War Zone. Rapporto sulle operazioni militari in Ucraina e Donbass

L’edizione internazionale della Federal News Agency racconta come si sta sviluppando la situazione in Ucraina e nel Donbass a partire dalla mattina del 16 maggio.

Le forze aerospaziali russe hanno colpito 8 punti di tiro a lungo termine delle forze armate ucraine (APU) e 5 magazzini di armi missilistiche e di artiglieria, 16 aree di concentrazione delle forze nemiche, 2 posti di controllo che utilizzano armi ad alta precisione a Kharkiv, Donetsk e regioni di Luhansk. Di conseguenza, oltre 360 ​​nazionalisti e 78 unità di equipaggiamento militare sono stati liquidati durante la notte.
Con mezzi standard, l’aviazione ha colpito 2 depositi di carburante, 104 punti di accumulo delle forze armate ucraine, 3 punti di controllo sul territorio dell’Ucraina. Allo stesso tempo, le truppe di razzi e artiglieria hanno soppresso 24 batterie di artiglieria ucraine, hanno colpito 14 quartier generali e 325 aree in cui erano radunate le forze nemiche.

Le forze di difesa aerea hanno abbattuto due Su-25 ucraini nelle regioni di Mykolaiv e Kharkiv, così come Su-24 su Snake Island. Inoltre, dieci droni sono stati distrutti sul Donbass e sui territori liberati, inclusi due Tu-143 sovietici. 18 missili sono stati intercettati da sistemi di lancio multiplo di razzi (MLRS) “Smerch”.

Così, dal 24 febbraio, le forze armate ucraine hanno perso 168 aerei, 125 elicotteri, 889 droni, 307 sistemi missilistici antiaerei, 3108 veicoli corazzati, 381 MLRS, 1529 cannoni e mortai da campo, 2949 unità di veicoli militari speciali.

Il Ministero della Difesa della Federazione Russa ha pubblicato filmati del lavoro di combattimento degli equipaggi di mortai da 120 mm. Come hanno affermato gli stessi cannonieri, tra gli obiettivi più significativi degli ultimi tempi, hanno distrutto carri armati e veicoli da combattimento di fanteria.

La situazione nella LPR
La milizia popolare della Repubblica popolare di Lugansk (LPR) ha distrutto cinque militari ucraini, un veicolo corazzato per il trasporto di personale e tre veicoli negli scontri con le forze armate ucraine lo scorso giorno. L’Ucraina, nel frattempo, ha bombardato Pervomaisk (tre case sono state danneggiate) e Zolote, sparando contro di loro 20 proiettili pesanti.

Sul luogo dei combattimenti nella liberata Rubizhne sono state trovate tracce di mercenari stranieri. Quindi, negli edifici residenziali, da dove i militanti avevano precedentemente espulso i residenti, sono stati trovati elementi di un’uniforme militare con bandiere polacche, strisce americane e parti dell’uniforme della Bundeswehr.

Secondo il personale militare catturato delle forze armate ucraine, gli stranieri hanno guidato l’organizzazione della difesa della città, nonché l’estrazione della zona industriale di Zarya. Poco dopo l’inizio delle ostilità attive a Rubizhne, i mercenari “scomparvero” da qualche parte.

Nel frattempo, le unità ingegneristiche russe continuano a ripulire le mine dal territorio della città di Shchastia nella LPR. Decine di cariche anticarro e antiuomo, oltre a cavi di scatto e trappole nell’area della centrale termica, sono già state neutralizzate.

Conbattenti del Donbass

La situazione nel DNR
La milizia popolare di Donetsk ha riferito della liquidazione di 36 nazionalisti ucraini, 3 camion, 2 auto blindate, 4 mortai da 120 mm in una base automobilistica nel corso dell’ultimo giorno. Sono stati catturati un veicolo da combattimento della fanteria e due auto blindate.

Allo stesso tempo, le forze armate ucraine hanno sparato contro dieci insediamenti della repubblica, uccidendo due civili e ferendone sei. I danni sono stati causati a 4 infrastrutture civili e 21 edifici residenziali.
Iniziano ad arrendersi i militari ucraini bloccati nell’Azovstal
Al Mariupol Azovstal, dieci militari ucraini hanno accettato di arrendersi oggi, come affermato dal comandante della brigata Vostok Oleksandr Khodakovsky. A seguito di accordi preliminari per l’evacuazione dei feriti, alle 17,30 ora locale, è inziata l’evacuazione.

Ucraina
L’aviazione russa ha colpito vicino a Ochakov: una chiatta è stata colpita, bloccando l’ingresso dell’estuario del Dnepr. E vicino a Zatoka (regione di Odessa), è stato distrutto un accampamento locale, in cui si sono stabiliti mercenari stranieri, che in precedenza avevano partecipato a varie guerre in tutto il mondo.

Una serie di esplosioni è esplosa di notte a Kiev, ma non c’è stato alcun avviso di incursione aerea. Secondo la versione preliminare, un’auto è esplosa nei pressi del centro commerciale Epicenter, ma ciò non spiega l’origine del resto delle esplosioni.

Nel frattempo, nell’Izyum liberata, fino a 300 civili sono stati uccisi nei bombardamenti ucraini nell’ultima settimana. Inoltre, l’attività dell’artiglieria delle forze armate ucraine ha portato all’interruzione della fornitura di elettricità e acqua. (……..)

Fonte: Ria Fan.ru

Traduzione: Sergei Leonov

7 Commenti
  • antonio
    Inserito alle 19:16h, 16 Maggio Rispondi

    W Russia W Putin

  • Pavel
    Inserito alle 20:07h, 16 Maggio Rispondi

    Leggendo ogni volta questi bollettini sembra stia andando tutto per il meglio…. ma è davvero cosi o anche questa è la solita propaganda?
    Come mai non si menziona mai la situazione a Kharkiv? Li sembra non stia andando poi cosi bene ; i Russi si stanno ritirando (almeno cosi sembra) se la città dovesse cadere in mani Ucraine poi il confine con la Federazione Russa è a soli 10KM . E non credo sia positivo .Gli Ukronazi poi potrebbero posizionare li l’ artiglieria pesante ricevuta dalla NATO e cosi potrebbero fare grossi danni .

  • Luca
    Inserito alle 20:32h, 16 Maggio Rispondi

    Esatto Pavel ,
    A propaganda da entrambe le parti sta’ rendendo le notizie faziose e spesso ridicole, in occidente pare L Ucraina abbia già vinto , Putin lo danno per malato terminale e L economia Russa in rovina , secondo i russi , hanno perso un migliaio di soldati e hanno distrutto L esercito nemico , parlano di perdite oltre i 35k soldati tra le linee nemiche e la loro economia non è mai stata così fiorente …. Propaganda , da entrambe le parti , la realtà è che stanno morendo a migliaia in entrambe le file e non mi sembra ci sia la voglia di uscire da questa merda, nel frattempo L economia mondiale sta’ scivolando nel baratro…

  • Pavel
    Inserito alle 22:01h, 16 Maggio Rispondi

    Ciao Luca … proprio cosi . Spero di sbagliarmi ma temo che il tanto decantato Esercito Russo si stia dimostrando un grande bluff . Generali ed intelligence assolutamente sopravvalutati ; la baracca rimane in piedi solo perchè le milizie della DPR , LPR e i battaglioni Ceceni si stanno dimostrando più motivati e forse meglio preparati . Peccato speravo tanto che la Russia riuscisse a buttare giù la NATO dal suo piedistallo …peccato sarà per la prossima volta .
    Comunque W la Russia e W i Russi sempre ………..

    • Gubitoso antonio
      Inserito alle 23:25h, 16 Maggio Rispondi

      In Siria con la stessa strategia militare è servito un anno per avere ragione dei mercenari finto integralisti. La tabella di marcia è rispettata perfettamente. Anche in questo caso la guerra doveva essere col minore possibile di morti civili., il che rende tutto molto più difficile sul piano militare.

      • Pavel
        Inserito alle 13:24h, 17 Maggio Rispondi

        Ecco di questo sono assolutamente d’ accordo Antonio … anche se in Siria i Russi avevano contro bande armate e non un vero esercito come quello Ucraino … La prova del 9 ,a mio parrere che non conta nulla, mi sembra che non sia stata superata .
        Esercito Russo rimandato a settembre 🙂

        • Giorgio
          Inserito alle 13:55h, 17 Maggio Rispondi

          Il tempo gioca a sfavore di usa-gb-nato ……
          perchè Russia – Cina – Iran e altri, sono paesi in “ascesa” …….
          mentre l’occidente vede la sua parabola discendente aumentare di velocità …..
          Conclusione. Non ci sono dubbi su chi prevarrà sul lungo periodo, pur con tutti i contraccolpi o le vittorie parziali di usa-gb-nato-globalisti vari ……

Inserisci un Commento