Volker “l’altruista” vuole disperatamente salvare l’Ucraina con le armi letali USA

Gli Stati Uniti non hanno ancora deciso la fornitura di armi letali a Kiev. Lo ha annunciato il rappresentante speciale del Dipartimento di Stato americano per l’Ucraina, Kurt Volker.
“Non ho notizie al riguardo, non c’è nulla che i rappresentanti ufficiali del Dipartimento di Stato e del Consiglio di sicurezza nazionale abbiano dichiarato ufficialmente”. – Volker ha detto ai giornalisti martedì.

Secondo Volker, ci sono forze straniere che occupano una parte dell’Ucraina.
“I soldati ucraini muoiono ogni settimana, difendendo il loro paese, dovremmo guardare a questo non nel contesto di un’escalation del conflitto, ma come possiamo aiutare il paese a proteggere il suo territorio e la sua gente”. – ha aggiunto il rappresentante speciale USA.

Volker omette di dire che la ripresa delle ostilità e le violazioni del cessate il fuoco sono da ascrivere alle forze dell’Esercito di Kiev che hanno realizzato varie azioni offensive utilizzando fuoco di artiglieria pesante contro le zone civili di Donetsk, causando vittime e feriti fra la popolazione civile. L’ultimo bombardamento di artiglieria si è verificato il 19 dicembre sul centro di Kuibyshevskiy Distric, nel nord di Donetsk,  con obici d 152 mm. Il tutto in violazione degli accordi di Minsk. Vedi: Ukrainian large calibre artillery shells northern Donetsk

Kurt Volker, incaricato del Pentagono

Turchinov afferma che la guerra della NATO con la Russia potrebbe iniziare da un momento all’altro

Secondo Oleksandr Turchinov, segretario del Consiglio nazionale per la sicurezza e la difesa dell’Ucraina, la Federazione russa sta creando una forte infrastruttura militare lungo il confine con l’Ucraina e può avviare operazioni militari su vasta scala contro il paese “in qualsiasi momento”.

Lo ha riferito nel corso di una riunione della commissione Ucraina-NATO a livello degli ambasciatori dei paesi membri dell’Alleanza e con la partecipazione del Segretario generale della NATO Stoltenberg, riferisce Interfax-Ucraina.

“La Russia sta creando una potente infrastruttura militare lungo il confine con l’Ucraina e può lanciare su larga scala operazioni militari contro il nostro stato su ordine del Cremlino in qualsiasi momento, e la decisione di Putin non dipenderà dalle azioni dell’Ucraina. La situazione in Russia è un fattore molto più importante per l’inizio delle avventure straniere e militari della Russia “, ha affermato.

Turchynov ha aggiunto che una tale minaccia sta crescendo per gli stati membri della NATO. Ha anche osservato che la Russia “sta trasformando metodicamente la Crimea in una potente base militare” e durante la “sanguinosa guerra nel Donbass” sono state uccise più di 10.300 persone, di cui oltre 2.500 civili e oltre 200 bambini.

Fonte: Fort Russ

Traduzione e sintesi: Luciano Lago

 

3 Commenti

  • Eugenio Orso
    20 dicembre 2017

    Bene le fortificazioni russe lungo il confine con la canagliesca ucraina.
    I russi non hanno mai mandato truppe, in ucraina, e hanno liberato la Crimea senza sparare un colpo.
    Putin ebbe a dire che in caso di intervento militare, i russi sarebbero arrivati a Kiev in una settimana …
    Prudente, come sempre … sarebbero bastate ventiquattro ore, lasciando la nato con un palmo di naso.

    Cari saluti

  • max tuanton
    20 dicembre 2017

    Bisogna sempre diffondere sentori di panico nel gregge ,se no internet a cos”altro serve ,TUTTO LA pletora di servi da tastiera deve pur mangiare I vari blog che parlano di TUTTO Rappresentano l’arma micidiale per eccellenza una BULIMIA d’informazione in cui il povero visitatore non ci si raccapezza piu’ ,e’
    90 anni che ce la menano coi RUSSI ,PRIMA NON AVEVANO NEANCHE IL PANE ,adesso poi hanno basi ovunque con LA bandiera a stelle e strisce

  • Woland
    20 dicembre 2017

    “I soldati ucraini muoiono ogni settimana, difendendo il loro paese”
    La logica è ferrea: siccome i soldati serbi morivano per difendere il loro paese, hanno bombardato i civili serbi.
    Anche per l’Ucraina si prepara una nuova agonia e un nuovo propgramma di torture operate dalla NATO?

Inserisci un Commento

*

code