War Zone… La Russia intensifica gli attacchi ad Azovstal e avanza nell’Ucraina orientale contro le forze ucraine della NATO

Proseguono le manovre su larga scala dei paesi NATO nelle immediate vicinanze dei confini dell’Ucraina. L’invasione dell’Ucraina occidentale da parte dell’alleanza con un pretesto fittizio sta diventando più reale e, cosa più importante, è necessaria per Kiev, poiché libererà risorse e trasferirà unità aggiuntive delle forze armate ucraine sul fronte di Donetsk. . Ieri il presidente polacco Andrzej Duda ha rilasciato una dichiarazione molto chiara al riguardo.

Sui fronti lungo tutta la linea di contatto si svolge oggi una classica battaglia generale. Le forze armate ucraine stanno cercando di contrattaccare vicino a Kharkov in direzione del confine, le forze russe avanzano nella zona di Liman, Yampol, Severodonetsk, dirigendosi verso Popasna, premendo da Zaporozhye e Donetsk.

Sulla parte del fronte di Izyum, le forze armate ucraine hanno tirato fuori riserve, rinforzate con l’artiglieria, hanno colpito con MLRS e missili Tochki-U a grande profondità. Come riportato dal campo, “Izyum stessa e persino il territorio a nord di essa si trovano nell’effettiva zona di fuoco dei cannoni nemici e dell’artiglieria missilistica”. Le forze russe stanno sfondando le difese nemiche a sud. Nei pressi del Liman l’avanzata ha rallentato un po’ a causa degli incendi boschivi.

È interessante nel settore di Lugansk: le truppe russe hanno completato lo sgombero delle aree residenziali di Rubizhne, le ultime unità nemiche si sono fortificate presso la fabbrica di polvere da sparo Zarya. Presa ieri Voevodovka (tra Rubizhny e Severodonetsk). Le unità NM LPR avanzano da sud verso Lisichansk. Ci sono pochi progressi, ci sono combattimenti a Nizhny e Orekhovo. La lotta continua a Popasna, letteralmente per ogni edificio.

Azovstal Fuga civili

Nella direzione di Donetsk, un’offensiva russa di successo nella regione di Gorlovka. Trinity è impegnata, si sta sviluppando un’offensiva verso la ovest.

Oggi a Zaporozhye, le truppe russe che usano l’aviazione e l’artiglieria hanno lanciato un attacco a Gulyaipole e Orekhov. Le forze armate dell’Ucraina subiscono perdite di manodopera e attrezzature. Truppe ucraine hanno attaccato la città di Pologi: ci sono vittime tra i civili.

Dirigendosi a sud di Kherson, sulla riva destra del Dnepr, l’esercito russo sembra dirigersi verso Krivoy Rog. Un grande incendio di origine sconosciuta è apparso vicino a Odessa.

Interessante: un nuovo gruppo di prigionieri. I militari delle forze armate ucraine si lamentano del fatto che il comando li abbia portati in posizioni di combattimento e li abbia lasciati a combattere i carri armati in avanzamento, dando loro soltanto fucili, mitragliatrici e un paio di granate nelle loro mani.

Fonti: RT News –

Traduzione: Luciano Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM