War Zone. L’esercito siriano entra nel sobborgo di East Ghouta per la prima volta da anni

BEIRUT, LIBANO (1:30 AM) – Per la prima volta da anni, l’Esercito Arabo Siriano (SAA) è entrato nel sobborgo Al-Hamouriyah del Ghouta orientale dopo diversi giorni di combattimenti contro i ribelli islamici nell’area.

Guidati dalle loro forze d’elite (Tiger Forces), l’esercito arabo siriano è stato in grado di sopraffare i miliziani jihadisti sull’asse orientale di Al-Hamouriyah, aprendo la strada alle unità governative per entrare nella città.

Secondo una fonte militare di Damasco, l’Esercito siriano si aspetta che Al-Hamouriyah cada nelle prossime 48 ore, poiché le forze governative sono già riuscite a ottenere il vantaggio in questa città situata nell’area del Ghouta orientale.

Negli ultimi giorni, Al-Hamouriya è stata teatro di numerose dimostrazioni filogovernative, con molti residenti che sono scesi in piazza per chiedere ai gruppi miliziani di lasciare il loro sobborgo.

I gruppi miliziani jihadisti (appoggiati dall’Occidente) hanno rifiutato di lasciare Al-Hamouriyah, cosa che ha portato al grande assalto di stanotte.

esercito siriano

Nel frattempo le forze siriane e l’aviazione procedono, con intensi bombardamenti contro le posizioni del Fronte Al-Nusra (adesso denominato Fronte Fath Al-Sham), a spianare il terreno per liberazione delle altre zone del Goutha Orientale dove ancora si trovano arroccati i gruppi terroristi che in questi anni tenevano in ostaggio la popolazione con il plauso dei media e dei governi occidentali.

Fonte: Al Masdar News   

Hispan Tv

Traduzione e sintesi:  L.Lago

7 Commenti

  • francesco
    15 Marzo 2018

    Mi domando quale sua l’ideale o la speranza che guida gli insorti, perché certamente non si va incontro alla morte per soldi.

    • televisione falsa
      15 Marzo 2018

      com’è no , ci sono milioni di soldati e mercenari del mondo che ammazzano gente innocente e si fanno ammazzare per soldi

    • atlas
      15 Marzo 2018

      Francesco: sono stato testimone di persona, sia in quasi tutta Europa comprese Torino, Milano, Roma … sia in Tunisia, di come certi wahhabiti salafiti avvicinino la peggiore gente della società, come drogati e alcolisti, ma anche molto i poveri e chi sta in carcere, alla loro dottrina per prepararli a partire lì dove serve al servizio di giudei e nato

      salutiamo

      • atlas
        15 Marzo 2018

        naturalmente l’Arabia Saudita e il Qatar pagano…sono milioni e milioni di € e dollari che sono a disposizione

  • Eugenio Orso
    15 Marzo 2018

    Devono fare in fretta …
    Gli Usa e i loro complici non permetteranno senza colpire ancora piratescamente la piena vittoria siriana sui loro cari mercenari della jihad.

    Cari saluti

  • leopardo
    15 Marzo 2018

    Onore alle valorose Tiger Forces. Nessuna
    pietà verso i terroristi che si fanno scudo
    della popolazione. Si utilizzino gli stessi
    loro metodi brutali: taglio della loro testa
    di cazzo da spedire poi per raccomandata
    ai loro mandanti, compresa quella povera
    stronza di miss May che s’ indigna per
    fantomatici ” probabili” assassinii in Gran
    Bretagna, da parte di Mosca. Soltanto in
    Italia possiamo contare su decine di
    personaggi fatti fuori dai servizi inglesi,
    come Cavour, Mattei, Moro etc. per citarne
    solo qualcuno.

    • atlas
      15 Marzo 2018

      di Cavour non sono stato contento. Contentissimo.
      Salutiamo

Inserisci un Commento

*

code