Verso un Armaghedon “basato sui principi”.

di Alastair Crooke

Gli imperi esistono da millenni, ma la loro virtù era che quelli erano imperi guidati da una vigorosa energia culturale, finché l’impulso delle loro energie alla fine svanì in un fruscio tra le foglie.

Abbiamo tutti vissuto secondo un modello mentale che è servito bene per anticipare gran parte del dopoguerra: le tensioni geopolitiche sono alle stelle tra gli Stati Uniti e uno stato recalcitrante. I suoi leader sono demonizzati. Una coalizione di delegati statunitensi riprende fedelmente l’incitamento all’odio. Vengono imposte sanzioni e iniziano i preparativi per il cambio di regime con la selezione di un “cool guy” (bravo ragazzo fantoccio) come nuovo sovrano.

Tutto accade come se la guerra fosse inevitabile, e poi la tensione svanisce inspiegabilmente. Il pallone si sgonfia (lasciando un altro stato per tornare all’età della pietra). Ma il mondo è tornato come al solito.

Potrebbe essere altrimenti questa volta? I presupposti per questo ciclo geopolitico sembrano molto diversi da quelli che ognuno di noi ha sperimentato nella propria vita. Dovremmo quindi abbandonare il modello in cui siamo così pesantemente investiti?

Forse dovremmo invece concentrarci sulle tendenze imminenti che si comportano in modo diverso rispetto a quanto previsto dal nostro vecchio modello: più persistenti sono le sorprese, più è probabile che avremo bisogno di un nuovo modello.

Una delle differenze principali è che un certo numero di cicli, sia lunghi che brevi, terminano, in modo sincronico.

Il “grande ciclo” che ora sta scendendo verso “emissioni nette zero” è quello innescato in Europa dalle politiche identitarie radicali della Rivoluzione francese. Ha iniziato uccidendo la vecchia élite, poi ha continuato a divorare i suoi stessi autori, prima di installare finalmente un imperatore (Napoleone). I francesi deposero un’élite, ma finirono per crearne una nuova: noiosa, compiaciuta e burocratica.

Certo, gli imperi esistevano da millenni, ma la loro virtù era che erano stati guidati da una vigorosa energia culturale, fino a quando l’impulso delle energie svanì in un fruscio tra le foglie. Una certa eredità della Rivoluzione francese è infatti filtrata in Occidente, ma piuttosto nella forma negativa di una noia per la vita che ha una parvenza di significato. Invece, la vita è diventata esistenziale, nichilista, amorale e predatoria, il nuovo modus “Imperiale”, in poche parole.

“Andate al diavolo. Yankeees di merda”, recita lo striscione in America Latina

Questo ciclo si conclude proprio perché il resto del mondo lo vede “nudo” – un imperatore nudo – un primato avido, giustificato da una superiorità autoattribuita, che può aver avuto una certa validità, ma che oggi è sprofondato nel narcisismo e nella sociopatia – ha risvegliato l’anticultura e la disfunzionalità militarizzata, usati come strumenti coercitivi per “governare”.

Non c’è da stupirsi che il resto del mondo stia resistendo. Sono stufi del meme binario occidentale “con noi o contro di noi”. Nelle parole di Sinatra, “L’ho fatto a modo mio”. Sono il loro “campo”.
La scorsa settimana, il ministro dell’Energia saudita, il principe Abdulaziz , ha detto tra gli applausi: “Continuo ad ascoltare, sei con noi o contro di noi? C’è un posto per “Siamo per l’Arabia Saudita e per il popolo saudita”? “.

Il manifesto Valdai del presidente Putin esprimeva succintamente questi sentimenti: Stati sovrani che perseguono il proprio modo di esistere civilizzato.

Ma gli altri prerequisiti di oggi sono davvero molto diversi dal nostro modello mentale predefinito: questa volta, l’America non sta facendo un esempio di “Libia”. Attacca sia la Russia che la Cina – e allo stesso tempo!

Alla fine della seconda guerra mondiale, gli Stati Uniti erano l’officina manifatturiera del mondo. L’Occidente “possedeva” l’energia e le risorse (prese da tutto il mondo). Oggi è il contrario: l’Occidente ha una montagna di “beni” cartacei, ma il resto del mondo ha materie prime.

Quindi i cicli complementari di dominio energetico, dominio del dollaro e dominio delle sanzioni sono tutti in declino. Ad aggravare questa concatenazione, le economie occidentali sono alla vigilia di un (ancora sconosciuto) fallimento sistemico nella sfera finanziaria fortemente indebitata. In altre parole, ora o mai più per i Democratici americani. Se c’è una grave crisi finanziaria, vengono “fritti”.

Il presidente Putin, nel suo discorso a Valdai, lo ha detto molto chiaramente:

“Il mondo unipolare sta volgendo al termine. Il mondo si trova a una svolta storica, alla vigilia del decennio più pericoloso e importante dalla seconda guerra mondiale… La situazione è, in una certa misura, rivoluzionaria… perché le classi superiori non possono e le classi inferiori non vogliono più vivere come quelle precedenti”.

È tutto in gioco e Washington lo sa. Non intendono fare di Biden un Luigi XVI, né essere imbarcati metaforicamente in una carovana di burattini.

Per questo il presidente Putin mette in guardia da questo pericolo e offre all’Occidente una via d’uscita: il riconoscimento di altre polarità di civiltà.

Il mondo si sta allontanando dal globalismo guidato dagli Stati Uniti verso sfere commerciali distinte e autonome. Si allontana anche dalle strutture centralizzate, dall’intergovernamentalismo.
Anche in Occidente questo sta diventando evidente, mentre queste vecchie rivalità e animosità europee affiorano alla superficie di un progetto europeo del dopoguerra pensato proprio per far sparire i sentimenti nazionali sotto una copertura di “prosperità per tutti” e valori “insipidi “liberali. L’Europa sta lentamente diventando multipolare!

In Europa, il riconoscimento delle polarità nazionali e il ritorno alle origini del libero scambio può rivelarsi la via d’uscita dalle fratture che si stanno acuendo a livello europeo.

Tuttavia, la Washington di Biden apparentemente non è disposta ad ascoltare. Sembra determinato a dimostrare che “egli governa”, anche se ciò significa che governa dalle rovine (cioè l’Europa), mentre Biden incespica verso il suo “principato” Armaghedon per salvare l ‘”ordine liberale”.

Alastair Crooke

fonte: Al Mayadeen

Traduzione: Gerard Trousson

6 Commenti
  • Vito Ernesto Baggi
    Inserito alle 22:00h, 07 Novembre Rispondi

    Direi che hai ragione per quanto riguarda il futuro tecnologico dell’umanità, ma probabilmente non sai e pertanto non puoi considerare che chi gestisce la specie umana ha una particolare ritualità. Ogni cambio di casa oroscopica (2160 anni nel computo della precessione equinoziale), lo scettro della sovranità passa da un’area ad un’altra del pianeta terra. Nell’era dei pesci la sovranità è appartenuta all’occidente, ma con l’arrivo recente dell’era dell’acquario lo scettro è passato all’oriente e vi resterà per i prossimi 2160 anni. Per questo l’oriente vincerà l’attuale disputa che vede l’occidente recalcitrante nel cedere il potere. Ma è ineluttabile, la battaglia è senza alcuna possibilità di vittoria per l’occidente.
    Chi vivrà, vedrà.

  • Milan
    Inserito alle 23:34h, 07 Novembre Rispondi

    L” impero del male USA assieme alle sue nazioni satelliti UK-UE tutte con regimi dittatoriali fantoccio Filo-USA per poter ESISTERE queste nazioni Capitaliste “Democratiche ” Fasciste -Mafiose hanno bisogno di schiavi sotto pagati sia di manodopera indigena sia straniera clandestina .
    Il regime dittatoriale cattolico-fascista-democratico-scafista-mafioso senza partecipare a guerre di invasione e depredazione USA e senza gli stranieri clandestini andrebbe subito a puttane .
    In tutti i paesi USA-UK-UE abbiamo una classe politica tutta composta “nobili ” privilegiati parassiti ladri incapaci creati e comandati da capitalisti parassiti che vivono grazie a delle rendite fittizie create dai stessi governanti USA-UK-UE che controllano .
    USA-UK-UE sono come le tribù BARBARE che per poter vivere dovevano creare una scusa per far guerra e d invadere una nazione per depredarla .
    Purtroppo l” Impero Barbaro Americano (USA ) è in declino anche le nazioni UK-UE sono in forte declino e per far quadrare i conti bisogna invadere e depredare o la Russia o la Cina !
    Come antipasto forse andrebbe bene l” Iran ai Barbari Predatori Occidentali !

  • antonio
    Inserito alle 07:25h, 08 Novembre Rispondi

    come nel 1492 – i satana Ladroni bruciano gli araldi della Verità Giustizia e Logica –
    i Crucifige tornano a galla- han la croce di fuoco come arma –
    Spartaco – Cristo – Giordano Bruno – Kennedy – Luciani – Moro – Assange – Dugina
    i profeti martiri

  • Giorgio
    Inserito alle 08:55h, 08 Novembre Rispondi

    Ma dov’è la complicità ?????
    Il mondo è occupato militarmente da 800 basi USA e NATO … non vedo altrettanto da parte di Russia / Cina …
    USA-UK-NATO-UE arrestano ASSANGE, uccidono SOLEIMANI e DUGINA, rovesciano GHEDDAFI e SADDAM, ci provano prima con CHAVEZ e poi MADURO, CASTRO, ORTEGA, KIM YONG UN, ASSAD, KOHMEINI, CASTRO, scatenano golpe, “primavere” arabe, rivoluzioni colorate, attentati terroristici a gasdotti e ponti …
    Russia, Cina, Iran, Siria, Venezuela, Cuba, Nord Corea, Yemen, Hezbollah, Palestinesi, non fanno altrettanto, provano solo a resistere per sopravvivere all’impero del male anglo sionista e ai suoi complici ….

  • Nuccio Viglietti
    Inserito alle 10:18h, 08 Novembre Rispondi

    Via dalla pazza Washington…!!…https://ilgattomattoquotidiano.wordpress.com/

  • Sando Kan
    Inserito alle 20:59h, 08 Novembre Rispondi

    Rebus intricatissimo e imprevedibile. Urge rivolgere un consulto al Mago Otelma.

Inserisci un Commento