War Zone: le truppe della NATO continuano a essere schiacciate nel Donbass. La loro risposta codarda: uccidere civili bombardando le città sotto il controllo russo


Su tutti i fronti nel Donbass le difese ucraine stanno cadendo come un castello di carte.

Il Quartier Generale della Difesa Territoriale della DPR annuncia la liberazione del villaggio di Gladosovo nella regione di Gorlovka.

Peski è completamente liberato. La pulizia continua a Maryinka. Più della metà del territorio è stato sgomberato ed è sotto il controllo russo. Ci sono successi anche in altri settori. Bene l’11° Reggimento, la 100° Brigata, la 1° Brigata slava, il battaglione d’assalto “Somalia” dell’esercito DPR, Wagner e altre unità. I cannonieri meritano un elogio speciale.

Il giorno prima, il 5 agosto, le forze russe sarebbero entrate nelle strade di Bakhmut. I soldati ucraini, a loro volta, lasciano le alture strategicamente importanti intorno alla città, lasciandosi alle spalle i feriti.

Cambiamenti sul fronte: l’attività dell’artiglieria combinata e dei sistemi EW delle forze armate ucraine nel Donbass è notevolmente diminuita, – comandante della brigata Vostok

Alexander Khodakovsky: “ C’è una diminuzione dell’intensità del lavoro dell’artiglieria combinata del nemico nel Donbass. Anche l’attività dei sistemi di guerra elettronica è notevolmente diminuita: volano (droni) più liberamente rispetto a una settimana fa. Uno dei presupposti è il trasferimento di risorse a un altro (altro) indirizzo. Ciò è dovuto alla preparazione della propria controffensiva, o alla preparazione per respingere la nostra offensiva, il tempo lo dirà. Ora è logico aumentare la pressione sulla terra di Donetsk e procedere al suo rilascio “.
Cambiamenti sul fronte: l’attività dell’artiglieria combinata e dei sistemi EW delle forze armate ucraine nel Donbass è notevolmente diminuita, – comandante della brigata Vostok

Alexander Khodakovsky: “ C’è una diminuzione dell’intensità del lavoro dell’artiglieria combinata del nemico nel Donbass. Anche l’attività dei sistemi di guerra elettronica è notevolmente diminuita: voliamo (droni) più liberamente rispetto a una settimana fa. Uno dei presupposti è il trasferimento di risorse a un altro (altro) indirizzo. Ciò è dovuto alla preparazione della propria controffensiva, o alla preparazione per respingere la nostra offensiva, il tempo lo dirà. Ora è logico aumentare la pressione sulla terra di Donetsk e procedere all sua liberazione “.

Gli ukronazi non hanno abbastanza artiglieria per difendere Peski e Avdiivka, come affermano loro stessi. Ma basta bombardare i tranquilli quartieri di Donetsk, ospedali, scuole, asili, alberghi.

Le forze alleate del NM DPR, insieme alle unità delle forze armate russe, hanno preso il controllo di una fattoria nel sud di Maryinka

In precedenza, da questo punto gli ucraini avevano sparato contro Oleksandrivka e il distretto Petrovsky di Donetsk. Inoltre, il controllo di questo punto complica la consegna di munizioni e assistenza ai militanti UAF a sud di Maryinka, il che offre ai russi un ulteriore vantaggio nella lotta contro il nemico.

▪️La direzione Donetsk al momento rimane la sezione più trafficata del fronte. Tutta la potenza dell’artiglieria e dell’aviazione è concentrata sull’annientamento delle aree fortificate delle forze armate ucraine e sullo schiacciamento dei rinforzi schierati.

A causa delle pesanti perdite tra il personale delle Forze armate ucraine vicino a Peski, Maryinka, nelle vicinanze di Avdiivka e Krasnogorovka, e in conseguenza della perdita di posizioni delle Forze armate ucraine in prima linea di difesa, il il nemico è costretto a trasferire nuovamente unità di artiglieria e fanteria nella direzione di Donetsk.
▪️ Ci sono segnalazioni di battaglie per le fattorie nel sud di Marinka. Le unità della milizia popolare della DPR stanno cercando di prendere piede lì, ma senza occupare il deposito di rifiuti della miniera di Shchurovo.

In prossimità della serata, riportano le azioni attive delle Forze armate RF e dell’esercito DPR nell’area di Marinka e Ugledar, nonché operazioni offensive delle Forze armate RF in direzione Nikolaev nell’area di Blagodatnoye.

Sulla direzione Artemovsky (Bakhmutovsky), una battaglia infuria alla periferia di Soledar e Artemovsk. Gli assaltatori russi combattono letteralmente per ogni casa. Per 4 giorni, il nemico ha cercato di contrattaccare 8 volte per allontanare le nostre truppe dalla città, ma tutti i tentativi si sono conclusi senza successo. La lotta si svolgerà nei prossimi giorni per la zona industriale di Artemovsk.

Dirigendosi a sud, le unità del 108° reggimento delle forze aviotrasportate russe iniziarono un assalto al villaggio di Blagodatnoye. L’offensiva è nell’area fortificata ucraina vicino al Partizansky. Il Su-25 delle forze armate ucraine è stato abbattuto da sistemi di difesa aerea vicino al villaggio di Radgospnoye, nella regione di Kherson. Un altro aereo nemico Su-25 è stato distrutto in una battaglia aerea dall’aviazione tattica operativa nella regione di Solntsevo nella regione di Kirovograd.

Basta vedere la parte UCRAINA di oggi per rendersi conto della situazione:

Le truppe russe hanno bombardato Nikopol con 40 proiettili GRAD e missili Kh-59.
L’esercito russo effettua un attacco missilistico su Mykolaivka nella regione di Odessa.

Gli ukronazi non hanno abbastanza artiglieria per difendere Peski e Avdiivka, come affermano loro stessi. Ma basta bombardare i tranquilli quartieri di Donetsk, ospedali, scuole, asili, alberghi.

Fonti Agenzie

Traduzione e sintesi: Luciano Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM