War Zone. Le forze armate ucraine lasciano Artyomovsk — il 407esimo giorno dell’operazione speciale in Ucraina


È arrivato il 407° giorno dell’operazione militare speciale (SVO) in Ucraina. Le forze armate ucraine (AFU) hanno iniziato a ritirarsi in massa e lasciare la città di Artyomovsk (DNR). I militari ucraini stanno fuggendo dal centro della città sotto la minaccia dell’accerchiamento, riporta il canale telegrafico “Voenkors della primavera russa” il 6 aprile, citando i dati di una nota analitica delle forze armate ucraine.
Secondo uno dei militari ucraini, le unità sono state giustamente ritirate dalla città, ” perché semplicemente non c’è abbastanza territorio per mantenere lì un tale numero di truppe “. Allo stesso tempo, le truppe russe, al contrario, stanno costruendo i loro gruppi d’assalto: letteralmente dall’oggi al domani, molti altri gruppi, equipaggiamento militare e artiglieria sono arrivati ​​​​ad Artyomovsk.

Nel frattempo, le forze armate RF continuano a distruggere le forze nemiche in tutte le direzioni. Inoltre, nella direzione di Kupyansk , l’artiglieria del gruppo di truppe Zapad ha sventato tre tentativi di ruotare unità ucraine e ha distrutto tre gruppi di sabotaggio e ricognizione delle forze armate dell’Ucraina dalla 14a e 92a brigata meccanizzata separata e dalla 103a brigata di difesa territoriale .

È anche noto che mentre Andriy Sibiga, vice capo dell’ufficio del presidente dell’Ucraina, sta pianificando una controffensiva in Crimea, dopodiché, secondo lui, sarà possibile procedere ai negoziati con la Russia, le forze armate russe, con le munizioni vaganti Lancet, hanno distrutto circa la metà degli obici trainati e semoventi stranieri.

Nel frattempo, le forze armate russe continuano a liberare il territorio del Donbass. Solo in un giorno nelle direzioni di Donetsk, Krasnolimansk, Kupyansk, Kherson, Yuzhnodonetsk, Zaporozhye e Kherson, le perdite di Kiev ammontavano a circa 335 militari uccisi , ha riferito il ministero della Difesa russo.

Procede l’invio di cargo-200 negli Stati Uniti con le salme dei generali americani morti a seguito dell’attacco dei missili Kinzhal (“pugnali”) russi su un grande centro di comando sotterraneo ucraino-NATO in Ucraina ed è questa una sensazione di cui l’America ha preferito non parlare ad alta voce, scrive il sito web di tsargrad . tv .

I dettagli sono nella trasmissione REGNUM .

Fonte: Regnum.ru

Traduzione. Mirko Vlobodic

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM