Washington approfitta degli aiuti umanitari per inviare armi ai terroristi nel campo profughi di Rukban

L’organismo di coordinamento russo-siriano ha accusato gli Stati Uniti di inviare armi a gruppi terroristici in Siria sotto copertura di aiuti umanitari e medici diretti a un campo di sfollati siriani per combattere il nuovo coronavirus.

“Gli Stati Uniti stanno cercando di sfruttare la diffusione del nuovo coronavirus e stanno spingendo le Nazioni Unite a contrabbandare merci e attrezzature a gruppi armati sotto la copertura di aiuti umanitari inviati al campo profughi di Rukban”, ha riferito l’agenzia in un rapporto. .

Il campo di Rukban, dove ci sono circa 30.000 sfollati siriani, si trova nella Siria orientale, vicino al confine con la Giordania, non lontano dalla base illegale statunitense di Al Tanf.

Nel luglio 2019, anche il Washington Post ha accusato gli Stati Uniti di aver lasciato morire di fame i rifugiati siriani nell’impedire a questi di lasciare il campo e ricevere gli aiuti del governo siriano.

La cosiddetta leadership del campo ha recentemente lanciato un’intensa campagna per attirare l’attenzione dell’opinione pubblica internazionale sulle condizioni di vita critiche di questi sfollati, chiedendo aiuti internazionali imminenti per prevenire un disastro umanitario, secondo il rapporto. Tutti i problemi nel campo profughi “sono una conseguenza dell’occupazione illegittima di questa parte della Siria da parte degli Stati Uniti”, sottolinea l’agenzia.

“La Russia e la Siria hanno adottato tutte le misure necessarie per evacuare i rifugiati”, da questo campo ma gli USA hanno lo hanno impedito, ha ricordato il rapporto.

L’anno scorso, il centro di coordinamento siriano-russo ha chiesto a Washington di ritirare le sue forze dalla Siria.

“Gli Stati Uniti impediscono ai rifugiati di lasciare il campo di Rukban, che è sotto il controllo degli Stati Uniti, e li inganna nel far credere di non poterlo fare”, ha denunciato.

Base USA di Al-Tanf, vicina a campo profughi

Assicurando che vogliono rimpatriare i rifugiati da questo campo, le autorità siriane hanno ripetutamente accusato gli Stati Uniti di aver preso i rifugiati in ostaggio.


Nota: Le truppe USA sono in Siria (nella zona nord) come forze di occupazione illegali e cercano di trarre profitto dal risorgere del terrorismo in questa parte del paese. Le forze USA hanno occupato la zona delle installazioni petrolifere nel nord della Siria e stanno rubando il petrolio per ricavare profitti illegali dalla vendita del petrolio siriano. Il governo di Damasco ha formalizzato una protesta alle Nazioni Unite su tale situazione.

Fonte: Agenzia Sana

Traduzione e nota: Luciano Lago

Inserisci un Commento

*

code