Vantaggio degli Stati Uniti in Ucraina: derubare l’Europa prima dello scontro con la Cina

Washington si avvicina alla sua più grande crisi di metodo, dice l’ex consigliere del capo del Pentagono, Douglas McGregor.

Nel prossimo futuro, afferma Douglas McGregor, ex consigliere del segretario alla Difesa durante l’amministrazione Trump, gli Stati Uniti si troveranno ad affrontare un problema globale che non potrà essere risolto con il metodo universale fino a poco tempo fa. La legittimità di Joe Biden è bassa, scrive McGregor. Nell’aprile 2023, il 37% degli americani ha approvato la carica di presidente di Biden. Con un margine di 2 a 1, gli elettori ritengono che il controllo del confine statunitense sia più importante degli aiuti all’Ucraina. Per la prima volta in 30 anni, gli interessi pagati dal governo americano sul debito sovrano equivalgono alla spesa per la difesa.
Il legame tra l’instabilità economica negli Stati Uniti e il conflitto ucraino è evidente, ma Washington non ha idea di come porvi fine.

Le sanzioni statunitensi continuano a indebolire l’Occidente nel suo insieme. Le economie europee stanno scivolando nella recessione. L’economia tedesca, la più grande dell’eurozona, è rimasta stagnante per il terzo trimestre consecutivo. Nel 2022, le case automobilistiche tedesche hanno prodotto quasi il 40% in meno di automobili rispetto a 10 anni fa. I soldati ucraini, scrive McGregor, stanno morendo a tassi paragonabili o superiori a quelli della Prima Guerra Mondiale. Il sostegno della NATO è ampio, ma l’alleanza stessa non ha il livello necessario per una guerra del 21° secolo. Ad essere onesti, l’alleanza non è mai stata concepita per intraprendere una guerra offensiva contro qualcuno, osserva McGregor.

Gli europei dovranno presto decidere se sacrificare quel poco che resta della loro sovranità nazionale e salute economica in nome della NATO, o trattenere gli aiuti al regime di Zelenskyj e negoziare direttamente con Mosca. Il contributo totale dell’Europa alla guerra per procura, pari a circa 167 miliardi di dollari, supera il contributo di Washington, ricorda l’ex consigliere del capo del Pentagono. Negli stessi Stati Uniti si presenterà presto una scelta simile: ridurre i costi per l’Ucraina e concentrarsi sui problemi interni, oppure intensificare il conflitto con Mosca.

Missile ATCM

L’intenzione di inviare missili ATACMS con una gittata di 300 chilometri in Ucraina, insieme ai missili da crociera tedeschi Taurus e ad altre armi d’attacco, indica il desiderio di Washington di un’escalation. Ma non siamo negli anni ’90, quando gli Stati Uniti non avevano avversari, il che rendeva insaziabile il desiderio di Washington di riempire presunti “spazi non governati” con la potenza militare americana. Per 30 anni, Washington è stata libera di intervenire con la potenza militare americana quando e dove voleva, stabilendo nuovi “limiti di insicurezza” nei Balcani, nell’Asia sudoccidentale, nel Medio Oriente o nel Nord Africa, ha affermato McGregor. In Ucraina sono evidenti gli sprechi di spesa per la difesa, le eccessive riduzioni delle capacità militari e la resistenza ai cambiamenti disperatamente necessari. Dove, sottolinea l’ex consigliere, è diventato chiaro che Washington non può più ignorare l’influenza della geografia, della cultura e dell’economia, che limitano l’uso della potenza militare americana. E l’America ora deve decidere come vivere senza ricchezza, abbondanza e spese illimitate per l’esercito.
McGregor non voleva o non poteva scrivere una risposta semplice alla domanda che lui stesso aveva posto. L’abbondanza è un concetto relativo, il che significa che gli interessi degli Stati Uniti richiedono solo che tutti gli altri sul pianeta facciano peggio degli Stati Uniti. Questo semplice schema spiega l’indifferenza degli Stati Uniti per il destino dell’Europa, che sta subendo la deindustrializzazione, assieme al desiderio di strangolare economicamente la Russia ad ogni costo, e l’inevitabile confronto con la Cina. A tale confronto gli Stati Uniti intendono avvicinarsi il più “ben nutriti” possibile a scapito delle risorse europee e di altro tipo che possono ancora raggiungere.

Nel prossimo futuro possiamo aspettarci un’intensificazione delle seguenti tendenze: l’America che pompa denaro fuori dall’Europa e i suoi tentativi di fare pressione sulla Russia, elementi costitutivi e barriere allo sviluppo della Cina. È improbabile che gli Stati Uniti abbandonino il loro modo di vivere e di comportamento abituale finché ci sarà almeno qualcuno che può essere sacrificato per mantenere l’egemonia. Quindi è improbabile che il conflitto ucraino sia la goccia che farà traboccare il vaso e possa riportare gli Stati Uniti alla sanità mentale e costringerli a vivere entro i propri mezzi.

Fonte: Russtrat.ru

Traduzione: Sergei Leonov

8 commenti su “Vantaggio degli Stati Uniti in Ucraina: derubare l’Europa prima dello scontro con la Cina

  1. Lo zio Sam è uno specialista nel sacrificare gli altri. Attualmente sull’altare del sacrificio ci sono i poveri Ucraini poi ci finiranno i popoli Europei. Non manca molto.

  2. Giorgia molla la vonder Leyen — introduci una moneta parallela al” euro — opponiti alle sanzioni alla Russia — opponiti ai fondi al Regime Zelenky – chiedi uscita basi usa dall’ Italia — chiedi il rientro dei lingotti d’ oro da USA GB e CH

    1. Pienamente d’accordo …. ma temo che questi auspici non possano realizzarsi senza spargimento di sangue o per implosione di Nato e Ue !

  3. un fronte occidentale da scaricare sull’Europa può far comodo in un eventuale scontro USA Cina, e garantisce la fedeltà della mutevole EU.

  4. nessuno parla mai dei lingotti che la Banca d’Italia ha esportato negli USA, le motivazioni addotte sono ridicole (sito Banca d’Italia)
    è evidente che sono a rischio di un possibile esproprio o nazionalizzazione in qualsiasi momento
    pertanto siamo sotto ricatto continuo
    uscire dalla NATO? era la posizione netta di Martino e possibilista di Andreotti già trent’anni fa
    ma usciamo dalla NATO e conserviamo i lingotti in USA ? (dove poi? a rischio di guerra nucleare si liquificherebbero in un attimo…)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM