WAR ZONE. UN’ALTRA STRUTTURA “CIVILE” COLPITA DA MISSILI RUSSI IN UCRAINA. DISTRUTTO L’IMPIANTO MILITARE DI KREDMASH A KREMENCHUG

Il 27 giugno, il regime di Kiev ha rivendicato un altro attacco russo contro un obiettivo civile in Ucraina. Un centro commerciale su una superficie di oltre 10mila metri quadrati sta bruciando nella città di Kremenchug nella regione di Poltava. Il presidente ucraino Zelensky ha affermato che i missili russi hanno colpito l’edificio. Secondo lui, all’interno c’erano più di mille persone.

Tuttavia, il numero delle vittime è estremamente basso. Il capo dell’amministrazione militare regionale di Poltava, Dmitry Lunin, ha riferito sul suo canale Telegram che alle 18:00 ora locale si sapeva di due morti e 20 feriti. Gli stessi dati sono forniti dal Dipartimento regionale del Servizio statale dell’Ucraina per le situazioni di emergenza.

“Il centro commerciale è in fiamme, i soccorritori sono impegnati a spegnere l’incendio, il numero delle vittime è impossibile nemmeno da immaginare”, ha scritto Zelensky.

115 persone sono coinvolte nell’estinzione dell’incendio. Sul posto di emergenza è stato inviato un treno dei vigili del fuoco.

Le segnalazioni sembrano sospette. Secondo i funzionari ucraini, i missili da crociera russi hanno colpito l’affollato centro commerciale, ma finora è stata confermata solo la morte di due persone.

AGGIORNAMENTO: il numero delle vittime sarebbe salito a 13.

Il centro in fiamme si è rivelato essere il negozio Amstor situato a pochi metri dall’officina dell’impianto di macchine stradali di Kremenchug Kredmash. Dal 2014 l’impianto è stato utilizzato per la riparazione dell’equipaggiamento militare delle Forze armate ucraine durante l’operazione antiterrorismo contro la popolazione delle Repubbliche popolari di Donetsk e Luhansk.

L’impianto di macchine stradali di Kredmash è stato probabilmente colpito da diversi missili e l’onda d’urto ha incendiato il vicino centro commerciale.

https://southfront.org/another-civilian-facility-hit-by-russian-missiles-in-ukraine-kredmash-military-plant-in-kremenchug-destroyed/

Le strutture dello stabilimento dietro il negozio non sono nemmeno segnate su Google Maps, il che conferma che probabilmente soddisfano le esigenze militari.

I filmati dell’area confermano che l’attacco ha preso di mira le strutture militari. Molti militari in completo equipaggiamento militare stanno camminando vicino al centro commerciale.

Il numero di persone che si radunano nelle vicinanze e alcune auto nel parcheggio che si vedono nei video sollevano anche il sospetto che le autorità ucraine abbiano segnalato il numero reale di “civili” nel negozio.

Impianto militare

Uno dei principali propagandisti dell’Ucraina, Anton Gerashchenko, è tradizionalmente venuto sulla scena degli eventi per girare video provocatori e condividerli sui suoi social network. Tuttavia, il suo video ha solo suscitato ancora più sospetto sulle dichiarazioni di Kiev.

Gerashchenko ha mostrato il negozio distrutto dall’interno. Un gran numero di bottiglie può essere visto sui rifugi. Se l’incendio fosse stato il risultato di un attacco missilistico, sarebbero sicuramente scoppiati. Pertanto, il video conferma il fatto che non c’è stato attacco mirato e l’edificio ha preso fuoco per un altro motivo. Probabilmente è stato bruciato dopo l’esplosione di strutture militari nelle vicinanze.

La campagna di propaganda di Kiev segue gli stessi scenari che coprono gli sviluppi militari e gli attacchi in Ucraina. Il 26 giugno, un edificio civile sarebbe stata colpita da missili russi. Tuttavia, si è scoperto che l’obiettivo dell’attacco era l’impianto militare Artyom situato nelle vicinanze e che la casa era stata probabilmente colpita dai sistemi di difesa aerea ucraini nel tentativo di intercettare i missili russi.
I fatti sono facilmente verificabili e la verità si rivela immediatamente. Tuttavia, le bugie riportate dai media di Kiev sono attivamente diffuse dal MSM, così come da alti funzionari dei paesi occidentali alleati del regime di Kiev.

FALSO: la nave da guerra russa fatta saltare in aria vicino a Odessa si è rivelata essere una fregata statunitense
Perdite catastrofiche per l’esercito di Kiev
Da febbraio sono morti 50.000 soldati ucraini – Primo viceministro dell’informazione della DPR

Fonte: South Front

Traduzione: L. Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM