VERSO UN NUOVO RADICALISMO IN AMERICA LATINA

di Juan Gabriel Caro Rivera


Qualche mese fa avevamo scritto un articolo sulle diverse correnti politiche che avevano modellato il panorama americano negli ultimi vent’anni. A quel tempo ci mancava l’assenza in questi fenomeni politici dei radicali, vale a dire, coloro che, per costituzione del loro spirito e della loro lotta, erano chiamati a combattere contro le diverse forme di manifestazione della falsa coscienza dominante nella politica continentale. Ed è per questo che hanno rappresentato una sfida per il sistema sociale esistente in tutte le sue varianti. Ovviamente, dobbiamo notare che i radicali non hanno mai smesso di esistere, ma a causa della mancanza di coerenza dottrinale e politica, sono diventati il ​​foraggio da cannone usato nelle lotte intestinali tra le varie forze politiche adeguatamente consolidate.

Tra tutti questi movimenti e partiti politici consolidati, possiamo garantire l’esistenza di almeno due poli in lotta: da un lato, abbiamo i neoconservatori e i neo-liberali integrali uniti alla globalizzazione; e dall’altro, compaiono i diversi nazionalismi di sinistra e i social-globalisti. Oggi questi due poli sembrano contestare il futuro dell’America dal Rio Grande alla Patagonia, in una sanguinosa guerra che sta diventando sempre più violenta.

Ora, di fronte a questo panorama desolato, puoi sentire, come un sussurro nella foresta, una nuova voce che la propaganda della grande stampa e dei media cerca di mettere a tacere. Per affogare una tale voce, la grande stampa di tutte le ideologie politiche lancia qualsiasi tipo di teorie della cospirazione, screditando, in un modo o nell’altro, i disturbi prodotti in diversi paesi governati da ideologie diverse e che si combattono pubblicamente. Nelle ultime settimane abbiamo assistito al modo in cui un nuovo pacchetto economico è stato imposto dall’FMI all’Ecuador e, di conseguenza, si scatenano violente proteste nelle strade di questo paese; Nel frattempo, in Cile, il governo aumenta il prezzo dei biglietti di servizio pubblico, provocando una massiccia manifestazione che si conclude in uno stato di assedio che devasta la capitale.

Seguendo queste linee alla lettera, l’agenzia di stampa con sede a Washington, NTN 24, pubblica un rapporto sulla cospirazione del gruppo Puebla (fondato a luglio di quest’anno), come responsabile diretto degli eventi accaduti in Ecuador e Cile. E seguendo una tale linea argomentativa, incolpa il progressismo per essere responsabile di una cospirazione politica per porre fine ai governi ostili al socialismo e stabilire una “Unione Sovietica ispanica” in tutta la regione:

«Secondo il politico e professore Pedro Urruchurtu, non è un caso che il PIL si sia incontrato dieci giorni prima del Forum di San Paolo. Dice che è un piano per la sinistra di tornare in America Latina. “Da quel momento in poi, l’obiettivo sarà quello di porre fine al Gruppo Lima; smantellarlo con nuovi governi “progressisti” o incoraggiare una maggiore destabilizzazione. Cercheranno anche di rieleggere il Segretariato Generale dell’OAS di Almagro. Questo sarebbe ciò che ossigena proteste massicce e violente come quelle in Ecuador e Cile. “Hanno un intero sistema dei loro media (InfoNodal) ed esterni (RT, Telesur, ecc.) Pronti a fare il loro lavoro di reimpulso della sinistra e di riarrangiamento della regione. In tempo di ritiro sono stati riorganizzati, per non averli sconfitti nel tempo, a partire dal Venezuela “» (2).

Nel frattempo, l’agenzia di stampa RT, dall’altra parte ideologica, ha riferito delle accuse di un possibile colpo di stato, orchestrato dall’OAS, contro il governo Evo Morales in Bolivia. Secondo i suoi rapporti, l’opposizione boliviana avrebbe denunciato una possibile frode elettorale commessa dal governo e ciò avrebbe scatenato disordini urbani. “La missione OAS è già con il colpo di stato”, afferma il presidente boliviano citato da RT, e continua: “Qualunque siano i tuoi criteri (lui dell’opposizione), devi tener conto del rispetto della nostra Costituzione” (3). Allo stesso tempo, il presidente venezuelano Nicolás Maduro esprime la sua solidarietà alla sua controparte ideologica boliviana e ribadisce l’esistenza di una cospirazione continentale per porre fine alla rivoluzione bolivariana: “Siamo stati in contatto nelle ultime ore con il fratello Evo Morales Ayma. Voglio esprimere tutta la solidarietà del Venezuela con il popolo della Bolivia e con il presidente costituzionale rieletto, legittimo, Evo Morales “, e dice così:” In Bolivia c’è una cospirazione, una cospirazione, hanno chiesto violenza, abbiamo vissuto e ha sofferto situazioni simili “(4).

Come puoi vedere, tutta questa serie di teorie e denunce di cospirazione a livello diplomatico assomigliano a una serie di specchi in cui ognuno riflette, ma viceversa, le stesse caratteristiche che afferma di vedere nel suo nemico. Ma tutti ignorano convenientemente le vere cause che producono tali manifestazioni. La stampa internazionale alleata della Coppa del Mondo giustifica le violente proteste del popolo venezuelano perché sono “democratici” desiderosi di sbarazzarsi di un dittatore, e allo stesso tempo denuncia i sanguinosi scontri dei manifestanti in Cile per essere parte di un complotto di Castro-Chavista per rovesciare un governo legittimo in America Latina. Lo stesso si può dire della propaganda di sinistra che denuncia le rivoluzioni colorate contro le repubbliche socialiste e l’imminente invasione del Venezuela da parte del TIAR. Naturalmente, con questo tipo di spiegazione, si dimentica che la ragione dietro la violenza delle proteste cilene sta nell’aumento dei prezzi dei biglietti di trasporto pubblico o che la migrazione venezuelana è dovuta a una devastazione senza precedenti del sistema produttivo , che provoca un grande trambusto in milioni di persone. In questo modo, i problemi reali vengono sostituiti da false flag o da ragioni di secondo ordine a cui viene conferito un potere onnipotente senza precedenti.

Con questo non vogliamo negare l’intervento delle politiche estere in una nazione o la guerra psicologica in voga contro i governi contrari a un unico modello economico, ma vogliamo riportare tali cause al loro posto legittimo e non mascherare, con una fraseologia vuota, una serie di fenomeni che non hanno nulla a che fare con quello che è successo. Con questo tipo di spiegazione si dimentica che la ragione dietro la violenza delle proteste cilene sta nell’aumento dei prezzi dei biglietti di trasporto pubblico, o che la migrazione venezuelana è dovuta a una devastazione senza precedenti del sistema produttivo, che Provoca un grande shock in milioni di persone. In questo modo, i problemi reali vengono sostituiti da false flag o da ragioni di secondo ordine a cui viene conferito un potere onnipotente senza precedenti. .

Il problema con tale propaganda è che sembra intrecciare due poli opposti che sono in una guerra manifesta, trascurando ogni spiegazione realistica dei fenomeni che si stanno verificando. Sulla base di questi stessi argomenti, gli organi di propaganda di tutto il mondo considerano le rivolte di Hong Kong come parte di un elaborato complotto di pressioni orchestrate dagli Stati Uniti contro la Cina, o che i separatisti catalani sono agenti di Mosca che vogliono distruggere l’Unione europea. Tuttavia, varrebbe la pena notare che tale ragionamento semplicistico è il prodotto del potente apparato di comunicazione e propaganda, che sia i liberali che i socialisti hanno creato. In questo modo cadono in errore, a causa della megalomania dei loro sistemi di comunicazione, confondere l’opinione dei loro popoli con la propaganda che essi stessi hanno creato. Già il marxista Georges Lukács, studiando le avventure di ideologie reazionarie e razziste in Germania, notò che tale confusione poteva portare a terribili errori e indurre molti leader ad essere miopi sulla vera politica che dovrebbero applicare in momenti decisivi: « Ai suoi tempi, Hitler fece l’errore di confondere il suo Quisling con i popoli; oggi molti ideologi di apologetica diretta confondono il popolo con le “quinte colonne”.

Qualcosa di simile sta accadendo oggi, nella piena globalizzazione, in cui i media sono impazziti e proclamano dappertutto quante mezze verità sono disposte a consumare. ma che hanno finito per confondere l’ideologia dei loro sistemi con la volontà popolare e sappiamo che questo è finito con la loro disintegrazione. Qualcosa di simile sta accadendo oggi, nella piena globalizzazione, in cui i media sono impazziti e proclamano dappertutto quante mezze verità sono disposte a consumare. ma che hanno finito per confondere l’ideologia dei loro sistemi con la volontà popolare e sappiamo che questo è finito con la loro disintegrazione. Qualcosa di simile sta accadendo oggi, nella piena globalizzazione, in cui i media sono impazziti e proclamano dappertutto quante mezze verità sono disposte a consumare.

Protesta in Venezuela

Questo ci porta a una conclusione logica: il crescente risentimento dei popoli latinoamericani che affrontano un antagonismo ideologico ed economico, sempre più inadeguato a sostenere la vita spirituale e materiale delle nazioni. I popoli sudamericani si ribellano ugualmente contro le democrazie rappresentative (liberali) e contro le democrazie popolari (socialiste), nutrendo lo stesso odio contro entrambi. Detto questo, diventa sempre più urgente realizzare l’esaurimento dei sistemi politici e sociali creati nel ventesimo secolo, colpevoli di meccanizzare la vita delle nazioni e causare l’alienazione di milioni di persone in un modo che non era mai stato visto in la storia Sia il liberalismo che il comunismo hanno contestato l’egemonia planetaria nel secolo scorso, e ognuno ha optato per un diverso soggetto storico che avrebbe realizzato le promesse dell’Illuminismo del progresso sociale, della libertà, dell’uguaglianza e della fraternità dell’umanità. Mentre il liberalismo ha assunto l’argomento come individuo, il comunismo ha sollevato le bandiere della classe, del “proletariato”, come soggetto rivoluzionario che avrebbe adempiuto a tali promesse. Sappiamo come tutto è finito: con lo scioglimento del proletariato e l’ascesa dell’individuo come soggetto universale dei diritti umani, il crollo di qualsiasi alternativa economica e l’imposizione del filosofo postmoderno come ideologia della globalizzazione. Ci furono altri tentativi di creare simili soggetti storici, come lo Stato o la razza, ma questi fallirono anche nel loro violento confronto nel corso del ventesimo secolo.

Rivolte di popolo in Ecuador

Tuttavia, con l’esaurimento sempre più evidente dei soggetti storici delle ideologie moderne, viene finalmente aperto lo spazio per l’emergere di un nuovo attore che era stato sepolto dalla fraseologia e dalla lotta partigiana: ci riferiamo all’emergere di Società organica, comunità e stili di vita precapitalisti condannati all’oblio da ideologie progressiste. È proprio questo “popolo”, retrocesso dalla grande storia universale nata dall’Illuminismo, che emerge ancora una volta dai cimiteri e dalle rovine in cui era stato esiliato dai comunisti e dai liberali di tutte le tendenze. Già negli anni trenta, Il sociologo tedesco Hans Freyer aveva dichiarato che la svolta del movimento proletario verso il riformismo (oggi diremmo progressismo) aveva aperto la possibilità di una “nuova rivoluzione” diversa da quella proclamata dal liberalismo e dal comunismo. Il portatore di questa rivoluzione sarebbe il “popolo”, “ciò che non è società, non è classe, non è interesse, o, quindi, qualcosa suscettibile alle transazioni ma qualcosa di insondabilmente rivoluzionario”. Il popolo “è una nuova formazione con la propria volontà e i propri diritti … la controparte della società industriale” (7). Ed è proprio questo popolo che oggi si manifesta contro l’imposizione di sistemi politici disumani che stanno cercando di seppellirlo di nuovo, saranno proprio gli eroi, i guerrieri che portano le torce di questo popolo convulso, calpestato, quello che oggi si ribella. Dopo duecento anni di indipendenza, guerre civili e liberalismo, i “popoli latinoamericani” sono stati privati ​​di Dio, della comunità e del lavoro, e oggi è questo popolo che alza gli stendardi sulle cui bandiere è scritta la parola “giustizia” .

Sarà precisamente la missione dei nuovi “profeti” di dare le ali a questo popolo che si insinua nel fango dello sporco fango del capitalismo, che è impigliato nelle ragnatele polverose del socialismo senza coscienza, quella che finalmente germoglia da i legami che lo avevano incatenato. Ancora una volta questa gente nascerà per incontrare il loro Dio ed espellere maghi neri e sacerdoti truffatori dal loro seno che lo avevano tenuto in cattività.

note:

Juan Gabriel Caro Rivera, Correnti e lotte politiche in America, https://rebelioncontraelmundomoderno.wordpress.com/2019/08/13/corrientes-y-luchas-politicas-en-america/
Cos’è il gruppo Puebla e perché è accusato di destabilizzare la regione, https://www.ntn24.com/america-latina/otros-paises/que-es-el-grupo-de-puebla-y-por che-è-le-accusata-of-the-destabilizzante
Evo Morales appare davanti ai media, https://actualidad.rt.com/actualidad/331330-evo-morales-comparece-medios-comunicacion
Maduro denuncia una trama in Bolivia ed esprime la solidarietà del Venezuela con Morales, https://actualidad.rt.com/actualidad/331281-maduro-respaldo-evo-morales-bolivia .
Georg Lukács, The Assault on Reason, FCE, 1959, p. 652.
Hans Freyer, Revolution von Rechts, Jena, 1931, p. 35.

https://www.geopolitica.ru/es/article/hacia-un-nuevo-radicalismo-en-america-latina

Fonte: Geopolitica.ru

3 Commenti

  • Leonardo
    3 Novembre 2019

    Raramente si riesce a leggere un articolo più prolisso e squinternato di questo.

  • atlas
    3 Novembre 2019

    sovranismo è il nazionalizzare tutte le forze prospere dello Stato

    senza di questo non vi è alcunchè di sovrano, rimane filosofia

  • Victor
    4 Novembre 2019

    Scusate ma per come parlate mi sembra che voi non sapete manco dove si trova l’America Latina, avete letto la prima opinione che avete trovato su internet e poi avendo letto quello, avete scritto questo.
    PD: il colpevole non è nessun foro di puebla, si chiama Foro di sao paulo

Inserisci un Commento

*

code