Washington apre un nuovo fronte nello Yemen. Obiettivo: occupare il paese e saccheggiarne il petrolio


Un nuovo lotto di truppe statunitensi entra nell’Hadhramaut in mezzo ai tentativi di Washington di saccheggiare il petrolio yemenita: rapporto

Tra gli aggressivi tentativi di Washington di strappare il controllo sulle riserve energetiche e saccheggiare le risorse naturali nello Yemen tormentato dal conflitto, un nuovo gruppo di forze militari statunitensi è entrato nella provincia orientale di Hadhramaut, ricca di petrolio

L’agenzia di stampa dello Yemen, citando fonti locali informate che hanno chiesto di non essere nominate, ha riferito che il governatore provinciale di Hadhramaut, Mabkhout bin Madi, ha avuto un incontro faccia a faccia con la delegazione statunitense nel suo ufficio.

Durante l’incontro, bin Madi si è lamentato con i funzionari militari americani della decisione del governo di salvezza nazionale con sede a Sana’a di vietare alla coalizione guidata dai sauditi di esportare il greggio yemenita, affermando che la decisione avrebbe effetti negativi sul mercato energetico globale .

Lo sviluppo arriva quando le visite di funzionari occidentali nello Yemen orientale hanno recentemente assistito a una tendenza in accelerazione, la più recente delle quali è stata la visita dell’ambasciatore francese ad Aden, Jean-Marie Safa, a fine settembre. Le visite sono viste come gli sforzi dell’Occidente per garantire il proprio fabbisogno energetico sullo sfondo della campagna militare russa in Ucraina.

Il 28 luglio, un lotto di forze militari statunitensi è atterrato all’aeroporto di al-Ghaydah, nella provincia sudorientale dello Yemen di al-Mahrah, a bordo di un volo dall’aeroporto internazionale di Riyan a Mukalla, che si trova sulle rive del Mar Arabico e a circa 480 chilometri (300 miglia) a est di Aden.

Combattenti della resistenza Yemenita

L’agenzia di stampa dello Yemen ha riferito all’epoca che l’arrivo delle forze statunitensi è stato seguito da una grave interruzione della connettività Internet nel distretto di Sayhut, incolpando il blackout di Internet sull’installazione di sofisticati dispositivi di sorveglianza da parte delle truppe americane.

In precedenza, un alto funzionario yemenita ha affermato che addestratori militari statunitensi e britannici sono arrivati ​​in un porto di Mahrah su navi cariche di munizioni e attrezzature militari e logistiche.

Il 26 giugno il governatore provinciale, al-Qatabi Ali Hussein al-Faraj, ha dichiarato all’agenzia di stampa Saba ufficiale dello Yemen che grandi carichi di armi a bordo di navi militari erano sbarcati al porto di Nishtun e che addestratori militari britannici e americani erano di stanza ad al-Ghaydah International Aeroporto.

“La coalizione di aggressione guidata dai sauditi è coinvolta nel contrabbando e nel commercio di narcotici nell’area al fine di perpetuare l’insicurezza, portare avanti i suoi diabolici complotti e dissuadere la popolazione locale dall’affrontare gli invasori”, disse all’epoca Faraj.

L’alto funzionario yemenita ha osservato che gli occupanti ei loro militanti Takfiri alleati stavano cercando di far precipitare la provincia di Mahrah nel caos e nella confusione più totale poiché la gente del posto era ferocemente contraria alla presenza di forze straniere.

L’Arabia Saudita ha lanciato la devastante guerra allo Yemen nel marzo 2015 in collaborazione con i suoi alleati arabi e con il supporto di armi e logistica degli Stati Uniti e di altri stati occidentali.

L’obiettivo era reinstallare il regime favorevole a Riad di Abd Rabbuh Mansour Hadi e schiacciare il movimento di resistenza di Ansarullah, che gestisce gli affari di stato in assenza di un governo funzionale nello Yemen.

Sebbene la coalizione guidata dai sauditi non sia riuscita a raggiungere nessuno dei suoi obiettivi, la guerra ha ucciso centinaia di migliaia di yemeniti e generato la peggiore crisi umanitaria del mondo.

Fonte: Press Tv

Traduzione: Luciano Lago

8 Commenti
  • Giorgio
    Inserito alle 11:44h, 05 Novembre Rispondi

    Benissimo …. che scendano in campo direttamente gli yankee ….. vediamo quanto valgono in un corpo a corpo diretto …. la resistenza yemenita ha dimostrato in tutti questi anni il proprio valore e il proprio eroismo ….
    Solidarietà al popolo e alla resistenza yemenita aggredita dagli imperialisti USA-UK-NATO-SIONISTI !

  • francesco
    Inserito alle 12:45h, 05 Novembre Rispondi

    Credo che siamo in pieno picco del consumo di petrolio, picco di Hubbert, profetizzato negli anni ’50, che forse durerà qualche anno. Poi la produzione diminuirà a i prezzi tenderanno stabilmente a salire. Gli arabi lo hanno ben capito e hanno detto “no” a Biden, quindi non per solidarietà alla Russia, come è apparso.
    Il gasolio scarseggia per mancanza di greggi idonei.
    L’umanità si renderà conto che sarà lotta per la sopravvivenza della civiltà, non delle nazioni. Saranno purtroppo necessari regimi autoritari per superare le opposizioni precostituite delle minoranze che non vorranno abbandonare la mentalità inculcata loro dagli anni ’60.
    Le soluzioni sono due: 1) minor individualismo a tutti i livelli, oppure 2) riduzione delle popolazione mondiale.
    Tertium non datur

    Klaus Schwab non è mio parente. Non so se ha colto il problema, ma certo la soluzione

    • vincenzo
      Inserito alle 20:25h, 05 Novembre Rispondi

      riduzione della popolazione mondiale? ….bene! cominciamo da schwab….e compagni!

  • Nicholas
    Inserito alle 12:50h, 05 Novembre Rispondi

    Spero che questa situazione, faccia innervosire, Ancor, di più l’Arabia Saudita.
    Aprire un’altra fronte di guerra non sarà una buona cosa per l’occidente.

  • Milan
    Inserito alle 17:06h, 05 Novembre Rispondi

    Truppe USA-UK-UE -NATO invadono lo Yemen ?
    Ottima occasione per Russia-Serbia-Venezuela- Nord Corea-Iran -Siria -Bielorussia -Iraq -eccetera di fornire armamenti e munizioni ai poveri Yemeniti che dopo aver scoperto il petrolio nel loro territorio sono stati invasi e rapinati del” ORO nero dai paesi OCCIDENTALI .
    Fornire ufficialmente armi ai poveri Yemeniti affinché possano difendersi dai sanguinari e feroci invasori barbari di USA -UK-UE che rapinano lo Yemen e compiono crimini contro l” umanità sarebbe giusto !
    Anche processare e condannare il dittatore USA assassino e invasore di Biden assieme a tutti i politici UK-UE che partecipano anche loro a questa guerra di INVASIONE sarebbe giusto è saggio !

  • birratarelli
    Inserito alle 20:41h, 05 Novembre Rispondi

    altra guerra per la libertà e la democrazia in vista……..?
    parteciperanno anche i servi della gleba NATO ?
    dov’è la novità che la propaganda di regime ci vuole fare credere a forza anche stavolta?

    DASVIDANIA TOVARICH
    SLAVA RUSSIA

    • Gigio Boscolo
      Inserito alle 02:27h, 06 Novembre Rispondi

      Stanno già partecipando da anni i servi della NATO a questa guerra di invasione dello Yemen !
      Le stesse nazioni occidentali ” DEMOCRATICHE” CRIMINALI che da Febbraio 2022 parlano di criminale invasione Russa che deve essere fermata ad ogni costo mandando armi e soldi agli Ucraini da alcuni anni PARTECIPANO ALLA CRIMINALE INVASIONE DELLO YEMEN PER DEPREDARLO DI GAS E PETROLIO !

  • Paolo
    Inserito alle 21:30h, 05 Novembre Rispondi

    Qualcuno (Cina Iran, Russia forse no) deve reagire contro Sion!!

Inserisci un Commento