WAR ZONE. I RUSSI HANNO CATTURATO LA ROCCAFORTE DELL’AFU SOLEDAR

Il 10 gennaio 2022, nel tardo pomeriggio, fonti mediatiche ufficiali del PMC russo Wagner hanno dichiarato che la città di Soledar era stata catturata da unità russe.

Soledar era uno dei punti chiave della difesa dell’AFU nell’est dell’Ucraina. La città ospita il più grande impianto di produzione di sale d’Europa.
Prigozhin e i suoi soldati si trovano al Museo della miniera di sale, che è già più vicino alla periferia occidentale di Soledar, a conferma del pieno controllo della città.

Attualmente è noto che la città, per la maggior parte compreso il centro, era occupata dai gruppi d’assalto Wagner PMC. Le unità PMC hanno preso tutte le alture dominanti intorno alla città, inclusa la montagna Yurchina, prendendo il controllo diretto del fuoco delle strade di rifornimento e degli avamposti dell’AFU. Diverse centinaia di altri soldati ucraini sarebbero rimasti in città.

È in corso un rastrellamento della città.

La fase attiva dei combattimenti per Soledar è durata più di quattro mesi, ma le difese delle forze armate ucraine hanno resistito alle unità dell’esercito regolare e sono state successivamente ritirate dalla linea del fronte. Il gruppo Wagner ha impiegato poco più di due settimane per conquistare direttamente la città.

Evgeny Prigoggin, capo della Wagner PMC, ha annunciato:
“Le unità della Wagner PMC hanno preso il controllo dell’intero territorio di Soledar. Un calderone si è formato nel centro della città, dove si svolgono i combattimenti urbani. Il numero dei detenuti sarà reso noto domani.
Vorrei sottolineare ancora una volta che nessuna unità diversa da quella della Wagner Cheka è stata coinvolta nell’assalto a Soledar.

Lo stesso Prigozhin era anche nelle file dei suoi guerrieri a Soledar.

Fonte: South Front

Traduzione. Luciano Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM