APPELLO RACCOLTA FONDI! MANTIENI IN VITA UNA VOCE LIBERA!

Vertice a Teheran : Iran, Russia, Cina e India formano un blocco per difendere la sicurezza in Asia

Si è svolta a Teheran, il giorno 26 Settembre, la prima riunione fra i segretari e consiglieri alla sicurezza nazionale dei paesi della regione dell’Asia su iniziativa della Repubblica Islamica dell’Iran.
Nikolai Patrushev, segretario del Consiglio di Sicurezza Nazionale della Federazione Russa; Ajit Deval, consigliere per la Sicurezza Nazionale del primo ministro dell’India; Dong Jing Wei, responsabile della Sicurezza Nazionale della Cina, si sono riuniti il Mercoledì per discutere i metodi per combattere efficacemente il terrorismo, l’estremismo e le minacce rappresentate dal terrorismo nel Medio Orente e nell’Asia Centrale.

La riunione  svoltasi a Teheran costituisce anche una risposta alle minacce proferite dagli Stati Uniti e da Israele contro i paesi della regione, in particolare contro l’Iran, la Russia e la Cina.
I partecipanti alla riunione hanno commemorato le vittime dell’attacco terroristico subito dall’Iran nella città di Ahwaz ed in particolare un bambini di quattro anni che ha perso la vita per effetto dell’attentato. Una foto ed una camicetta insanguinata del bambino sono stati mostrati nel corso della riunione.

Il discorso di apertura della riunione è stato pronunciato dal controammiraglio Ali Shamjani, segretario del Consiglio Supremo di Sicurezza Nazionale dell’Iran.
“La continuazione dei negoziati costruttivi fra i nostri paesi gioca un ruolo importante nella restaurazione della sicurezza, della pace e della prosperità nella regione”, ha detto Shamjani nel suo discorso.

Nel commentare circa i recenti attacchi terroristici a Ahwaz, nel sud dell’Iran, che sono stati realizzati da un gruppo terrorista collegato a paesi stranieri (Arabia Saudita ed Emirati Arabi), Shamjani ha detto che questa azione deprecabile “rivela i tentativi organizzati dai terroristi e dai loro patrocinatori per diffondere la insicurezza”.
Denunciando il crimine inumano perpetrato a Ahwaz, lo stesso Shamjani ha detto che questa azione terroristica, una volta di più, ha messo alla luce la doppia faccia dei paesi (occidentali) che si riempiono la bocca di dichiarazioni sulla lotta al terrorismo.

Nikolai Patrushev, segretario del Consiglio di Sicurezza Nazinale della Federazione Russa, ha dichiarato che l’iniziativa della Repubblica dell’Iran di organizzare la riunione costituisce un passo importante verso il rafforzamento del coordinamento tra i paesi della regione nell’area della lotta al terrorismo ed al ristabilimento della sicurezza sostenibile.
“Il terrorismo continua ad essere il nostro nemico comune, pertanto dobbiamo mobilitare tutti i nostri sforzi pel combattere contro questo fenomeno mediante la cooperazione dei paesi della regione e gli organismi internazionali”, ha segnalato.

Patrushev ha sottolineato che la presenza militare degli USA in Afghanistan non soltanto non ha contribuito al ristabilimento della sicurezza e della stabilità ma anzi ha aggravato la crisi di sicurezza nel paese ed ha prodotto un fortissimo incremento del traffico di droga da quel paese.
Inoltre i gruppi terroristi che operano in quel paese godono dell’appoggio finanziario di alcuni paesi esterni ( così come avviene in Siria ed in Iraq).
(………………….)

Ajit Deval, consigliere per la sicurezza del governo dell’India, ha detto che i terroristi che operano in Asia centrale si finanziano anche con i ricavi del trafico di droga e che risulta necessario bloccare i canali del finanziamento.

Dong Jing Wei, reponsabile della sicurezza nazionale per la Repubblica Popolare Cinese, ha fatto un richiamo ai partecipanti alla riunione per creare meccanismi comuni che aiutino a rafforzare la sicurezza nella regione. Inoltre lo stesso rappresentante cinese ha invitato i partecipanti a condividere i dati di intelligence sugli elementi terroristi per promuovere una efficace lotta comune contro il terrorismo.

Fonte: Al Manar

Traduzione: Luciano Lago
.

*

code

  1. Giano 3 settimane fa

    Invece, alla sicurezza dell’Europa non pensa nessuno.
    No, noi dobbiamo solo pensare ai migranti. Essi sono il nostro futuro e non costituiscono alcun pericolo per la nostra civiltà.
    Invece, scommettiamo che a quei cattivoni di iraniani, russi, cinesi ed indiani non passa minimamente per l’anticamera del cervello di essere tanto accoglienti?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. PESCE ERNESTO 3 settimane fa

    Ella foto appaiano 5 bandiere, la quinta e’ dell’Afghanistan. Cio’ significa che al vertice era presente un afghano, proprio quello con la bandierina afghana diffronte

    Rispondi Mi piace Non mi piace