Veicoli militari israeliani hanno schiacciato intenzionalmente decine di palestinesi: Euro-Med

L’ultimo incidente è avvenuto il 29 febbraio, quando le truppe israeliane hanno investito un palestinese poco dopo essere stato rilasciato dalla detenzione.
Durante il prolungato bombardamento israeliano della Striscia di Gaza, le truppe israeliane hanno investito civili palestinesi con carri armati e altri veicoli militari corazzati in diverse occasioni, uccidendo decine di persone, secondo un rapporto Euro-Med pubblicato il 4 marzo.

Euro-Med Monitor ha riferito che l’esercito israeliano ha colpito a morte un uomo palestinese nella zona di Al-Zaytoun di Gaza City il 29 febbraio, dopo la sua detenzione. Dopo essere stato sottoposto a un severo interrogatorio, l’uomo è stato trattenuto con manette di plastica. Successivamente è stato investito da un veicolo militare, che gli è passato deliberatamente sopra dai piedi alla testa.

Secondo i resoconti dei testimoni oculari forniti al team Euro-Med, l’incidente è avvenuto in via Salah al-Din nel distretto di Zaytoun. Testimoni hanno riferito che i soldati israeliani hanno ammanettato le mani della vittima e poi l’hanno investito, indicando che era vivo prima di essere schiacciato dal peso del veicolo.

L’organizzazione per i diritti umani ha anche riferito che l’esercito israeliano è stato coinvolto in altri incidenti di natura simile.

Il 23 gennaio, un carro armato israeliano ha calpestato i membri della famiglia palestinese Ghannam mentre dormivano in una roulotte nella zona delle Torri Taiba di Khan Younis. Il padre e la figlia maggiore della famiglia sono stati uccisi durante l’attacco, secondo Amina, la sorella più giovane.

Euro-Med ha anche segnalato casi di carri armati e bulldozer israeliani che hanno demolito e abbattuto le tende che ospitavano sfollati all’interno del cortile dell’ospedale Kamal Adwan a Beit Lahia il 16 dicembre 2023.

Anas al-Sharif, corrispondente arabo di Al Jazeera a Gaza, ha descritto l’attacco come “un massacro terrificante con scene indicibili. Quello che l’occupazione israeliana ha fatto all’ospedale Kamal Adwan è un crimine orribile contro i cittadini e il personale medico”.

Molte di queste esecuzioni consecutive avvengono dopo che la Corte internazionale di giustizia (ICJ) ha stabilito che Israele è “ plausibile ” per aver commesso un genocidio il 26 gennaio, esortando Tel Aviv a prevenire ulteriori vittime e ad astenersi completamente dal commettere atti che costituiscano un genocidio.

In seguito alle richieste della Corte Internazionale di Giustizia, alla fine di febbraio l’esercito israeliano aveva inoltre ucciso oltre 3.847 palestinesi a Gaza.

Dal 7 ottobre, le forze israeliane hanno ucciso oltre 30.000 civili, più della metà dei quali erano donne e bambini. Inoltre, circa l’80% della popolazione di Gaza è stata sfollata con la forza a causa della distruzione causata dai frequenti attacchi aerei di Israele.

Fonte: The Cradle

Traduzione: Luciano Lago

Carri armati israeliani
Striscia di Gaza
Palestina

9 commenti su “Veicoli militari israeliani hanno schiacciato intenzionalmente decine di palestinesi: Euro-Med

  1. Ormai i crimini efferati e intenzionali dei nazi adunchi non si contano più … possiamo aspettarci da quest sozzura etica, politica, e per me anche genetica qualsiasi cosa, anche la più orrenda.

    Cari saluti

    1. Video sei molto ignorante ? Non lo sai che dagli anni 80 è vietato negli USA e nei paesi satelliti con regimi Filo-USA diffondere video – foto non ritoccate ad arte di crimini compiuti dagli USA -NATO-ISRAELIANI ?
      Un video ritoccato o falso di inesistenti crimini Palestinesi si può diffondere sia per TV sia nella rete internet Italia ovunque e a gran cassa !
      Un video reale di crimini USA-NATO-ISRAELIANI è sempre censurato !

  2. Cio testimonia quello che sostengo da anni. Le istituzioni ormai servono solo ad opprimere la popolazioni, quelle statali, dei propri paesi e basta. Usando leggi ingiuste, giustizia malata e poliziotti asserviti. Faccio l’ esempio della missione Aspides o dell’ intervento in Jugoslavia. Il nostro parlamento non ha mai discusso né autorizzato tali interventi. Sono stati solo messi davanti a fatto compiuto, alla quale è arrivata posticcia la ratifica. QUESTA NON E’ PIÙ DEMOCRAZIA, intesa come volontà popolare. È la UE a decidere, o la Nato, con accordi politici senza veri passaggi istituzionali. Siamo in mano a dittatori di turno. Le istituzioni internazionali hanno anche meno potere di quelle nazionali.

  3. Risultato del voto al senato che autorizza la missione nel mar Rosso: 271 si e 6 no, solo quelli della alleanza verdi-sinistra, cioè i migliori sarebbero quelli come Bonelli che vuole istituire il reato di “negazionismo climatico” … Quanto agli altri, spiccano le frasi di Tajani … “è una missione difensiva” (!????), e quelle di Renzi … “il mar Rosso è casa nostra” … (!?????) … dopodichè ho cambiato canale … non c’è bisogno di ulteriori commenti !!!!!!

  4. se prima dell’8 ottobre parlavo di “sionisti”, ora utilizzo semplifico utilizzando il termine “ebrei”. Molto probabilmente sbaglierò solo di qualche punto percentuale e, quindi, la mia approssimazione risulta accettabile!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM