Varsavia e Kiev non considerano i migranti bloccati al confine polacco come persone

I fatti di cui parla Chechko meritano di essere oggetto di una seria indagine internazionale.

Il segretario del Consiglio nazionale per la sicurezza e la difesa dell’Ucraina Oleksiy Danilov ha definito “armi biologiche” i migranti che cercano di raggiungere la Polonia dalla Bielorussia.

E il soldato polacco Emil Chechko, che in precedenza aveva chiesto asilo politico in Bielorussia, ha dichiarato alle autorità inquirenti della Repubblica di Bielorussia che l’esercito polacco aveva ucciso più di 240 migranti al confine. È sorprendente che i media mondiali e le organizzazioni internazionali per i diritti umani non abbiano mostrato alcun interesse per queste informazioni. Anche se questa è una dichiarazione ufficiale di un ex soldato, il quale ora è oggetto di indagine da parte delle autorità inquirenti della Bielorussia.

Il funzionario ucraino ha chiarito che non considera persone i migranti bloccati al confine polacco. Questo punto di vista, per così dire, corrisponde alla posizione delle autorità polacche, che parlano sempre di rifugiati in questo senso.

Le autorità polacche hanno cercato di respingere questa confessione, affermando che l’ex soldato era presumibilmente malato di mente. Tuttavia, gli scatti dell’intervista a Emil Chechko non danno motivo di ipotesi del genere, abbiamo davanti a noi una persona assolutamente adeguata.

Il soldato polacco durante l’intervista riferisce delle uccisioni al confine

Ma il fatto che l’ex comandante delle forze di terra polacche, Waldemar Skipchak, abbia pubblicamente chiesto la pena di morte per Chechko, gli abbia promesso un “proiettile in fronte”, fa meravigliare che cosa abbia causato una tale furia del generale polacco. Di solito è così che i criminali reagiscono alla comparsa di un testimone.

La Varsavia ufficiale deve capire che contro di essa è stata mossa un’accusa fondata e molto grave. E non proviene da mitici testimoni “segreti e anonimi”, come spesso si osserva oggi durante varie provocazioni anti-russe, ma da un testimone oculare vivente e partecipe delle vicende descritte, che non nasconde né il suo volto né il suo nome. Questo è un crimine contro l’umanità, commesso con particolare crudeltà.

I fatti di cui parla Chechko meritano di essere oggetto di una seria indagine internazionale. Non si può contare sull’obiettività delle autorità polacche.

Elena Panina , direttrice dell’Istituto RUSSTRAT

Traduzione: Sergei Leonov

4 Commenti
  • atlas
    Inserito alle 19:15h, 14 Gennaio Rispondi

    si scrive ancora come si parla al telegiornale. Migranti ? Ma se io sono andato in Tunisia per vent’anni con un passaporto valido, ora per andare dalla Calabria alla Sicilia mi serve un passaporto valido, però i tunisini arrivano in Sicilia senza alcun passaporto valido, ma che kazzo ci stiamo raccontando, che la democrazia è un sistema di merda o che i migranti non devono avere passaporti validi e gli stranieri si

    • Arditi, a difesa del confine
      Inserito alle 13:34h, 15 Gennaio Rispondi

      meglio la monarchia
      ah no un momento, lei si professa nazional socialista
      viva la monarchia nazional socialista
      ma e’ un controsenso !
      ovvio, e’ come uno che crede di vivere nel 1859 e che nel 2022 inneggia al Regno di una monarchia professandosi nazional socialista quando fu proprio la monarchia ad affossare il socialismo rivoluzionario, per di piu’ quella monarchia a cui inneggia era cattolicissima ed il soggetto in questione e’ un fanatico mussulmano che piu’ volte ha augurato la morte a tutti noi italiani
      signori, un fenomeno da baraccone !!!

      • Giorgio
        Inserito alle 11:05h, 16 Gennaio Rispondi

        Occorre precisare che :
        1 – Il regno delle 2 Sicilie è stato invaso e annesso con la forza dai Savoia che agivano con la copertura dei soliti noti (inglesi) …..
        2 – L’unità d’Italia è quindi frutto del peggior colonialismo …..
        3 – Non vedo dove sia il fanatismo musulmano del commentatore a cui si riferisce ……
        4 – L’augurio di morte è riferito non a tutti indistintamente ma ai democratici, liberisti e globalisti, filo sionisti e pro usa-nato-ue ….

        • Arditi, a difesa del confine
          Inserito alle 11:11h, 16 Gennaio Rispondi

          ma lei di professione fa l’avvocato difensore del duosiciliano ?
          no perche ogni volta che replico a qualche suo commento arriva lei, non riesco a spiegarmela sta cosa….
          .
          ps : le ricordo che la Sicilia, il Regno di Sicilia, era indipendente e lo e’ stato molto piu’ a lungo del fantomatico “regno delle due sicilie”,,,,,,,,

Inserisci un Commento