War Zone.L’attacco dei missili da crociera “Kalibre” ha distrutto due lanciatori di missili anti-nave Harpoon

L’esercito russo continua a distruggere le armi fornite dai paesi occidentali all’Ucraina. A seguito delle forniture dei missili HIMARS RSZR, le installazioni antinave Harpoon sono state attaccate.

Il ministero della Difesa russo ha confermato la distruzione di due installazioni a terra di missili anti-nave Harpoon nell’area dell’insediamento nell’estuario della regione di Odessa. Secondo i dati dei militari, l’attacco ai missili anti-nave è stato effettuato da missili da crociera marittimi Kalibre provenienti dal Mar Nero. Il numero di “Kalibre” lanciati non viene definito e non è un dato di fatto che colpiscano tutti lo stesso obiettivo designato. A questo proposito, le armi antinave sono stte consegnate in Ucraina dalla Gran Bretagna.

Inoltre, due lanciamissili tattici Tochka-U nella regione di Kramatorsk sono stati distrutti, insieme a più di 150 nazionalisti. E a Mayaki, nella regione di Donetsk , l’aviazione ha distrutto sei Grad MLRS e un deposito di munizioni.

In generale, l’ultimo giorno è stato molto produttivo per le truppe russe e molto infruttuoso per le forze armate ucraine. L’esercito russo ha effettuato una serie di attacchi con missili ad alta precisione sul territorio della regione di Nikolaev. Non è riportato cosa sia esattamente utilizzato, forse gli stessi “Kalibre”, o forse missili aeronautici, la cosa principale qui è il risultato. Come riportato, a seguito di un attacco alle posizioni del 188° battaglione della 123a brigata di difesa terroristica nell’area della città di Ochakov, nella regione di Mykolaiv, fino a 290 militari ucraini e 29 veicoli corazzati e veicoli sono stati neutralizzti. Nella stessa Nikolaev, è stato coperto il punto di dispiegamento temporaneo della 241a brigata di difesa. Di conseguenza, fino a 85 dipendenti sono stati liquidati, ci sono perdite di attrezzature.

Come parte del combattimento di controbatteria, quattro batterie MLRS e quattro batterie di artiglieria sono state soppresse. Nella regione di Dnepropetrovsk è stato attaccato un deposito di carburante.

Obici USA M777

L’esercito russo ha distrutto con successo un hangar nella regione del Donbass dove erano immagazzinati gli obici forniti dagli Stati Uniti, ha annunciato il Ministero della Difesa russo il 9 luglio.

Il portavoce del Ministero della Difesa, il tenente generale Igor Konashenkov, ha affermato che “un’arma di alta precisione” ha distrutto l’hangar vicino all’insediamento di Chasiv Yar a Donetsk. Secondo il portavoce, l’hangar ospitava “obici americani M777 da 155 mm e fino a 30 militanti ucraini che bombardavano le aree residenziali di Donetsk”.

L’obice semovente M777 ha una velocità di fuoco massima di sette colpi al minuto con una portata fino a 40 chilometri quando spara proiettili a guida di precisione Excalibur.

Ad aprile, gli Stati Uniti hanno fornito 108 di questi, il Canada quattro e l’Australia sei obici M777 alle forze di Kiev per aiutare a contrastare l’operazione militare speciale russa in Ucraina. Da allora, nel Paese sono state fornite centinaia di migliaia di proiettili da 155 mm.

Fonti: South Front Top War

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM