgimento degli Stati Uniti nel conflitto.

“Dovrebbe finalmente diventare ovvio per l’intera comunità internazionale che gli Stati Uniti sono il vero istigatore del confronto in Ucraina. Tuttavia, i tentativi di Washington di utilizzare gli ucraini per infliggere alla Russia una sconfitta strategica sono destinati a fallire. Nessuno può avere il minimo dubbio che la Russia proteggerà i suoi cittadini e il suo territorio”, avverte l’ambasciata.

Sebbene il presidente Joe Biden e la sua amministrazione stiano senza dubbio provocando un’ulteriore guerra in Ucraina, non tutti all’interno del suo partito sono convinti di questa strategia. Adam Smith, il massimo democratico nel Comitato per i servizi armati della Camera, ha affermato che la maggior parte delle persone accetta che l’Ucraina non riconquisterà mai la Crimea.

“Penso che ci sia più consenso là fuori sul fatto che le persone si rendano conto che l’Ucraina non riprenderà militarmente la Crimea”, ha detto a margine della Conferenza sulla sicurezza di Monaco, aggiungendo che a un certo punto ci sarà una fine negoziata della guerra.

Cittadini della Crimea festeggiano anniversario

Si ricorda che i funzionari del Pentagono hanno detto al Comitato per i servizi armati della Camera in un briefing riservato a gennaio che è improbabile che le forze ucraine siano in grado di riconquistare la Crimea dalle truppe russe nel prossimo futuro. Questa è ovviamente una realtà che qualsiasi persona ragionevole concluderebbe, ma Nuland raddoppiando la possibilità che l’Ucraina possa riconquistare la Crimea, un obiettivo fondamentale della guerra di Kiev con la Russia, che serve solo a prolungare il conflitto e le sofferenze nel paese.

Come sottolineato da Politico, i commenti di Smith “riflettono quella che sembra essere una visione crescente a Washington secondo cui dopo un anno di pesanti combattimenti, sarà necessario realizzare un qualche tipo di accordo per porre fine alla guerra”.

Tuttavia, non dovrebbe sorprendere che i negoziati debbano aver luogo dopo quasi un anno di conflitto, soprattutto se l’Ucraina vuole realizzare rapidamente una ripresa economica. Tuttavia, i commenti di Nuland dimostrano che, sebbene Washington accetti a malincuore che Mosca vincerà la guerra, è pronta a esaurire completamente l’Ucraina nella speranza di logorare la Russia.

Fonte: South Front

Traduzione: Luciano Lago

9 thoughts on “WASHINGTON DÀ ALL’UCRAINA LA FALSA SPERANZA DI POTER RICONQUISTARE LA CRIMEA

  1. i giornaletti cartacei – che non legge nessuno – e televisivi celebrano a vista de vecchio pazzo con i nuovo figliocco adottivo ukro banderista mentre a mellona a cadetta neonazista italiana se continua cosi si prendera’ iskander tattico sua sede di rai news 24…

  2. Quel cretino di giornale Il Giorno, ha sempre un cretino di opinionista che continua a blaterare circa la debolezza della Russia è le sue enormi perdite. A sentirlo parrebbe che la Russia sia come San Marino quanto a potenziale di guerra. Scorri altre pagine, e giù affermazioni tutte di parte che paiono il bollettino americano di guerra copiato e appiccicato oppure quello ucraino. E così La Stampa, il Foglio, e tutti gli altri. Intanto Crosetto spara cavolate e la Meloni va a Kiev secondo copione. Come apparirà la vera fine di questa guerra, allora con la stessa faccia di merda cambieranno parole e bandiera.

  3. Si la posta si alza dea propaganda mediatica nato/Ue , sono attendibili Rt.com confrontata con cnn e bbc che sono de facto parti cobelligeranti , ma i isti citati di giornaletti italioti poco ma moto poco cr4edibii , i fatto che ora su web a qualsiasi tizio che vuole opinare gi si da tribuna di parola , una cosa sono e opinioni una i fatti,…e in questa categoria non ricadono a stampa i foglio i giorno CorSega : a sto punto megio i panegirico / calderone di Msn news / Yahoo news . soo un idiota funzionale puo parare di vittorie ukro quando a mattanza ne parano sia in europa che america.

  4. Oggi parla l’ex rappresentante di uno stato degli USA noto ‘ paradiso fiscale’ : i trombettieri/e e gli scribacchini/e. nostrani sono impazienti di muovere le lingue e le penne, in linguaggio sportivo, le stanno ” sciogliendo”. Non parlate loro di dignità : questa è una parola che non esiste nel vocabolario.

  5. BRUTTA STREGA….RICORDA CHE L’ALBERO PECCA E IL RAMO RICEVE, SARA’ LA VITA A FAR PAGARE AI TUOI FIGLI E AI FIGLI DEI TUOI PARI LE SCONCEZZE E I CRIMINI CHE STATE COMMETTENDO…..VERRA’ UN GIORNO CHE TUTTI GLI ABITANTI DELLA TERRA NON VORRANNO PIU’ SENTIRE IL VOSTRO LEZZO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2023 · controinformazione.info · site by madidus