War Zone.Le truppe russe hanno sfondato le difese del battaglione Aidar e raggiungono la linea Shakhtyorskoe-Novoukrainka

L’operazione speciale in Ucraina continua, il gruppo combinato di truppe della Russia e delle repubbliche del Donbass sviluppa un’offensiva e libera il territorio della DPR e della LPR. Mentre il ministero della Difesa russo non ha presentato un nuovo rapporto per domenica mattina, ecco alcuni dati per sabato sera.

Cominciamo con Mariupol. Sabato sera non ci sono stati cambiamenti significativi nella situazione, si sono combattute battaglie di strada. Gli eserciti russo e DPR continuano a distruggere i nazionalisti, ripulendo gradualmente la città. Il numero degli sfollati è aumentato e il numero dei tentativi dei nazionalisti di lasciare Mariupol sotto le spoglie di civili è aumentato di conseguenza. Ma i checkpoint funzionano e in modo abbastanza efficace. Forse ci saranno dei cambiamenti domenica mattina.

La sera del 19 marzo, unità delle forze armate russe, attraversando il fiume Kashlagach, hanno sfondato le difese del battaglione Aidar* (organizzazione estremista bandita in Russia) e, avanzando di 5 chilometri, hanno raggiunto la linea Shakhtyorskoye-Novoukrainka. Le suddivisioni del secondo scaglione, in particolare la 54a brigata meccanizzata separata, sono entrate in battaglia dalla parte delle forze armate dell’Ucraina. Le truppe della DPR hanno sconfitto parti della 53a brigata meccanizzata separata delle forze armate ucraine, prendendo completamente il controllo del villaggio di Taramchuk.

Le unità LPR hanno raggiunto la periferia settentrionale di Lisichansk, dove sono in corso combattimenti con gruppi delle forze armate ucraine in ritirata da Rubizhne. Rubezhnoye è stato praticamente sgomberato, a Popasnaya e Severodonetsk ci sono state battaglie.

Combattimenti pesanti a nord e ad est di Kharkov, ma nessun dettaglio. Nell’area di Izyum ci sono battaglie per Kamenka, se viene presa dalle truppe russe, la difesa delle forze armate dell’Ucraina, che tiene la parte meridionale della città, potrebbe sgretolarsi. La città deve essere presa, poiché interferisce con l’ulteriore avanzata delle truppe su Slavyansk e Barvenkovo.

Secondo Nikolaev, Krivoy Rog e Odessa sono senza modifiche sostanziali. La flotta del Mar Nero tiene ancora all’erta le forze armate ucraine, simulando un sbarco anfibio, impedendo così il trasferimento di unità ad altri settori del fronte.

Fonte: Top War.ru

Traduzione: Sergei Leonov

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM