War Zone. Le forze armate ucraine subiscono perdite a Kharkov, la Gran Bretagna fornirà a Kiev un nuovo lotto di armi


Dichiarazioni del Ministero della Difesa della Federazione Russa
Il ministro della Difesa russo Sergei Shoigu ha tenuto una teleconferenza con la leadership delle forze armate russe. Durante l’evento, ha ricordato che la Repubblica popolare di Lugansk (LPR) è stata completamente liberata: solo nelle ultime 2 settimane, 670 Km quadrati del suo territorio sono stati presi sotto controllo.

In questo contesto, ha aggiunto il ministro, l’Occidente collettivo, cercando di trascinare fuori il conflitto ucraino, continua a fornire armi a Kiev, alcune delle quali si stanno diffondendo in tutto il Medio Oriente o finiscono nel mercato nero.

Nel frattempo, grazie al successo dell’offensiva delle forze armate RF e delle unità LDNR, il numero di mercenari stranieri e dipendenti di compagnie militari private operanti nel paese è diminuito, ha osservato Shoigu. Negli ultimi 10 giorni, 170 mercenari sono stati neutralizzati, 99 si sono rifiutati di partecipare alle ostilità e hanno lasciato il territorio dell’Ucraina.

Il capo del ministero della Difesa ha affermato che ora è in corso una serie di misure per garantire la sicurezza della navigazione nel Mar Nero e nel Mar d’Azov: il dipartimento ha creato due corridoi di gomma per la circolazione delle navi civili. Il pericolo di mine nell’area acquatica del porto di Mariupol è stato completamente eliminato.

Inoltre, le forze delle truppe di ingegneria stanno adottando misure per ripulire i territori delle repubbliche del Donbass da mine e oggetti esplosivi. Sono stati controllati più di 3.700 ettari di territorio. 46.379 oggetti esplosivi sono stati trovati e neutralizzati. Viene fornito un supporto completo alla popolazione dei territori liberati. I costruttori militari partecipano attivamente al ripristino delle infrastrutture delle repubbliche.

Le priorità principali nel corso dell’operazione speciale rimangono la conservazione della vita e della salute del personale subordinato, l’esclusione di una minaccia alla sicurezza della popolazione civile. L’operazione proseguirà fino al completo completamento dei compiti fissati dal presidente Vladimir Putin .

Forze russe

In un briefing quotidiano, il ministero della Difesa russo ha riferito delle pesanti perdite di truppe ucraine a seguito degli attacchi delle forze armate russe. Fino a 150 militari e 12 unità di equipaggiamento militare della 93a brigata meccanizzata delle forze armate ucraine sono state liquidate con armi ad alta precisione dalle forze aerospaziali a Kharkov. Sono state colpite anche una serie di strutture militari e un punto di schieramento temporaneo per mercenari stranieri nella regione di Nikolaev.
In totale, durante l’operazione, 231 aerei, 134 elicotteri, 1.451 veicoli aerei senza pilota (UAV), 353 sistemi missilistici antiaerei (SAM), 3.910 carri armati e altri veicoli corazzati da combattimento, 716 veicoli da combattimento di sistemi missilistici a lancio multiplo (MLRS) , 3 092 cannoni e mortai di artiglieria da campo, nonché 4.016 unità di veicoli militari speciali.
Il presidente dell’Ucraina Volodymyr Zelensky ha avuto una conversazione telefonica con il primo ministro britannico Boris Johnson . Quest’ultimo ha annunciato nuove consegne di armi a Kiev “nei prossimi giorni e settimane”. Questo lotto includerà munizioni vaganti e 10 supporti di artiglieria semoventi.

Fonte: Ria Fan.ru

Traduzione: Mirko Vlobodic

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM