Verso un attacco preventivo della NATO contro la Russia?

di Boris Gennadevich Karpov

L’Europa sta affogando in dichiarazioni sempre più allarmanti e vendicative su un “ attacco russo all’Europa ”. I più entusiasti, Francia ed Estonia in testa, chiedono direttamente l’invio di truppe Nato in Ucraina mentre i discendenti dei nazisti tedeschi, più feroci, complottano all’interno dello stato maggiore per distruggere il ponte di Crimea.

Il fatto che siano stati colti sul fatto dai Servizi d’intelligence russi ha come unica conseguenza nuovi e raddoppiati attacchi contro le “ spie russe ”. Dovete anche sapere che se il Cremlino ha deciso di rendere pubblica la conversazione registrata, gli altri documenti in nostro possesso per il momento restano nascosti… Non crediate infatti che una sola conversazione possa essere stata registrata!

L’opinione pubblica, perfettamente manipolata dai leader occidentali, non si tira indietro e inghiotte senza molta resistenza la teoria secondo cui la Russia li attaccherà e più i nostri leader dicono il contrario, più i media occidentali gridano alle “bugie russe” e alle pericolo imminente. I pochi movimenti che rifiutano di seguire la propaganda ufficiale vengono immediatamente trattati come “agenti di Mosca” e non hanno alcuna influenza.

La macchina da guerra occidentale è in funzione sin dal lancio della SVO e il percorso è sempre stato lo stesso: dichiariamo “non invieremo mai questo tipo di equipaggiamento”, poi pochi mesi dopo questo tipo di equipaggiamento viene consegnato agli ucraini . Ci hanno dato il colpo per le armi pesanti, per i carri armati, per le armi a lungo raggio, per gli aerei. Tutto questo equipaggiamento è stato inviato in Ucraina, con in più le munizioni a grappolo, sebbene vietate in linea di principio, che bombardano quasi ogni giorno la popolazione civile di Donetsk.

Oggi i prossimi arrivi sono costituiti da truppe NATO in Ucraina. Ciò dovrebbe avvenire molto rapidamente, probabilmente in aprile o maggio.

Schieramento Nato sotto frontiere russe

E il prossimo passo sarà, come ho detto molte volte, l’invio di armi nucleari tattiche all’Ucraina. Non per spaventare ma da usare perché le armi convenzionali, esaurite, chiaramente non saranno in grado di fermare le forze russe. La possibilità di un “attacco preventivo” nucleare non è mai stata così grave. Specifico chiaramente l’attacco preventivo della NATO, attraverso l’Ucraina, contro la Russia.

In realtà questa “fase nucleare” potrebbe benissimo essere effettuata contemporaneamente all’arrivo delle truppe NATO in Ucraina e, secondo la logica occidentale, questo attacco sarà perfettamente normale poiché la Russia invaderà comunque l’Europa, secondo la loro propaganda.

Esiste quindi attualmente in Europa un vasto piano di preparazione psicologica della popolazione volto a farle “accettare” che “la Russia li attaccherà”… e quindi accettare che devono difendersi bene…. e che l’unica difesa possibile, purtroppo ovviamente, è un “piccolo” attacco nucleare…

Secondo una fonte interna allo stato maggiore di un paese della NATO, la maggior parte dei funzionari europei, Francia, Gran Bretagna e Stati baltici in testa, sono convinti che la Russia non risponderà ad un attacco “preventivo” (!) sulla potenza nucleare della NATO. La loro convinzione è che “Putin stia bluffando”.

Questi pazzi non conoscono i russi: non solo Vladimir Putin non sta bluffando, ma se l’Occidente mettesse in atto i suoi piani, diversi milioni di russi si riverserebbero attraverso l’Europa fino alla costa atlantica con il sostegno incondizionato dell’intero paese.

Fonte: Russieinfo

Traduzione: Luciano Lago

19 commenti su “Verso un attacco preventivo della NATO contro la Russia?

  1. Penso che la guerra nucleare sia inevitabile perché Usa e Russia hanno paura l’una dell’altra e parte bene chi assesta il primo colpo. Sappiamo tutti che i guerrafondai sono gli Usa. Li condannera’ la Storia, se c’è ne sarà an ora una.

  2. Prepariamoci al peggio. Stiamo arrivando al triste epilogo. Spero solo nella selettività di Putin – Londra, Washington, Parigi, Berlino – tanto per fare dei nomi.

  3. Ora mai il dado è tratto…bruceremo tutti. Ma mentre questo accadrà le mie ultime parole gridate al cielo saranno solo due …SLAVA ROSSII!!!!!!

  4. La Dottrina Strategica Russa prevede, tra l’altro, che ad un attacco nucleare tattico (cioè una bomba atomica trasportata da un aereo o da un missile partito dalla UE), una risposta strategica immediata – cioè GLI STATI UNITI VENGONO BOMBARDATI CON TESTATE TERMONUCLEARI SUBITO. In meno di 60 minuti si parlerà dell’America al passato.
    I padroni dell’America hanno una paura folle della Russia, come ce l’avevano quando il monopolio delle atomiche era statunitense………….
    Confermo che gli anglosassoni sono tenaci, falsoni, timidi e vigliacchi. Non hanno capacità elevate, sono piuttosto mediocri. Basta vedere l’Arte, la Cultura: il contributo anglosassone è misero. Sono nati inferiori, malvagi e perdenti.

    1. prego prima gli Inglesi, i quali riceveranno un paio di poseidon che la faranno sparire, c’è una profezia del veggente Irlmaier che previde una terribile guerra in europa e disse che un’isola sparirà, non fece il nome di tale isola, predisse anche che tutta Roma sarebbe bruciata il che non sarebbe poi così male.

  5. Occorre organizzarsi se sarà necessario per combattere .. dalla parte della Russia naturalmente. Per cui auspico una resistenza filo russa in tutta l’Europa per sabotare gli eserciti della Nato come fecero i partigiani durante il nazismo

    1. Organizzare guerriglia, milizie popolari, anche fossimo quattro gatti (inizialmente), attaccare basi Usa e Nato e istituzioni loro servi, prima che distruggano il mondo ! Non ci salveremo e non lo salveremo, ma meglio vendere cara la pelle, che morire inermi e rassegnati su un divano, senza alcuna dignità !

  6. Le persone che decidono vivono in svizzera, è sono ultraottantenni alla fine della loro vita. È vogliono finire con il botto.

  7. Credo che sul punto dell’uso delle armi nucleari Armin abbia ragione: anche se gli statunitoidi-nato si riserveranno un primo colpo tattico, nel brevissimo ci sarà la (doverosa) risposta nucleare russa – i russi non prenderanno mai l’inziativa con le armi nucleari, ma agiranno solo per rispondere a un attacco! – e lo scontro in breve/ brevissimo si trasformerà in strategico.

    Non credo che gli ebrei che governano l’impero del male pensino, igenuamente, che i russi non useranno mai e poi mai le armi nucleari, ma costoro credono di poter sopravvivere, assieme al loro potere malsano, a un conflitto nucleare e sono disposti anche a regnare sulle macerie (radioattive).

    Cari saluti

    1. hanno javhè dalla loro parte,,,,e intanto si portano avanti con i sacrifici umani per tenerselo nuono.
      per quanto riguarda la radioattività che problema c’è, vivranno sottoterra fin quando il loro utero artificiale non sfornerà uomini ibridi vestiti di piombo,,,,
      auguri signori, auguri a tutti.

  8. Se fosse vero, non lo discuto fino a prova contraria, che le truppe Nato sono già in Ucraina sarebbe davvero l’ inizio della terza guerra mondiale nucleare. Dal mio punto di vista, espresso più volte, sarebbe il suicidio per la civiltà occidentale. Come pensare deficientemente che Putin bluffa. Tuttavia non penso che i maggiori danni saranno per gl’ americani, i quali sono sicuramente preparati ad una simile eventualità che forse sottovalutano ancora. Hanno sicuramente contromisure che ritengono efficaci se fanno un tale azzardo disperato. A bruciare senza se e senza ma sarà la UE. Le povere città europee sono totalmente impreparate, all’ Italia, uno dei paesi sicuramente colpiti perché ha molte basi Nato rimane un solo sistema difensivo contro missile samp-t. Sono molto perplesso, in quanto essendo in atto le esercitazioni Nato in scandinavia i russi saranno sicuramente sull’ attenti. Al corrente di tali fatti senza dubbio. Il che vanificherebbe, se non per le molte vittime, l’ effetto sorpresa. La vera domanda che mi pongo è dove? Sul fronte perirebbero anche decine di migliaia d’ ucraini. Nel territorio russo? La risposta sarebbe devastante. Spero con tutto il cuore che si tratti solo d’ un falso allarme!

  9. Gli USA sono un continente isolato e “protetto” dal mare, fino ad ora questo era un grande vantaggio perché permetteva loro di proiettare la propria potenza e di portare guerra e distruzione in ogni luogo, salvaguardando comunque la propria integrità (vedi I e II guerra mondiale).
    Questo è ora il loro tallone d’Achille : poiché possono essere spazzati via (nuclearmente parlando) con danno relativamente piccolo per il resto dei continenti. In altri termini sarebbe sciocco nuclearizzare l’Europa in primis… come “sperano” loro: https://www.youtube.com/watch?v=mClX0T3QOOY

    1. Ciao DR, vero quel che dici concordo. Ma forse tralasci un paio di cosette. I vaccari paranoici sono sempre all’ avanguardia nei sistemi antimissile. Fin dai tempi dello scudo spaziale. Così avanzato da aver gettato nello sgomento Gorbaciov ed i suoi consiglieri militari, è storia. Già quasi 15 anni fa’ si sono dotati di un sistema di terra ed anche navale, sistemato nelle basi e nelle piattaforme petrolifere, da cui è derivato il Barak 7 israeliano. Si dice capace di abbattere anche i Khizal da alcuni analisti. L’ anno scorso hanno messo in funzione il nuovissimo sistema T.h.a.a.d. Sviluppato apposta per i vettori ipersonici. Colpirli sul serio non sarà uno scherzo. Mentre l’ Europa in confronto è quasi sguarnita fatta eccezione per alcune basi NATO. Saluti

  10. molto sinceramente, penso che le intercettazioni dei generali tedeschi siano state diffuse dalla CIA per fare pressione sulla Germania. Che interesse avrebbero avuto i russi a divulgarle??????

      1. la prima conseguenza sono state le pressioni inglesi sulla Germania affinché consegni all’ucraina i missili balistici…..

  11. Pare che si sia dimessa Victoria Nudelman, la diavolessa che ha sulla coscienza centinaia di migliaia di morti ucraini e russi, una creatura demoniaca emanante un pesante odore di zolfo, come il suo maestro e mentore Kissinger e la sua degna erede Albright, altre creature scese nel più profondo dell’inferno nei due anni passati, dimissioni cje sono un segnale importante in quanto fanno trapelare forse il graduale sfaldamento del blocco egemonico dello stato profondo degli USA, causato forse da una situazione economica e sociale sempre più pesante, non più in grado di sostenere le continue guerre di aggressione che i neocons da decenni conducono nel mondo.

  12. il mondo intero è Sodoma e Gomorra con relativa torre di Babele, l’infinitamente lontano è il ritorno, l’occidente, il luogo dove il sole tramonta, avendo così globalizzato il pianeta Terra, avendo colonizzato l’immaginario di ogni popolo, avendo optato per il materialismo o per una religiosità di facciata, così sprofondato nel crepuscolo, alla fine sarà l’artefice della distruzione, che la Russia Cristiana Ortodossa si faccia coraggio e che non tentenni nel contrattaccare con un devastante colpo nucleare, se no alla fine l’impero di satana utilizzando all’inizio armi non convenzionali ( tipo guerra biologica ) riuscirà a sopravvivere se solo investito da un secondo colpo di ritorsione, satana dovrà essere annichilito con un first strike nucleare devastante ( messo in atto perchè la russia sarà sopraffatta in modo non convenzionale), solo così si taglierà la testa al drago………………………….. e poi dopo immani tribulazioni, i servi dell’ego all’inferno e i santi in paradiso, il genere umano timoroso del Divino rinascerà ……………estinzione di massa completa? No qualcuno sopravviverà, ovviamente qualcuno completamente fuori dal gregge tipo gli yogi indiani, i fachiri sufi musulmani, qualche sciamano, qualche monaco buddhista e scintoista………………….., qualche mistico cristiano. Insomma dopo una distruzione planetaria i soliti 7 saggi poi ripopoleranno il Pianeta, come sempre successe! e sarà una umanità diversa da quella di oggi, migliore, be ci vorrebbe proprio poco per essere migliore, a meno che i seguaci di satana riuscissero a sopravvivere nei loro bunker senza che qualcuno li faccia fuori tutti, allora i satanassi lavorerebbero per ricostruire un mondo dispotico e trans-postumanista e darebbero la caccia ai santi mistici anch’essi sopravvissuti, se scoppiasse la terza guerra mondiale sarebbe imperativo andare fino in fondo e distruggere la civiltà della quantità ( l’occidente materialista progressivista e tutti gli occidentalizzati del mondo zombi e sonnambuli con l’anima nascosta da tonellate di marciume ) con furia cannibale, per la gloria di WAKANTANKA, di DIO, di ALLAH, dell’Assoluto ……………………..…

    Il presidente Putin affermò che non esiste nel novero del possibile la condizione in cui qualcuno possa mettere in pericolo di esistenza la Russia senza patirne le medesime conseguenze, non esiste un mondo dove la Russia possa essere distrutta e l’artefice di questa distruzione possa sopravvivere. La Russia non ha in programma di distruggere nessuna civiltà, neppure quella turbocapitalista ammericana del deepstate ormai apertamente satanica e russofoba fin nel midollo, ma se i neocons attaccassero con qualsiasi cosa che potesse provocare la fine della civiltà Russa, ebbene sarebbe la fine del mondo…… Non esiste un mondo possibile dove chi provoca deliberatamente la fine della civiltà Russa possa farla franca.
    Sarà per queste ragioni che i satanassi si stanno concentrando sulla guerra biologica, ma siamo sempre li, il discorso di Putin rappresenta una vera e propria spada di Damocle che pende inesorabilmente sulla testa dell’impero ordoliberista in piena e inesorabile decadenza.

    TORNEREMO TUTTI AD ESSERE COME I PELLEROSSA…………….W WAKANTANKA!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM