USA-NATO contro Russia-Cina in una spietata guerra ibrida

di Pepe Escobar.

Il momento unipolare è sei piedi sotto terra, l’egemone proverà a rompere l’integrazione eurasiatica e non c’è nessun adulto nella stanza a consigliare moderazione.

Cominciamo con il lato comico: il “leader del mondo libero” si è impegnato a impedire che la Cina (RPC) diventi la “prima” nazione del pianeta. E per adempiere a una missione così eccezionale, la sua “speranza” è di candidarsi di nuovo alla presidenza nel 2024. Non come un ologramma. E con lo stesso compagno di corsa.
Ora che il “mondo libero” ha tirato un sospiro di sollievo, torniamo alle faccende serie – nei contorni della geopolitica Shock and Awe del 21 ° secolo .

Quello che è successo nei giorni scorsi tra Anchorage e Guilin continua a riverberarsi. Mentre il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov ha sottolineato che Bruxelles ha “distrutto” il rapporto tra Russia e UE, ha insistito sul fatto che il partenariato strategico globale tra Russia e Cina era ben più solido.

In una sincronia non così casuale, mentre Lavrov è stato accolto in modo appropriato dal ministro degli Esteri cinese Wang Yi a Guilin (pranzo panoramico sul fiume Li incluso), il Segretario di Stato americano Tony Blinken ha visitato il quartier generale di James Bondish della NATO fuori Bruxelles.

Lavrov ha chiarito che il cuore del rapporto tra Russia e Cina è stabilire un asse economico e finanziario per contrastare gli accordi di Bretton Woods. Ciò significa fare di tutto per proteggere Mosca e Pechino dalle “minacce di sanzioni da altri stati”, dalla progressiva de-dollarizzazione e dai progressi delle criptovalute.
Questa “tripla minaccia” è quello che scatena la furia sconfinata dell’egemone.

A un livello più ampio, la strategia Russia-Cina implica anche che la graduale interazione tra la Belt and Road Initiative (BRI) e l’Unione economica eurasiatica (EAEU) continuerà a un ritmo costante in tutta l’Asia. Asia e Sud-Ovest asiatico: passi necessari verso un mercato eurasiatico finalmente unificato sotto una sorta di gestione strategica sino-russa.

In Alaska, il team dei Blinken-Sullivan ha imparato a proprie spese che non si può scherzare con uno Yoda come Yang Jiechi (rappresentante della RPC). Ora stanno per apprendere cosa significa confrontarsi con Nikolai Patrushev, capo del Consiglio di sicurezza russo.

Blinken in ALaska a trattare con i cinesi

Patrushev, uno Yoda proprio come Yang Jiechi, e un maestro dell’understatement, ha lanciato un messaggio non così enigmatico: se gli Stati Uniti creano “giorni di sofferenza” per la Russia, come “prevede, possono Implementare”, Washington ” sarebbe responsabile delle misure che hanno preso ”.

Cosa sta davvero facendo la NATO
Nel frattempo, a Bruxelles, Blinken ha interpretato il ruolo della coppia perfetta con la spettacolare e inefficace Ursula von der Leyen, capo della Commissione europea (CE). Lo scenario sembrava questo. “Nord Stream 2 è davvero dannoso per te. Un accordo commerciale e di investimento con la Cina è davvero un male per te. Adesso siediti. Brava ragazza “.

Poi è arrivata la NATO, che ha messo su uno spettacolo infernale, con una posa tosta di tutti i ministri degli esteri davanti al quartier generale. Faceva parte di un vertice che, come ci si potrebbe aspettare, non ha “celebrato” il decimo anniversario della distruzione della Libia da parte della NATO o il grande calcio nel culo che la NATO ha “sopportato” in Afghanistan.

Nel giugno 2020, il segretario generale Cardboard della NATO Jens Stoltenberg – in realtà per conto dei suoi manipolatori militari statunitensi – ha presentato quella che ora è conosciuta come Strategia NATO 2030 , che si riduce a un mandato politico-militare globale Robocop. Il Sud del mondo (non) è stato avvertito.

In Afghanistan, secondo un ironicamente impervio Stoltenberg, la NATO sostiene l’iniezione di “nuova energia nel processo di pace”. Al vertice, i ministri della NATO hanno anche discusso del Medio Oriente e del Nord Africa e – senza ridere – hanno discusso “cosa potrebbe fare di più la NATO per portare stabilità nella regione”. Siriani, iracheni, libanesi, libici e maliani vorrebbero saperne di più su questo argomento.

US Army in Afghanistan

Dopo il vertice, Stoltenberg ha tenuto una conferenza stampa prodigiosamente assonnata , durante la quale l’attenzione si è concentrata su – cos’altro – sulla Russia e sul suo “modello di comportamento repressivo in casa e aggressivo Fuori casa “.

Tutta la retorica secondo cui la NATO sta “costruendo stabilità” svanisce quando esaminiamo cosa si cela realmente dietro la NATO 2030, attraverso un dettagliato rapporto di “raccomandazioni” di un gruppo di “esperti “.

Impariamo i tre elementi essenziali:

L’Alleanza deve rispondere alle minacce e alle azioni ostili della Russia (…) senza tornare al ‘business as usual’, a meno che il comportamento aggressivo della Russia non cambi e la Russia ritorni al pieno rispetto del diritto internazionale”.
La Cina è descritta come uno tsunami di “sfide alla sicurezza”: “L’Alleanza dovrebbe integrare la sfida cinese nelle strutture esistenti e prendere in considerazione la creazione di un organo consultivo per esaminare tutti gli aspetti degli interessi di sicurezza degli alleati nei confronti. vis China “. L’enfasi è sulla “difesa contro qualsiasi attività cinese che possa avere un impatto sulla difesa collettiva, la prontezza militare o la resilienza nell’area di responsabilità del Comandante supremo alleato in Europa (SACEUR)”.
La NATO dovrebbe definire un piano globale (enfasi aggiunta) per utilizzare meglio i suoi partenariati per promuovere i suoi interessi strategici. Dovrebbe passare dall’attuale approccio basato sulla domanda a un approccio basato sugli interessi (enfasi aggiunta) e considerare la possibilità di fornire flussi di risorse più stabili e prevedibili per le attività di partenariato. La politica della porta aperta della NATO dovrebbe essere mantenuta e rinvigorita. La NATO dovrebbe espandere e rafforzare i partenariati con Ucraina e Georgia ”.
Alla salute di “The Triple Threat”. Tuttavia, il Top of the Top – come nei grandi succosi contratti del complesso industriale-militare – sta davvero lì:

La sfida geopolitica più profonda è rappresentata dalla Russia. Sebbene la Russia sia una potenza in declino economico e sociale, si è dimostrata capace di aggressioni territoriali e rimarrà probabilmente una delle principali minacce per la NATO nel prossimo decennio ”.

La NATO potrebbe scrivere la sceneggiatura, ma la sceneggiatura principale proviene direttamente dallo Stato profondo – con la Russia “alla ricerca dell’egemonia”, che espande la guerra ibrida (il concetto è stato effettivamente inventato dallo Stato profondo) e manipola “assassini informatici e avvelenamenti autorizzati dallo stato – usando armi chimiche, coercizione politica e altri metodi per violare la sovranità degli alleati “.

Da parte sua, Pechino usa “la forza contro i suoi vicini, così come la coercizione economica e la diplomazia intimidatoria ben oltre la regione indo-pacifica”. Nel prossimo decennio, è probabile che anche la Cina metta in dubbio la capacità della NATO di costruire la resilienza collettiva “.

Forze russe in Crimea

Il Sud del mondo dovrebbe essere profondamente consapevole della promessa della NATO di salvare il “mondo libero” da questi mali autocratici.

L’interpretazione del “Sud” della NATO comprende il Nord Africa e il Medio Oriente, anzi ovunque, dall’Africa subsahariana all’Afghanistan. Qualsiasi somiglianza con il concetto di “Grande Medio Oriente” dell’era Dubya, che non esiste più, non è casuale.

La NATO insiste sul fatto che questa vasta distesa è caratterizzata da “fragilità, instabilità e insicurezza” – rifiutandosi ovviamente di rivelare il proprio ruolo come responsabile dell’instabilità seriale in Libia, Iraq, in alcune parti della Siria e in Afghanistan.

Perché in fin dei conti… è tutta colpa della Russia: “Nel sud la sfida include la presenza della Russia e, in misura minore, della Cina, che sfruttano le fragilità regionali. La Russia si è reinserita nel Medio Oriente e nel Mediterraneo orientale. Nel 2015 è intervenuta nella guerra siriana e vi rimane. La politica della Russia in Medio Oriente rischia di esacerbare le tensioni politiche e le agitazioni in tutta la regione, poiché estende ai suoi partner una quantità crescente di mezzi politici, finanziari, operativi e logistici. Cresce anche l’influenza della Cina in Medio Oriente. Ha firmato una partnership strategica con l’Iran, è il più grande importatore di petrolio greggio dell’Iraq,

Ecco, in sintesi, e non esattamente in codice, la roadmap della NATO fino al 2030 per molestare e tentare di smantellare ogni angolo rilevante dell’integrazione dell’Eurasia, specialmente quelli direttamente collegati ai piani di infrastruttura / connettività delle Nuove Vie della Seta (investimenti in Iran, ricostruzione della Siria, ricostruzione dell’Iraq, ricostruzione dell’Afghanistan).

L’idea è quella di adottare un “approccio alla sicurezza a 360 gradi” che “diventerà un imperativo”. Traduzione: la NATO sta attaccando vaste aree del Sud del mondo su larga scala con il pretesto di “affrontare sia le minacce tradizionali provenienti da questa regione, come il terrorismo, sia i nuovi rischi, inclusa la crescente presenza della Russia e, in misura minore, , della Cina “.

Una guerra ibrida su due fronti
E pensare che in un passato non così lontano ci sono stati lampi di lucidità emanati dall’establishment americano.

Pochissimi ricorderanno che nel 1993, James Baker, ex Segretario di Stato sotto Papa Bush, avanzò l’idea di estendere la NATO alla Russia, che all’epoca sotto Eltsin e una banda libera. Gli Scambisti Milton Friedman, devastarono la Russia, ma allora era governata dalla “democrazia”. Eppure Bill Clinton era già al potere e l’idea fu debitamente esclusa.

Sei anni dopo, George Kennan, che ha inventato il contenimento dell’URSS, ha considerato l’annessione alla NATO degli ex satelliti sovietici “l’inizio di una nuova guerra fredda” e “un tragico errore”.

È estremamente istruttivo esaminare e riesaminare l’intero decennio intercorso tra la caduta dell’URSS e l’elezione di Putin alla presidenza, attraverso il libro del venerabile Yevgeny Primakov, ” Russian Crossroads: Towards the New Millennium ” , pubblicato negli Stati Uniti dalla Yale University Press.

Primakov, l’ultimo insider dell’intelligence, che ha iniziato come corrispondente per il Medio Oriente della Pravda, ex ministro degli esteri e anche primo ministro, ha osservato da vicino l’anima di Putin, in diverse occasioni, e ha apprezzato questo che ha visto: un uomo di integrità e un professionista affermato. Primakov era un multilateralista pre-letterale, l’istigatore concettuale del RIC (Russia-India-Cina) che nel decennio successivo si è evoluto nei BRICS.

Era il momento – esattamente 22 anni fa – in cui Primakov era su un aereo per Washington quando ricevette una chiamata dall’allora vicepresidente Al Gore: gli Stati Uniti erano in linea. Non era il momento di iniziare a bombardare la Jugoslavia, uno stato slavo filo russo- Alleato ortodosso, e l’ex superpotenza non poteva farci niente. Primakov ordinò al pilota di voltarsi e tornare a Mosca.

Puti e Xi Jimping alla riunione dello SCO nella pausa pranzo

Oggi, la Russia è abbastanza potente da portare avanti il ​​proprio concetto di una Grande Eurasia, che in futuro dovrebbe bilanciare e completare le Nuove Vie della Seta cinesi. È il potere di questa doppia elica – che inevitabilmente attirerà settori chiave dell’Europa occidentale – che rende vertiginosa e confusa la classe dominante dell’egemone.

Glenn Diesen, autore di ” Russian Conservatism: Managing Change Under a Permanent Revolution “, che ho analizzato in ” Why Russia Makes the West Mad ” , e uno dei principali analisti mondiali dell’integrazione dell’Eurasia, ha riassunto la situazione : “The Gli Stati Uniti hanno avuto grandi difficoltà a convertire la dipendenza dalla sicurezza degli alleati in lealtà geoeconomica, come dimostra il fatto che gli europei continuano ad acquistare tecnologia cinese ed energia russa.

Da qui la strategia permanente “Divide and Conquer”, uno dei cui principali obiettivi è forzare, corrompere e fare di tutto per convincere il Parlamento europeo a sconfiggere l’accordo commerciale e di investimento tra Cina e UE.

Wang Yiwei, direttore del Center for European Studies della Renmin University e autore del miglior libro “made in China” sulle Nuove Vie della Seta, vede chiaramente nella spavalderia “The United States is Back” (l’America è tornata): la Cina non è isolata dagli Stati Uniti Stati, dall’Occidente o persino dall’intera comunità internazionale. Più ostili si mostrano, più sono preoccupati. Quando gli Stati Uniti viaggiano per il mondo chiedendo spesso il sostegno, l’unità e l’aiuto dei loro alleati, significa che l’egemonia americana si sta indebolendo ”.

Wang prevede addirittura cosa potrebbe accadere se all’attuale “leader del mondo libero” fosse impedito di compiere la sua missione eccezionale: “Non fatevi ingannare dalle sanzioni tra Cina e UE, che sono innocue per i legami commerciali e le questioni economiche, e l’UE i leader non saranno così stupidi da abbandonare del tutto l’accordo globale di investimento Cina-UE, perché sanno che non otterrebbero mai un affare così buono quando Trump o il trumpismo torneranno al tavolo della Casa Bianca ”.

La geopolitica Shock and Awe del 21 ° secolo, così come è stata configurata nelle ultime due settimane cruciali, rende chiaro che il momento unipolare è di sei piedi sotto terra. L’Egemone non lo ammetterà mai, da qui il contrattacco della NATO, progettato in anticipo. Alla fine, l’egemone decise di non impegnarsi in accordi diplomatici, ma di intraprendere una guerra ibrida su due fronti contro una partnership strategica di concorrenti pari inesorabilmente demonizzati.

E come segno di questi tempi tristi, non c’è nessun James Baker o George Kennan a sconsigliare una tale follia.

Pepe Escobar

fonte: https://asiatimes.com

Traduzione: Luciano Lago

16 Commenti

  • antonio
    30 Marzo 2021

    i cittadini europei dovrebbero dissociarsi dai signori dei junck bond, dell’ Isis finto, del covid e della guerra sporca

    • atlas
      31 Marzo 2021

      e intanto in Brasile per il Presidente Bolsonaro non sono bei momenti: in una Nazione dove i militari contano molto si sono dimessi in dissenso i Capi di Esercito, Marina e Aereonautica. Contemporaneamente

      essendo parte del BRICS Russia e Cina devono intervenire anche lì con manovre opportune

      • atlas
        31 Marzo 2021

        ultim’ora; arrestati 2 Ufficiali dell’italia a Roma: spiavano per la Russia

  • atlas
    30 Marzo 2021

    venga presto la guerra nucleare fra Russia e usa. Con tutti sti morti di fame che hanno creato, la peggiore feccia e criminalità senza alcuna coscienza, obbligata per i soldi sarà arruolata dalle multinazionali come milizia privata (altro che polizia di stato) a imporre regole del cazzo che nulla hanno a che fare con Legge naturale e retta ragione a tutti noi: nei mercati, in treno, in discoteca, come già da anni in aeroporto, negli aperitivi/caffè, nei supermercati, grandi magazzini etc.

  • Anonimo
    30 Marzo 2021

    Ho dimora sotto corridoio aereo militare di Aviano,da qualche tempo,appena fa buio,cominciano i traffici,quasi come nei giorni caldi della Serbia e del
    Kossovo.Forse,purtroppo ci siamo.Perchè purtroppo? abito a una trentina di kilometri dalla base americana con relativo deposito di bombe atomiche.

  • sublime
    30 Marzo 2021

    Ho dimora sotto corridoio aereo militare di Aviano,da qualche tempo,appena fa buio,cominciano i traffici,quasi come nei giorni caldi della Serbia e del
    Kossovo.Forse,purtroppo ci siamo.Perchè purtroppo? abito a una trentina di kilometri dalla base americana con relativo deposito di bombe atomiche.

  • mario
    30 Marzo 2021

    L “IMPERO DEL MALE EBREO–AMERICANO, E” ALLA FINE………………. FINALMENTE
    W CINA W RUSSIA……………….. W LA LIBERTA”

  • MARIA
    31 Marzo 2021

    W LA LIBERTA’ esulta lo sciocco! Di quale liberta’ lo sa’ solo lui.

  • atlas
    31 Marzo 2021

    (non lo vorrei) ma se i giudei (usa), concordino con gl’idolatri (Cina) di distruggere l’unica grande potenza veramente religiosa cristiana rimasta (Russia) ? Che difende Sovranismo e Stati Musulmani ? Il premio promesso alla Cina potrebbe essere parte dello stesso territorio russo, il più ricco del mondo di risorse energetiche. Fantapolitica o reale possibilità ?

    • sublime
      31 Marzo 2021

      Ho già le atomiche sotto il culo, ora mi aggiungi :quella che anch’io ritengo una reale possibilità,vuoi proprio rovinarmi il resto della settimana?Sempre se si sarà un resto della settimana!

      • Arditi, a difesa del confine
        31 Marzo 2021

        è evidente che una parte dei poteri forti preme per il passaggio del bastone di comando da stati uniti a cina, ieri l’altro leggevo un articolo sulle partecipazioni del fondo blackrock : la lista di aziende cinesi è bella corposa, quelle russe sono zero.

        la cina fa parte del meccanismo, probabilmente quelli che qui la inneggiano quando se ne accorgeranno sarà ormai troppo tardi

        • Nessuno
          31 Marzo 2021

          Come al solito “Ardito” sul confine sbagliato

        • Giorgio
          31 Marzo 2021

          Inneggio alla Cina solo in quanto, e se, antiamericana …… questo è pragmatismo non ideologia ……

      • Nessuno
        31 Marzo 2021

        La politica è l’arte del possibile, non della fantascienza. I Cinesi non sono stupidi, SANNO che qualunque premio offri loro lo zio Sam non gli verrà dato

        • sublime
          31 Marzo 2021

          Sì ti mettono la carota davanti,ma come ti distrai :te la infilano di dietro.

        • atlas
          1 Aprile 2021

          la Cina ci confina con la Russia, direttamente. E’ tutto molto semplice l’allargare i confini, viviamo alla giornata

          ‘nessuno’ se l’aspettava che avrebbero chiuso tutto in pochi giorni ?

          E invece con i Generali dei militari delle multinazionali al potere hanno vinto democrazia e antifascismo

Inserisci un Commento