VENEZUELA: CAMBIAMENTO DEL REGIME AD OPERA DEGLI STATI UNITI IN CORSO


Di Daniel McAdams

Quando i neocon vollero invadere l’Iraq e rovesciare il suo governo, passarono molto tempo cercando di convincere il mondo che non volevano solo invadere l’Iraq e rovesciare il suo governo. No, era tutta una reazione sull’attentato dell’11 settembre e sulle armi di distruzione di massa e sulla sicurezza nazionale degli Stati Uniti e alla fine si decise di agire sulla base “dell’umanitarismo” . Saremmo stati accolti come liberatori, dissero i responsabili USA. Hanno cercato di risolvere il caso nel corso di mesi e persino anni e hanno persino coinvolto il Congresso nello sforzo di dimostrare il loro “umanitarismo”: l’Iraq Liberation Act è stato approvato nel lontano 1998!

Adesso è tutto diverso. A gennaio, alla vigilia del secondo mandato del presidente venezuelano Nicolas Maduro, un politico quasi sconosciuto in Venezuela (Juan Guaidò) ha ricevuto una chiamata dal vicepresidente degli Stati Uniti Mike Pence che lo esortava a invocare l’articolo 233 della costituzione venezuelana e si dichiara “presidente ad interim”. Pence ha promesso il sostegno degli Stati Uniti per l’operazione diretta a rovesciare il presidente venezuelano eletto a favore di un politico che non era mai nemmeno riuscito a diventare presidente del Venezuela. Ah, ma hanno affermato che le condizioni specificate nell’articolo 233 della Costituzione venezuelana sono state incontrate per questo oscuro politico, il presidente dell’Assemblea nazionale Juan Guaido, per assumere l’incarico di presidenza. Ovviamente l’articolo 233 non dice nulla di simile , ma il cambio di regime degli Stati Uniti si è espresso correttamente contando su un media mainstream conforme per lasciare che tale interpretazione sia quella imposta da Washington.

Controllare le loro affermazioni è in realtà abbastanza semplice, in quanto l’ articolo 233 è piuttosto semplice. Descrive sei scenari in cui il capo dell’assemblea nazionale può temporaneamente assumere i compiti del presidente per 30 giorni con l’esplicito scopo di tenere un altro voto per riempire il seggio presidenziale vacante. Nessuna delle condizioni è stata soddisfatta. Mentre è assurdo affermare che la politica estera degli Stati Uniti dovrebbe essere guidata dal desiderio di imporre la costituzione di un altro paese (mentre violando la nostra), anche se dovessimo permettere che ciò accadesse in questo caso non ci sarebbe la giustificazione di alcun espediente legale per riconoscere Juan Guaido come Il presidente del Venezuela

Ma la legalità non ha mai infastidito i neocon nella loro ricerca globale di omicidi e disordini.

La punta della lancia degli attacchi statunitensi contro il Venezuela allo scopo di installare il suo burattino in carica non è altro che un enorme deposito di “aiuti umanitari” sul lato colombiano del confine che è stata consegnata la scorsa settimana dagli Stati Uniti tramite un aereo da trasporto militare accompagnato da personale militare statunitense.

E chi è lì a terra per supervisionare la consegna di questo “aiuto” al Venezuela? Nessuno tranne il personaggio, Elliott Abrams , la cui specialità è nascondere le armi nelle spedizioni di aiuti umanitari , ! (Vedi la spedizione di armi ai Contras in Nicaragua).

Qualcuno vuole scommettere che ci sono un sacco di armi in questa spedizione di “aiuti” in Venezuela per armare i ribelli? Ci verrà detto, naturalmente, che si tratta solo ribelli “moderati”!

Proteste di piazza in Venezuela

Ogni operazione di cambio di regime degli Stati Uniti ha alcune delle sue caratteristiche uniche, ma questa è particolarmente cinica: l’uso di armi e cibo e la militarizzazione della consegna di queste.

Tuttavia dicono che “Maduro rifiuta gli aiuti internazionali umanitari mentre il suo popolo sta morendo di fame”! “Lui sta praticamente buttando i bambini dagli incubatori! “Tranne che in realtà non rifiuta gli aiuti umanitari. Recentemente il Venezuela ha ricevuto una spedizione di 900 tonnellate di aiuti da Cina, Cuba, Turchia e Russia (i media però non ne parlano). Anche l’ONU e altre agenzie di soccorso internazionali stanno fornendo aiuti. Il governo venezuelano rifiuta solo gli aiuti che arrivano sui trasporti militari statunitensi trasportati da personale militare statunitense il cui comandante in capo ha apertamente promesso di rovesciare il governo.

Trump avrebbe forse bloccato una spedizione di aiuti proveniente dal Messico da una Cina che stava rovesciando il governo degli Stati Uniti? Consegnato da membri armati dell’esercito cinese?

In questo caso è come il cavallo di Troia ma non si sono nemmeno preoccupati di nascondere il cavallo!

Così il 23 di Febrìbraio è il giorno della resa dei conti, dove il “Presidente” auto-nominato Guaido ha attraversato la vicina Colombia per essere affiancato dal presidente colombiano e portare personalmente negli Stati Uniti aiuti “umanitari” alle guardie di confine del governo venezuelano. È una ricetta per un bagno di sangue e questo è esattamente ciò che vogliono i neocon. Il VP Mike Pence sta istigando questo bagno di sangue e, senza sorprese, lo inquadra come una sorta di guerra santa religiosa mentre dice “¡Vayan con Dios!” – vai con Dio.

A quanto pare, alcuni dei camion degli aiuti hanno preso fuoco (sono stati bombardati o sabbottati?), Fornendo così una massiccia vittoria di pubbliche relazioni per i neocon e per i cambi di regime: “Maduro sta bruciando l’assistenza umanitaria degli Stati Uniti mentre la gente muoiono di fame! I negozi sono tutti vuoti! ” Tuona la propaganda USA.

Ma … come ha scoperto il giornalista investigativo statunitense Max Blumenthal , i camion non sono vuoti. È un’altra bugia degli Stati Uniti.

Ogni operazione istigata dal “cambio di regime” da parte degli Stati Uniti deve avere la presenza di cecchini, che servono allo scopo critico di iniettare la paura bollente e bianca nella popolazione e mobilitare anche la parte superiore delal gente, non messa all’azione. E proprio al momento giusto, il Venezuela ha ottenuto i suoi cecchini ! “Uomini mascherati” che sparano a caso i manifestanti. Naturalmente la popolazione locale li porterà ad essere sotto copertura forze di sicurezza governative che sparano a innocenti disarmati e inizieranno a schierarsi con le forze anti-Maduro. Tranne che molto probabilmente saranno le forze di opposizione armate o forse anche gli stranieri (leggi: CIA) inviati per svolgere questo compito critico.

Camion di “aiuti umanitari” in fiamme a Cucuta

Questo è esattamente quello che è successo al Maidan in Ucraina. Era il fuoco dei cecchini tra la folla che mobilitava la popolazione contro Yanukovich e in favore della rivolta. Tranne che le persone che hanno sparato si sono rivelate essere presenti fra i manifestanti !

Il miliardario britannico Richard Branson in qualche modo è riuscito – miracolo dei miracoli – ad organizzare in poco più di una settimana (!!) una importante conferenza internazionale di musica pop al confine colombiano con il Venezuela per mostrare presumibilmente ai venezuelani le vite incantate che porteranno se rovesceranno solo il loro Presidente. Normalmente l’organizzazione di un evento del genere richiede mesi o più, ma in qualche modo Branson è riuscito a farcela in pochi giorni. Archivialo sotto “cose ​​che ti fanno meraviglia”.

I concerti di musica pop sono anche caratteristiche comuni quando è in atto un cambio di regime. Ricordo di essere stato a Minsk, in Bielorussia, per le elezioni presidenziali del 2005, dove gli Stati Uniti avevano appoggiato un candidato per opporsi al popolare e popolare Alexander Lukashenko. Lì, un concerto rock “estemporaneo” fu inscenato illegalmente nel parco cittadino dopo che il silenzio della campagna pre-elettorale era entrato in vigore. Il concerto illegale si è trasformato in una manifestazione politica per l’opposizione sostenuta dagli Stati Uniti e il candidato sostenuto dagli Stati Uniti è apparso alla conferenza.

E di nuovo, secondo lo schema, Juan Guaido, sostenuto dagli Stati Uniti, si è presentato al concerto pop di Branson e lo ha trasformato in un raduno politico! Un copione sempre uguale.

Ma un problema c’è stato per i pianificatori del colpo di stato: nessuno ha partecipato al grande sforzo di Branson. Mentre il Washington Post sosteneva che 200.000 persone si erano presenti nell’arena del concerto, in questi giorni di fotografia di droni possiamo dire che l’effettiva partecipazione era di circa un decimo di quel numero.

Finora il golpe americano non si è concretizzato in Venezuela. L’esercito è rimasto sostanzialmente fedele. Ma questa non è una vittoria per Maduro: i neocon e gli sorzi per i cambi di regime ora aumenteranno la spirale di violenza. Ora lo faranno nel modo più duro.

L’aiuto “umanitario” che pende appena oltre il confine in Colombia non ha lo scopo di aiutare la popolazione. Ha lo scopo di facilitare il cambio di regime. È una vittoria per i pro cambia-regime: se le spedizioni lo fanno in Venezuela, dimostra che Maduro ha perso la presa; se Maduro riesce a mantenere le casse degli Stati Uniti fuori dal suo paese, sottolinea la narrativa “sta morendo di fame al suo stesso popolo” e probabilmente metterà in atto una richiesta R2P di “giustificare” uno sforzo militare internazionale per rovesciarlo. Questo è il modello della Libia combinato con il modello Siriano. Il risultato sarà un massacro e una decimazione dell’economia del Paese che già si trova in un basso tenore di vita.

È una guerra degli Stati Uniti su una nazione sovrana e il Congresso tace. I liberali contro la guerra sono silenziosi. I libertari sono così ipnotizzati dalla parola “socialista” usata per descrivere l’economia venezuelana che molti hanno abbandonato il principio di non aggressione e stanno facendo il tifo per un’operazione dello stesso governo degli Stati Uniti che molti di loro non credono siano sufficientemente competenti per costruire anche strade a casa loro!

Nessuno si preoccupa di fermare questo ridimensionamento di tutte le operazioni di cambio di regime USA fallite perché nessuno sembra vedere che questo è quello che è realmente. Le bugie sono apertamente fluenti e debitamente amplificate dai media mainstream. “Oh … sì … funzionerà questa volta” (dicono a Washington).

Fonte: Eurasia review.com

Traduzione: Luciano Lago

Inserisci un Commento

*

code