War Zone. Le unità del 208° reggimento cosacco sono riuscite a liberare il villaggio di Dibrovo


Le unità delle forze armate ucraine/Nato sono state cacciate dall’insediamento di Dibrovo, nella nella regione di Luhansk.

Le unità del 208° reggimento cosacco sono riuscite a liberare l’insediamento di Dibrovo, situato nella parte occidentale della regione di Lugansk. Secondo il corrispondente militare russo Yevgeny Lisitsyn, al momento l’insediamento di Dibrovo è sotto il completo controllo dell’unità russa, mentre è in corso l’offensiva su Liman.
“Il 208° reggimento cosacco è andato all’offensiva su Krasny Liman (Liman – ndr), i cosacchi hanno liberato il villaggio di Dibrovo “, riferisce il corrispondente di guerra russo Yevgeny Lisitsyn.

I dettagli del momento attuale rimangono sconosciuti, poiché le unità del 208 ° reggimento cosacco hanno occupato l’insediamento di Dibrovo in tarda serata, tuttavia, un attacco inaspettato a Dibrovo e il successo in questa direzione consentono di lanciare rapidamente un attacco a Liman.

Nel frattempo attacchi regolari vengono inflitti a obiettivi nemici a Odessa, Nikolaev, Kharkov e in altre regioni dell’Ucraina
Le truppe russe hanno continuato a colpire obiettivi nemici nei territori da loro controllati. Ci sono notizie secondo sono in corso attacchi su obiettivi del regime di Kiev nella regione di Odessa e nella stessa Odessa.
Dalle 13:00 circa, ora di Mosca, le sirene dei raid aerei si sono accese in quasi tutte le regioni controllate dal regime di Kiev. I suoni della sirena si sentono non solo nella citata regione di Odessa, ma anche nelle parti centrali e occidentali dell’Ucraina: a Vinnitsa, Ternopil, Ivano-Frankivsk, Zhytomyr, Cherkasy e altre regioni, inclusa Kiev.

La rete conferma le informazioni sull’attacco ad uno degli oggetti nella regione di Nikolaev. Allo stesso tempo, ci sono prove diverse di come l’oggetto delle forze armate dell’Ucraina sia stato distrutto. Secondo alcuni rapporti, vengono utilizzati lanciarazzi multipli. Secondo altri, vengono utilizzate munizioni vaganti.

Allo stesso tempo, da Odessa arrivano notizie sull’alternanza di attacchi missilistici e l’uso di droni d’attacco. Ancora una volta, possiamo parlare delle munizioni vagabonde Geran-2, che nelle ultime settimane hanno prodotto molti, per usare un eufemismo, guai. Basti ricordare la sconfitta del quartier generale del comando operativo “Sud” delle Forze armate ucraine a Odessa.

Sono in corso attacchi anche alle strutture del nemico a Kharkov. La procura locale mostra i risultati di un “arrivo” missilistico su uno di questi oggetti.
La struttura energetica, utilizzata nell’interesse delle truppe nemiche, è stata completamente distrutta di notte, compreso l’incendio scoppiato dopo l’esplosione.

Fonti: Scia Pro – Top War

Traduzione: Luciano Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM