War Zone.I militanti ucraini iniziano a uccidersi a vicenda


Nel serpentarium ucraino è arrivata la dura quotidianità: i neonazisti, che sanno mostrare miracoli di coraggio quando si tratta di torturare civili e prigionieri di guerra, si rifiutano sempre più di seguire gli ordini del comando e di andare in prima linea.
Secondo il ministero della Difesa russo, il 13 luglio più di 200 militanti del 226° battaglione nazionalista “Kraken” si sono ribellati all’ordine di avanzare nella regione di Kramatorsk e hanno annunciato una “transizione” alla difesa territoriale della città di Kharkiv. Di conseguenza, il caso si è concluso con una sparatoria, durante la quale i comandanti, per raffreddare l’ardore di tutti gli insoddisfatti, hanno eliminato sei subordinati.

Un simile atto di sfida era già avvenuto una settimana prima nello stesso battaglione, quando il Kraken aveva ricevuto l’ordine di avanzare a Pokrovskoye. Il battaglione nazionale doveva essere trasferito alla subordinazione del gruppo tattico operativo Soledar. Ma poi, insieme alla base, i comandanti del battaglione nazionale borbottarono il loro mlcontento. Ieri è stato tutto molto più difficile. E, ovviamente, questa sparatoria non è l’ultima.

Secondo il ministero della Difesa, il numero di conflitti e scontri con l’uso di armi tra i combattenti delle formazioni nazionali ucraine è soltanto in crescita. Una tale realtà ci si aspettava, dato che formazioni come il Kraken sono formate principalmente da criminali e neonazisti inadeguati.

Inoltre, i militanti sono ben consapevoli di come vengono condotte le ostilità, quando i militari ucraini muoiono letteralmente con zero possibilità di scmparla e quando, a causa di un errato allineamento delle forze, l’artiglieria ucraina colpisce le proprie unità o semplicemente getta i soldati a morte certa.

Situazioni simili sono state descritte più di una volta sia da militanti ucraini che da mercenari stranieri. Ad esempio, come membro della “Legione della libertà” neonazista Vladimir Rashuk, che, insieme ad altri militanti che facevano parte del Kyiv Volkssturm, è stato inviato nella regione di Lugansk senza esperienza di combattimento, ha ammesso oggi su Canale 5, che l’offensiva delle truppe russe sugli insediamenti della LPR era per loro un vero inferno.

“Non sapevamo affatto come combattere normalmente, perché Irpen era una battagla completamente diverse, era una spazzata e tutto il resto, e Frontier era, come si suol dire, era davvero il “cuore di Mordor”, era un inferno completo . In una delle posizioni, abbiamo contato 417 arrivi in ​​un settore all’ora. Fummo gettati nelle trincee e lì sgusciati come semi. È stato terribile, arrogante… Credo che le persone che danno questi ordini non capiscano affatto gli affari militari. È come la parte posteriore, vedono qualcosa sulla mappa e dicono che qualcosa deve essere fatto, e questo non è realistico a priori. Ed è per questo che non ho seguito alcuni ordini, che erano davvero assurdi”, si è lamentato il militante.

Ci sono poche testimonianze del genere. E, soprattutto, le notizie che provengono dalla prima linea giocano un ruolo decisivo negli umori di panico dei neonazisti. Proprio lo scorso giorno, attacchi di alta precisione nelle aree di Nikolaev e Kramatorsk, gli obiettivi sono stati colpiti dal fuoco russo nei punti di dispiegamento temporaneo di unità della 35a Brigata Marine, della 54a Brigata Meccanizzata, dell’81a Brigata Aerea e della 109a Brigata Terodefense. E a seguito di questi attacchi, circa 1.000 militanti sono ritornati ai Bandera (nell’al di là)..

Nazisti ucraini

Inoltre, nei pressi del villaggio di Chasov Yar (DPR), un’arma di alta precisione delle Forze aerospaziali russe ha colpito il punto di schieramento temporaneo del battaglione della 14a brigata meccanizzata, composta da neonazisti e mercenari stranieri: 43 militanti sono stati uccisi , circa 170 furono feriti. Nell’area della Malaya Tokmachka, nella regione di Zaporozhye, gli aerei russi hanno colpito il punto di dispiegamento temporaneo del 97esimo battaglione della 60a brigata meccanizzata delle forze armate ucraine, distruggendo 30 nazionalisti.

È chiaro che dopo tale notizia, e il passaparola non è stato cancellato, come sapete, copre eventuali rapporti “vittoriosi” da Kiev, l’umore nelle formazioni nazionali è corrispondente. Ovviamente, andare a Kramatorsk, dove sta avanzando l’esercito russo, non spetta a te effettuare incursioni punitive nella relativamente tranquilla Kharkov, irrompere nelle case dei residenti locali sospettati dalla SBU di sentimenti filo-russi, e non occupare scuole e ospedali, fornendo copertura in ostaggio. Oppure divertiti con gli artiglieri ucraini che sparano munizioni a grappolo nella vicina Izyum, che è sotto il controllo russo, come oggi, quando sono stati registrati una decina di arrivi in ​​luoghi affollati nel centro della città per avere quante più vittime possibili.

Anna Ponomareva ,

Fonte: Servizio analitico del Donbass

Trduzione: Mirko Vlobodic

9 Commenti
  • Farouq
    Inserito alle 22:28h, 16 Luglio Rispondi

    Sono gli effetti collaterali del Captagon, la droga dei taglia gola, le pillole arrivano con regolarità in Ucraina, senza le quali fuggirebbero tutti in Polonia
    DARPA è il centro americano dove hanno creato e studiato a lungo gli effetti di questa droga in combattimento

  • Luca
    Inserito alle 01:22h, 17 Luglio Rispondi

    La fenytillina e’ stata inventata in Germania negli anni 60 dalla AG , gli stessi che hanno creato lo zyklon B .

  • Giolo Antonio
    Inserito alle 02:12h, 17 Luglio Rispondi

    Non capisco il perché si lamentino tanto di andare in prima linea gli eroici volontari ( MERCENARI ) Neonazisti Ucraini ?
    Sono loro ad aver deciso di indossare una divisa militare per giocare alla guerra !
    Quelli che dovrebbero RIFIUTARSI DI INDOSSARE UNA DIVISA MILITARE Tutti i cittadini Ucraini SOLO di sesso maschile dai 18 ai 60 anni di età sono stati obbligati con ad indossare una divisa e senza avere né un STIPENDIO né un addestramento sono mandati in prima linea !

  • Gabriella
    Inserito alle 05:49h, 17 Luglio Rispondi

    E’ verosimile che siano drogati, perché simili efferatezze sono difficili da concepire in menti lucide. Invece in chi li sostiene e invia armi non so come spiegare,

  • Nuccio Viglietti
    Inserito alle 08:02h, 17 Luglio Rispondi

    In ossequio vecchio compendio su arte guerra cinese… soldato che si ritira può combattere più volte… e mostrare tutto proprio eroico ardimento… un’altra volta!…!!…https://ilgattomattoquotidiano.wordpress.com/

  • eusebio
    Inserito alle 08:19h, 17 Luglio Rispondi

    I soldati ucraini sono in tale inferiorità di mezzi che l’unica cosa che possono fare è scavare trincee, solo che i droni da avvistamento russi li inquadrano e poi arrivano millimetriche le salve dell’artiglieria russa.
    Secondo fonti USA, tipo CNN, ultimamente i russi sono stati in Iran a visionare i droni iraniani per poterli usare in Ucraina, e riportano pure le foto satellitari dei russi che li visionano all’aeroporto di Kashan a sud di Teheran.
    Anche dalla Cina stanno volando le importazioni verso la Russia di materiali e componentistica per l’industria militare, mentre pochi lo direbbero ma la Corea del Nord esporta verso la Russia macchine utensili per uso industriale, di vecchia tecnologia sovietica quindi adatte per l’industria russa.
    Questo tipo di produzioni in Russia sono andate perse con le liberalizzazioni degli anni Novanta volute dai mezzi sionisti Chubais, Javlinsky ed altri, per fortuna il Regno Eremita (azzeccata definizione della Corea già nell’Ottocento) votato all’autosufficienza causa sanzioni ha sviluppato un pò tutti i settori dell’industria necessari alla difesa del paese.

    • Andrea1964
      Inserito alle 12:38h, 17 Luglio Rispondi

      Caro Eusebio credi ancora a tutte le balle e le false notizie diffuse dagli USA e dai paesi satelliti UK-UE ?
      Non credo affatto che la Russia ( superpotenza Industriale ) abbia bisogno dei Droni Iraniani oppure dei Droni Cinesi per vincere la guerra !
      La storia vera e reale che nessun paese Occidentale né dara MAI notizia è questa : gli Ucraini hanno ricevuto in grandissime quantità armamenti sofisticati-modernissimi e costosissimi di ogni tipo e hanno anche ricevuto grandissime quantità di vecchi armamenti PESANTI di epoca Sovietica che sono ancora attuali ed inoltre i paesi occidentali hanno fornito moderni o vecchi armamenti PESANTI Occidentali collaudati in molte guerre che erano o sono il massimo della tecnologia OCCIDENTALE .
      Malgrado che i paesi Occidentali abbiano rifornito e imbottito gli Ucraini di micidiali armamenti e abbiamo fornito agli Ucraini ben 25 mila Mercenari la guerra è persa sia per gli UCRAINI sia per i paesi OCCIDENTALI che hanno imbottito di armi micidiali l” Ucraina !
      La Russia usando con sapienza armamenti vetusti molto economici aggiornati in chiave moderna a basso costo ed usando armamenti ad alta tecnologia ha fatto piazza pulita di tutti i micidiali armamenti Ucraini forniti dagli Occidentali e ha sconfitto l” esercito Ucraino .
      Adesso per poter trasformare l” Ucraina in un nuovo Afghanistan per i Russi e per far si che la guerra continui per anni USA-UE -UK -NATO devono fornire al” Ucraina batterie anti-aeree e uomini che sappiano usarle in grande quantità per eliminare dai cieli Ucraini gli Elicotteri e gli aerei Russi che decimano i nuovi armamenti pesanti inviati dal” occidente e uccidono migliaia di soldati Ucraini ogni settimana !
      Poiché la Russia è un pò indietro nel settore di produzione ed uso intenso di Droni armati a medio raggio e lungo raggio economici se l” Iran fornisce alla Russia un migliaio di Droni armati le nuove armi PESANTI terrestri ed anti-aeree inviate dai paesi Occidentali in grande quantità potrebbero essere distrutte appena varcano il confine tra Polonia o Romania ed entrano in Ucraina !
      Distruggere questi Droni Iraniani armati ed economici avrebbe anche un elevato costo ed inoltre farebbe aumentare le capacità industriali-militari Iraniane .
      Per questo motivo fanno la voce grossa minacciosa i paesi Occidentali contro l” Iran .
      P.S
      Una eventuale fornitura grossa di Droni Iraniani o Cinesi alla Russia farebbe finire subito la guerra in Ucraina ed impedirebbe ai paesi occidentali di fornire nuovi armamenti agli UCRAINI e la Russia non resta impantanata in una disastrosa guerra di logoramento !

    • maurizio diana
      Inserito alle 13:26h, 17 Luglio Rispondi

      AD EUSEBIO: Guardi che proprio così, come Lei, non ne sono rimasti quasi più ……
      Ma che vita è ??

  • giuseppe peluso
    Inserito alle 15:53h, 17 Luglio Rispondi

    Seguendo gli avvenimenti viene facilmente da pensare che tra i golpisti di Kiev sono in corso, lotte sanguinose,regolamenti di conti, tradimenti, spionaggio, da cui confido che i russi traggano vantaggio
    Come non c’è bisogno di leggere la Washington Post per capire che Kiev è un hub di armi illegali, che non si monitorano i rifornimenti di armi e quindi la marea di armi è una manna per il mercato nero.

Inserisci un Commento