Vittoria di Pirro, debacle in arrivo, bugie e gli errori degli strateghi

di Alastair Crook.

Cina e Russia si uniscono miitarmente. Ciò presagirà un cambiamento di paradigma strategico che potrebbe costringere gli Stati Uniti a riconsiderare la strada da percorrere.

La sensazione che le cose vadano male e stiano peggiorando è palpabile. C’è un’innegabile sfumatura escatologica nello zeitgeist di oggi. I fattori geopolitici a spirale suggeriscono tutti un’estrema turbolenza futura.

Biden e i Democratici scoprono – con loro sorpresa – di essere in un “vincolo”: avendo pensato di correre nel 2024 sul “record economico di Biden”, il team di Biden vede le prospettive che si dissolvono di fronte all’accelerazione degli eventi.

E l’Ucraina – che doveva essere il precursore del rovesciamento della Russia di per sé – sembra più probabile che cada nella débâcle. Con la sconfitta su due fronti (la “guerra” finanziaria e quella diplomatica) già stabilita, e con l’entità ucraina che ora si sta gradualmente atrofizzando sotto l’attrito militare russo su un altro fronte, Washington si preoccupa se condurre o meno un’offensiva ucraina – temendo che potrebbe sigillare una catastrofe ucraina.

Kiev ascolta l’equivoco di Washington sul probabile esito dell’offensiva ucraina; Kiev capisce anche che questo potrebbe significare “sipari” per il “progetto” Zelensky – se Biden decidesse che è ora di tracciare una linea sotto di esso e di completare il perno verso la Cina. Significherebbe letteralmente “la fine” per la maggior parte della leadership di Kiev.

Il cambio di strategia è già evidente: John Kirby (portavoce di Sullivan) ha sbandierato perdite russe molto esagerate a Bakhmut/Artyomovsk. Allo stesso tempo suggerisce che sebbene la Russia in qualche modo possa sembrare “vincente”, in realtà è stata sconfitta. Blinken ha proseguito su questo tema il giorno successivo con “La Russia ha fallito nel suo obiettivo di cancellare l’Ucraina” e, quindi, ha “perso”, non essendo riuscita a raggiungere i suoi obiettivi.

Chiaramente, il Team Biden sta ricadendo su una vittoria di Pirro per la “narrativa” russa, con la sopravvivenza dell’Ucraina definita “missione compiuta”.

La conseguenza era prevedibile: con un’uscita degli Stati Uniti apparentemente incombente, c’era da aspettarsi qualche grossa provocazione (ad esempio l’attacco dei droni al Cremlino). “Qualcuno” è chiaramente disperato per innescare una reazione eccessiva russa che, a sua volta, costringerebbe l’Occidente a passare a una guerra totale contro la Russia.

Al momento in cui scriviamo, i dettagli di chi potrebbe essere responsabile dell’attacco al Cremlino sono sconosciuti. C’è comunque una rabbia profonda e appassionata in Russia. Il Cremlino deve riconoscere questo sentimento pubblico. E ci sarà una risposta; ma allo stesso tempo Mosca non vorrà entrare a far parte dell’agenda dei provocatori . (Il 9 maggio segna la vittoria russa nella guerra contro la Germania nazista. Non si è voluto che la giornata venisse interrotta).

Di fronte a un potenziale imbroglio ucraino; con picchi di inflazione; una recessione incombente; una corsa al sistema bancario; e bassi voti nei sondaggi, il “Team Biden” sembra avere un piano. È il rifacimento di Biden come “presidente di guerra”, mobilitando l’America per abbattere la Cina, mentre l’establishment crede che l’America possa ancora avere il vantaggio (militare convenzionale). Secondo quanto riferito, il “gioco di guerra” del Pentagono implica che gli Stati Uniti abbiano una possibilità prima che la Cina sia completamente preparata alla guerra.

Sembra strano? Ebbene, gli altri “fronti” (inflazione, bolla finanziaria, recessione, farmaci e istruzione inaccessibili) semplicemente NON hanno soluzione. Sono problemi strutturali profondi. L’America oggi è un luogo in cui quasi tutti riconoscono i problemi, ma dove il potere di veto, gli interessi radicati e il dominio “unipartitico” al Congresso precludono qualsiasi tentativo di riforma. Trump ha provato a rompere la stasi, ma non ci è riuscito. Anche Biden fallirebbe, se ci provasse. Quindi, se risolvere i problemi dell’America è “il problema”, allora diventare un “presidente di guerra” potrebbe plausibilmente essere visto come la “soluzione”.

Naturalmente, dal momento che le società occidentali oggi non possono guardare la verità negli occhi, l’Occidente deve emergere come ‘vittima’ degli eventi, e non l’autore della sua situazione; aprendo così la giustificazione per la guerra. E per garantire che questa narrazione rimanga di dominio pubblico, sono stati sparati colpi di avvertimento preparatori contro i mass media per “rimanere in squadra”.

La rivalità tra le grandi potenze e la competizione per le risorse in diminuzione non sono altro che vecchie realtà che rinascono”, avverte Robert Kaplan . “Il loro ritorno è il revenant della storia che ora definisce un presente di crescente pericolo e incertezza”.

“La situazione mondiale è simile a quella del periodo precedente al 1914. Le nuove tecnologie non hanno superato la rivalità per le scarse risorse naturali, hanno solo spostato la sua attenzione”, scrive il filosofo John Gray .

È in corso una nuova versione del Grande Gioco della fine del XIX secolo. Le due guerre mondiali furono in parte guidate dal bisogno di petrolio. La convinzione delle società occidentali che le opzioni possano sempre essere ampliate dall’azione umana è stata una caratteristica centrale del progetto politico occidentale – e anche del liberalismo progressista, scrive la professoressa Helen Thompson.

Continua dicendo che “… manca il fatto che la tecnologia non può creare energia [almeno del tipo di cui la società moderna ha bisogno]. Questa convinzione dell’agenzia umana si è a lungo dimostrata eccessivamente ottimista. Coloro che presumono che il mondo politico possa essere ricostruito dagli sforzi della Volontà umana, non hanno mai dovuto scommettere così pesantemente sulla tecnologia piuttosto che sull’energia [fossile] – come motore del nostro progresso materiale”.

Aahh – Il professor Thompson fa uscire il gatto dalla borsa. Questa “scommessa di guerra” estremamente rischiosa – vale a dire che le nostre società complesse possono essere gestite sempre più sulla Green Tech, piuttosto che sulle “risorse naturali del XIX secolo ” – è una scommessa, provocata, suggerisce Thompson, “da uno stato d’animo sottostante di paura esistenziale, un assillante sospetto che la nostra civiltà possa autodistruggersi, come tanti altri hanno fatto in passato”. (Da qui l’impulso a riaffermare il dominio – anche a prezzo di accelerare un possibile autosuicidio occidentale).

Il suo punto è che lo zeitgeist culturale generale tende verso il disperato e il nichilista. Sì, ma chi era responsabile della necessità dell’Occidente di scommettere per il suo futuro sulla tecnologia piuttosto che sull’energia? L’Europa disponeva di una fornitura di energia economica e affidabile fino a quando non ha messo mano ai piani dei neocon americani ed europei.

L'”età dell’oro” occidentale era legata a zero tassi di interesse e zero inflazione. Ci sono stati decenni di inflazione prossima allo zero proprio a causa dei prodotti a basso costo provenienti dalla Cina e dell’energia a basso costo dalla Russia. Ora l’Occidente affronta il demone dell’inflazione e dei tassi di interesse più elevati che stanno devastando il suo sistema finanziario. È stata una sua scelta.

Oh si; la ‘narrativa’, come spiega Robert Kaplan , è che “il destino è in ultima analisi nelle mani dell’agire umano. Ma l’agire umano non deve avere esiti positivi. Individui come Putin e Xi sono agenti umani, che hanno causato una vasta e sanguinosa guerra in Ucraina – e stanno spingendo l’Asia verso un conflitto militare di alto livello su Taiwan”. Oh, quindi l’Ucraina e Taiwan non hanno nulla a che fare con il progetto neo-con di estendere l’egemonia statunitense in una nuova era?

Incapace di affrontare le questioni onestamente, questo collettivo di intellettuali occidentali basa la giustificazione di una futura guerra in Cina sulla premessa che Putin, senza giusta causa, abbia semplicemente scelto di invadere l’Ucraina il 24 febbraio 2022 e che Xi sia colpevole dell’intenzione di invadere Taiwan – per il quale l’Occidente deve rispondere adeguatamente accumulando ‘massimamente’ armi a Taiwan.

Questa giustificazione è menzognera quanto lo era la giustificazione per la guerra in Iraq.

I preparativi per questa guerra stanno dilagando: più armi a Taiwan; Forze speciali statunitensi che conducono esercitazioni per la loro infiltrazione a Taiwan in seguito a qualsiasi conquista cinese (presumibilmente per lanciare un’insurrezione di guerriglia). E come riferisce Andrew Korybko , gli Stati Uniti stanno radunando alleati nell’area Asia-Pacifico: la Corea del Sud ha autorizzato l’attracco nei suoi porti di sottomarini americani dotati di armi nucleari; Il Giappone è ufficiosamente a bordo; e l’Indonesia e le Filippine sono sotto la pressione degli Stati Uniti affinché facciano la loro parte.

In contrappunto al solito manuale di radunare gli alleati in vista di un possibile conflitto, l’Alto rappresentante dell’UE, Josep Borrell, propone che le marine del blocco dell’UE pattugliano lo Stretto di Taiwan . Ciò è avvenuto poche settimane dopo che il segretario generale della NATO Stoltenberg ha dichiarato che “stiamo intensificando la nostra cooperazione con i nostri partner nell’Indo-Pacifico: Giappone, Corea del Sud, Nuova Zelanda e Australia”.

“La tendenza indiscutibile è che i partner europei degli Stati Uniti sono pronti a svolgere un ruolo militare più ampio nella regione, compreso uno provocatorio se finiranno per pattugliare lo Stretto di Taiwan”, scrive Korybko.

China plans to hold live-fire exercises next Wednesday in the Taiwan Strait. On Thursday, a Chinese navy fleet including the aircraft carrier Liaoning (in background) held a parade in the South China Sea.

Anche la Von der Leyen dell’UE e l’UE sono coinvolte – il suo nome è stato menzionato tre volte nel discorso “New Washington Consensus” di Jake Sullivan in cui è prevista l’inversione dell’intera tendenza della politica, dagli anni di Reagan – da un ritorno a protezionismo; all’intervento del governo centrale a sostegno della politica industriale; a un coraggioso investimento in capacity building; ‘resilienza’ e riappropriazione delle filiere interne.

Questo non è tuttavia un vero progetto per riformare l’economia statunitense, sebbene sia pubblicizzato come tale. Una vera riforma richiederebbe enormi cambiamenti strutturali. Si tratta di riorientare l’economia per una possibile guerra convenzionale con la Cina. (Una lezione dal conflitto ucraino è stata che la capacità industriale è importante). Probabilmente è anche un pretesto per aumentare la spesa fiscale (stampa di denaro) in vista delle elezioni del 2024.

Inevitabilmente, quelli nell’UE che sono alleati con i “Verdi” tedeschi e Von der Leyen sono in estasi. I funzionari di Bruxelles parlavano del “biglietto Biden-Von der Leyen” (come se fosse una candidata alla vicepresidenza degli Stati Uniti sul “biglietto” democratico!), e parlavano di un’alleanza di potere USA-UE che si estendeva fino al 2028!

Cosa fare di questi turni? Ripeto: Biden è in difficoltà e la sua squadra vacilla. È estremamente prematuro che la Casa Bianca chiami “missione compiuta” sull’Ucraina, ma cos’altro possono fare? La guerra con la Cina non sarà solo con la Cina, ma probabilmente anche con la Russia. Questa è stata sicuramente l’essenza della visita di quattro giorni del ministro della Difesa cinese a Mosca (inclusa una sessione personale con Putin). Il messaggio era abbastanza chiaro: Cina e Russia “si stanno unendo militarmente”. Ciò presagirà un cambiamento di paradigma strategico che potrebbe costringere gli Stati Uniti a riconsiderare la strada da percorrere, oppure no.

Fonte: Strategic Culture

Traduzione: Gerard Trousson

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM