"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

Volano “gli stracci” tra il senatore Bob Corker ed il presidente Trump

Il senatore repubblicano Bob Corker ha attaccato oggi pesantemente Donald Trump insinuando che questi non sia adatto per l’incarico che ricopre e che ha fatto degradare l’America al livello più basso.
“Credo che i leader mondiali siano molto consapevoli che la maggior parte delle cose che dice è falsa”, ha dichiarato Corker.
Lo stesso senatore rifiuta che siano affidati a Trump i codici nucleari, culminando in una straordinaria serie di denunce contro il presidente.

“Non so perché siamo arrivati ad un livello così basso e basso e di sfida al nostro paese”, ha detto Corker a CNN durante un’intervista nel Capitol, segnando un’escalation nella lotta retorica tra i due personaggi. “Ovviamente non sarà in grado all’occasione di essere all’altezza come Presidente degli Stati Uniti”.

Corker, pur essendo repubblicano, si è rifiutato di sostenere nuovamente il presidente. Inoltre il senatore ha detto che il signor Trump non è nemmeno un buon modello come l’esempio da fornire per i bambini della nazione: “No, assolutamente no lo è”, ha detto Corker..

“Non voglio portare la cosa molto più avanti, ma ho espresso preoccupazioni alcune settimane fa circa la sua leadership … e niente è cambiato”, ha dichiarato Corker. ”
I commenti del senatore sono arrivati nel mezzo di un culmine di attacchi al sig. Corker da parte di Trump, il quale a sua volta ha sostenuto che il senatore repubblicano si oppone a lui solo perché non lo ha sostenuto per la rielezione. Il sig. Corker ha annunciato all’inizio di quest’anno che si ritirerà alla fine del suo mandato, affermando di preferire il modello del cittadino legislatore al servizio del Senato degli Stati Uniti.

Senatore Bob Corker

Queste sono le dichiarazioni che Bob Corker, senatore repubblicano del Tennessee, ha pronunciato riferendosi al presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, parlando al Congresso con un giornalista della Cnn. Il presidente, poco prima, era arrivato a insultarlo, scrivendo su Twitter che “non è in grado di essere eletto nemmeno come accalappiacani in Tennessee”.

Il senatore Corker è il presidente del comitato di relazioni esterne del Senato, una posizione di rilievo che ha usato per opporsi verbalmente all’accordo nucleare iraniano negoziato dall’amministrazione Obama. Mentre il repubblicano ha votato contro l’approvazione dell’accordo e aveva sospinto per la legislazione che avrebbe conferito al Congresso una maggiore supervisione su tali operazioni, Trump ha tentato di dipingere il senatore come sostenitore forte dell’accordo nucleare che ha rilasciato sanzioni sull’Iran in cambio della cooperazione iraniana con la sorveglianza nucleare internazionale.

Fonte: The Indepenmdent.co.uk

Traduzione: Alejandro Sanchez

*

code

  1. Citodacal 3 settimane fa

    “…ha fatto degradare l’America al livello più basso.”

    L’alternativa sarebbe stato il livello di Hillary Clinton (che realisticamente non sapremo mai con esattezza di quanto sarebbe stato più basso o appena poco più alto di quello di Trump: possiamo farcene soltanto un’idea, per certi versi più che sufficiente ma pur sempre idea, dal comportamento che la “signora” in questione ha sempre mantenuto). Se gli USA e chi per loro sostengono un globalismo fondato sulla competizione estrema (peraltro autoproclamandosi arbitri delle vicende, il che vuol dire scatenare la competizione con le regole già definite dal più forte – ciò che invalida il concetto medesimo di competitività, sempre che non si includa nello stesso la lecita presenza d’ogni colpo basso), ebbene sarebbe il caso di riflettere seriamente su quanto la competitività conduca inevitabilmente, considerate le qualità “medie” dell’individuo umano (che, come sosteneva un tale di mia conoscenza, pur essendo “medie” sono egualmente e costantemente al di sotto della media…), a un abbassamento del livello del medesimo individuo, nonché a un suo abbrutimento etico, morale e coscienziale, velocemente suffragati dalla società che lo stesso si trova a comporre: proprio come osservato nella alternativa Hillary-Trump.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Mardunolbo 3 settimane fa

    volano gli stracci tra due imbecilli ! Il secondo, a quanto dice l’articolo, si era opposto all’accordo sul nucleare con l’Iran, quindi è pari al Trump…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. PieroValleregia 3 settimane fa

    … a Genova si è usi dire: tra il marcio e la muffa …
    saluti
    Piero e famiglia

    Rispondi Mi piace Non mi piace