Valentin Vasilescu: uno dei principali obiettivi (segreti) della Russia nella sua guerra contro l’Occidente è stato appena raggiunto

di Valentin Vasilescu (*)

Zelensky non ha ancora capito cosa cerca Putin e quindi non sa che quest’ultimo ha già raggiunto la maggior parte dei suoi obiettivi.

Ad ogni modo, l’Ucraina è una piccola formica di fronte alla potenza russa che combatte l’Occidente. Mi limiterò qui solo ad alcuni aspetti, quelli che non destano sospetti sulla diffusione di segreti militari.

I – Lo scorso dicembre Putin ha chiesto a Washington garanzie di sicurezza a causa del continuo avanzamento della NATO ai suoi confini. Non li ha ricevuti, il che significava che la Russia doveva aspettarsi un’invasione della NATO prima o poi. Poiché la Russia ha un vasto territorio, le forze di terra svolgono il ruolo principale nel respingere un’invasione della NATO e l’esercito russo ha immediatamente effettuato la valutazione.

Il personale è motivato e ben formato, come abbiamo visto nel triathlon internazionale per equipaggi di carri armati recentemente vinto a Mosca dai rappresentanti russi.

La mobilità delle forze di terra è assicurata dai veicoli corazzati russi, che esistono in gran numero, sono estremamente robusti e ben protetti. C’è anche una nuova generazione di veicoli corazzati, superiori ai veicoli occidentali (il carro armato T-14 Armata, la macchina da combattimento della fanteria T-15 e Kurganets-25, il corazzato corazzato K-16 Bumerang, l’obice semovente Koalition) pronto per la produzione di massa in caso di minaccia.

La potenza di fuoco è fornita da artiglieria e missili. L’industria chimica russa produce i combustibili solidi impulsivi più competitivi e altamente specifici, utilizzati per munizioni di fanteria, proiettili di artiglieria, razzi MLRS e missili terra-superficie Iskander. Le truppe di terra russe sono superiori a quelle della Nato per numero di punti di tiro, soprattutto nel campo dei grossi calibri: oltre 152 mm.

Tuttavia, le armi russe sono inferiori alla NATO in termini di precisione, la probabilità di neutralizzazione con un proiettile russo non guidato è inferiore del 60% rispetto a quella degli americani, che usano munizioni di precisione. Gli unici proiettili di precisione russi sono guidati dal laser: Kitolov-2 in calibro 120 e 122 mm e Krasnopol in calibro 152 o 155 mm. Gli americani usano proiettili guidati dal GPS, che sono più facili da usare e più difficili da bloccare. Quasi tutti i missili Excalibur e i missili tattici Himars MLRS e ATACMS sono dotati dello stesso dispositivo di guida americano, i cui segreti i russi non hanno ancora scoperto, per neutralizzarlo.

II – Come potrebbe la Russia ottenere informazioni sulle tecnologie avanzate delle truppe di terra della NATO , sui loro metodi di utilizzo in combattimento, ma anche trovare e testare l’antidoto per ciascuna di esse, senza provocare il confronto con la NATO? Indovina!

I leader militari russi sentivano che l’Occidente avrebbe aiutato l’Ucraina addestrando personale militare e offrendo anche armi moderne, i cui componenti di puntamento di precisione la Russia voleva testare. Poiché le possibilità degli stati della NATO erano limitate, la quantità di tali armi non poteva interferire troppo con l’operazione speciale della Russia. Per i russi, quindi, si trattava di testare le armi occidentali, non in condizioni di tiro, ma in situazioni di combattimento reali.

Il GRU è stato incaricato di sviluppare un piano per la ricerca di alcuni tipi di armi guidate dalla NATO contro la Russia. Diversi gruppi delle forze speciali dell’esercito russo avevano il compito di non colpirli dopo essere entrati in Ucraina, ma di monitorare costantemente, dall’alto, utilizzando satelliti e infiltrazioni, il percorso delle armi occidentali mirate.

Putin ha anche integrato diverse centinaia dei massimi esperti russi nello sviluppo di sistemi di guida delle armi a terra nell’operazione speciale in Ucraina. Sono stati i primi a valutare le armi catturate dagli ucraini.

III – Rimaneva una grande quantità di armi sovietiche negli arsenali degli ex stati comunisti , che gli Stati Uniti potevano acquistare e consegnare all’Ucraina. Tuttavia, queste armi non interessavano ai russi e furono colpite non appena entrarono in territorio ucraino. Fin dall’inizio, il piano offensivo russo mirava a smantellare le armi ucraine che non avevano equivalenti sul mercato degli armamenti sovietico e che dovevano essere sostituite da armi di precisione appartenenti alla NATO.

La neutralizzazione di gran parte dell’aviazione ucraina, dei radar di ricognizione aerea e delle batterie di difesa contraeree il primo giorno dell’operazione speciale faceva parte di questo scenario. Gli stati della NATO hanno quindi inviato in Ucraina missili portatili FIM-92 Stinger e MISTRAL AA, radar AN/MPQ-64 Sentinel e missili anti-radar AGM-88 HARM per sostituirli.

Obici USA M777

L’equipaggiamento stabilizzato GPS degli obici M777 ha attirato l’interesse, così come le teste di homing dei missili anticarro NLAW e FGM-148 Javelin. Ma il trofeo più ambito è stato il missile M31 GMLRS, che ha la stessa testata del missile tattico ATACMS o del proiettile di artiglieria guidata Excalibur. La parte civile della rete satellitare GPS non è sicura. Ma il satellite ha anche una componente militare che fa la stessa cosa, con molta più precisione; ma l’accesso alla parte militare richiede codici di crittografia. Quello che i russi non avevano. Il 29 agosto, i russi hanno trovato un missile HIMARS inesploso con la componente di guida intatta. Lo hanno messo sul banco di prova e lo hanno fatto comunicare con un satellite americano della rete GPS. Hanno così ottenuto caratteristiche di frequenza e modulazione che aprono l’accesso al satellite. Ma anche il modello codificato per la trasmissione delle coordinate GPS del satellite. Ora i russi possono rilevare qualsiasi richiesta di coordinate GPS e, al posto del segnale satellitare, sintetizzano un segnale più forte per dirottare il missile e inviarlo in background.

Satelliti e aerei da ricerca provenienti dagli Stati Uniti e da altri paesi della NATO pattugliano costantemente il Mar Nero nordoccidentale, ai confini della Romania, della Polonia e degli Stati baltici. Trasmettono tutti i movimenti delle truppe russe allo stato maggiore ucraino tramite una linea dati segreta. Sorprendentemente, i russi non l’hanno strapazzato, segno che lo stanno studiando con molta attenzione. La struttura e le ramificazioni di questa linea dati, così come la decodifica delle caratteristiche del segnale radio, sono di grande interesse per la Russia perché, in caso di invasione del Paese da parte degli eserciti NATO, le truppe saranno coordinate tramite questa linea.

*Valentino Vasilescu

(specialista ed esperto militare) Pilota di aviazione, ex vice comandante delle forze armate dell’aeroporto di Otopeni, si è laureato in scienze militari presso l’Accademia di studi militari di Bucarest nel 1992.

Traduzione: Luciano Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM