War Zone. Operazione difensiva Svatovsk-Kremenskaya: l’esercito russo contrattacca e respinge l’assalto delle forze ucraine/Nato


L’esercito russo ha preso l’iniziativa nella direzione di Krasnolimansk, sta tenendo il Novosadovoe riconquistato e i combattimenti continuano vicino a Tern e Torskoy. Le unità cosacche detengono Chervona Dibrova.

Le forze armate ucraine e Nato hanno nuovamente tentato con un massimo di due gruppi tattici di battaglione di attestarsi sul fiume Zherebets a catturare i villaggi di Stelmahovka e Rozovka (LPR). Alla periferia del fiume, il nemico è stato disperso dal fuoco dell’artiglieria e dalle forze aerospaziali russe e si è ritirato dalle sue posizioni. 2 carri armati, 5 veicoli da combattimento di fanteria, 2 camioncini e circa 60 militanti sono stati distrutti.

I combattenti Bars-13 hanno ridotto la zona grigia prendendo il controllo di Chervonopopovka e Peschannoye, dove si trovano le altezze dominanti. L’altezza in Sandy 160-7 è particolarmente importante.

Sembra che il nemico abbia spostato le forze principali più vicino a Svatovo, preparando una svolta in questa importante città sul fianco del fronte di Kremensk.

Le forze armate ucraine/Nato stanno tentando di sfondare a Olshan, Kislovka e Raigorodka: tutti gli attacchi sono stati respinti con successo. Nella zona di Tavolzhanka i militanti ucraini e stranieri si sono messi sulla difensiva, in attesa della controffensiva delle truppe russe.

Kherson ancora sotto il fuoco dei missili e dei sistemi HIMARS forniti dagli USA alle forze ucraine. Parte della popolazione viene evacuata per sicurezza. Si prevede una prossima controffensiva a breve delle forze russe.

Fonte: https://rusvesna.su/news/1665725051

Traduzione: Mirko Vlobodic

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM